Utente 514XXX
Alla cortese attenzione del dottor Ferraloro
Gentilissimo dottore, circa un anno fa ho cominciato ad avere una strana serie di sintomi. Tutto è cominciato con un rialzo della pressione con picchi di 200/110 che mi spaventavano e nel giro di alcune settimane ho cominciato ad avere anche degli attacchi di panico. Dopo avere consultato il mio medico mi è stato prescritto del Xanax ma gli attacchi di ipertensione non cessavano. Tornata dal mio medico mi ha consigliato di fare una visita cardiologica che è risultata nella norma (elettrocardiogramma, ecocardio etc..). Mi è stato prescritto di prendere del Cardicor 1,25 per tenere sotto controllo il battito perché si era aggiunta anche una forte tachicardia. La pressione si è normalizzata ma mi si è aggiunto un nuovo sintomo. Sentivo le orecchie ovattate da prima solo la sinistra poi anche l'orecchio destro. Sono stata dall'otorino e mi ha prescritto del Fluimucil ma il disturbo non migliorava. Durante le crisi ipertensive sentivo spesso il collo contratto,siccome ho sempre sofferto di cervicali ho deciso di prendere un appuntamento dal mio ortopedico e dalla sua fisioterapista e dopo un'accurata visita mi è stata diagnosticata una postura errata, l'ortopedico diceva che tendevo a tenere il collo troppo in avanti e questo poteva essere la causa dello squilibrio alle orecchie e mi ha prescritto dei trattamenti laser e qualche trattamento manuale per sistemare il collo. Nel frattempo il mio medico di base mi aveva anche prescritto del Seractil 400mg e il disturbo sembrava molto migliorato. Ma dopo un ultimo trattamento dalla fisioterapista la situazione era precipitata nuovamente, avevo di nuovo le orecchie tappate e sentivo come i nervi infiammati quindi li ho sospesi. Ho fatto una rx cervicale che ha evidenziato invece un collo rettilineizzato. Poi si sono aggiunti altri sintomi: sentivo come una contrattura agli zigomi, alla fronte e dietro l'orecchio sinistro. Ho iniziato così una lunga serie di indagini da molti specialisti fisiatri, reumatologi e anche 2 visite neurologiche tutte negative. Mi è stato prescritto un antidepressivo che non ho assunto perché sono contro questi tipi di farmaci e soprattutto non mi sentivo una persona depressa forse stavo diventando ansiosa dato i problemi di salute. Quindi avevo deciso di continuare solo con lo Xanax però in dosi maggiori come d'accordo con il mio medico 20 gocce la mattina, 10 prima di cena e 10 prima di coricarmi. Il neurologo mi aveva detto di distrarmi e di non pensarci che eliminando lo stress tutto sarebbe passato. In realtà il sintomo è peggiorato notevolmente. La contrattura sulla fronte si è estesa al cuoio capelluto che è diventato contratto e quasi bloccato in certi momenti. Il dermatologo ha escluso che si possa trattare di sclerodermia o simili. Ora le mie domande sono: è possibile che si tratti di una somatizzazione dell'ansia fino a tal punto? Potrebbero invece essere i nervi che mi danno queste sensazioni di parestesia? Grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

le ipotesi più probabili che si possono avanzare a distanza sono essenzialmente due, la somatizzazione ansiosa e la tensione o contrattura muscolare, quest’ultima già confermata dalla rettilineizzazione della colonna cervicale. Anche la contrattura cervicale può essere sostenuta e accentuata da stati ansiosi.
La prescrizione dell'antidepressivo non era poi così impropria in quanto questa categoria di farmaci non si utilizza solo per la depressione ma anche per gli stati ansiosi e le varie somatizzazioni d’ansia.
Senza una visita diretta non è possibile aggiungere altro.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 514XXX

La ringrazio della risposta. Per motivi di spazio ho tralasciato alcuni sintomi, uno fra i tanti è che quando mi sdraio a letto la testa appoggiata al cuscino mi da molto fastidio e la sento maggiormente contratta soprattutto sopra l'orecchio sinistro dalla parte dove è partito il problema. Inizialmente sentivo come una pressione al lobo dell'orecchio.
Un altro disturbo che mi causa diversi disagi è la messa a fuoco guardando il cellulare, anche in questo caso sento che mi si contraggono i muscoli ai lati del cranio. Ho preso appuntamento da un oculista per fare controllare le lenti che in questo momento non sto portando perché anche l'utilizzo degli occhiali mi causa fastidio alla muscolatura. Forse potrà sembrarle una domanda sciocca ma avevo cominciato a sollevare le sopracciglia corrugando la fronte molto spesso durante la giornata per controllare se il sintomo peggiorava, questo movimento secondo lei può avere invece intensificato la contrattura?
Sono entrata da pochi mesi in menopausa, ho la pelle secchissima forse anche questo può influire sulla percezione di contrattura al cuoio capelluto? Oppure si potrebbe trattare di nervi periferici? Nell'ultima radiografia fatta oltre alla rettilineizzazione mi è stato riscontrato una minima riduzione dei forami di coniugazione c4-c5 e c5-c6 ma l'ortopedico osservando la lastra ha detto che potrebbe addirittura trattarsi di una situazione che ho già dalla nascita e che comunque avvertirei disturbi alle braccia e non al cuoio capelluto.
Non è possibile vero che questo possa essere un effetto collaterale del Xanax? Ci sono altri esami che io possa fare per escludere qualsiasi patologia?
Non ce la faccio più a sopportare ogni giorno le contratture alla testa. Sto cercando qualsiasi strada per curare questo disturbo.

La ringrazio nuovamente dottor Ferraloro e aggiungo che la stimo moltissimo come medico e mi fido molto dei suoi consigli e delle sue risposte.