Utente 517XXX
Gentile dottore, ho 30 anni e le scrivo per avere un consiglio su un referto di una RM effettuata a encefalo e midollo spinale. Tutto è cominciato da improvvise vertigini ripetute avute nel letto durante la notte con conseguenti formicolii agli arti e dolori sparsi agli avambracci seguiti da tremore di tutto il corpo e stato di agitazione. Senso di spossamento, debolezza alle gambe e vertigini con dolori agli arti anche durante tutto il giorno. (per una settimana)Finchè una notte ho avvertito tutta la parte sx del corpo intorpidita compreso metà viso, guancia mascella sinistra e sensazione di punture di spilli e prurito sulla pelle ovunque. dopo aver accusato un forte dolore improvviso giorni prima alla parte bassa della schiena. Ho effettuato una visita d'urgenza con esami del sangue nella norma, una TAC risultata negativa e una consulenza con una neurologa che mi ha consigliato una risonanza magnetica effettuata privatamente. Questo il referto: RM ENCEFALO: non si rilevano alterazioni di segnale nè impregnazioni a carattere patologico. Gli spazi liquorali periencefalici sono di ampiezza nei limiti. Nulla di notevole da segnalare in fossa cranica posteriore.
RM MIDOLLO: Protrusione discale mediana a C4-C5 E D5-D6 a D6-D7 e a D7-D8
Regolare ampiezza canale vertebrale
Sottile cavità sirongomelica a C6-C7 e a D8-D11
Adesso Vi chiedo posso stare tranquillo di non avere malattie demielinizzanti riguardo la cavità sirongomelica presente sul referto e se secondo voi è necessaria una nuova consulenza con il neurologo?
Grazie attendo risposte

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
può stare tranquillo perché nel caso di siringomielia e di malattie demielinizzanti si tratta di due condizioni patologiche completamente disaffini che cioè non hanno alcuna parentela. Tuttavia questo reperto della Risonanza deve essere attentamente valutato dal Neurologo, che potrà eventualmente ritenere opportuno eseguire ulteriori accertamenti di carattere funzionale.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it