Utente 520XXX
Buonasera, sono un ragazzo di 23 anni e scrivl per chiedere un consulto su un mio problema che va ormai avanti da mesi, più o meno dalla metà di ottobre. Premetto che poco prima che si verificasse, stavo affrontando un periodo molto stressante, sia fisicamente che per l'università, il tutto condito da poche ore di sonno e riposo. Tutto comincia una domenica, in cui mi sveglio più stanco del solito, da lì in poi è stato un peggioramento continuo. Ho iniziato ad avere delle forti e frequenti cefalee, molto diverse da quelle sporadiche emicrania che colpivano 1-2 volte l'anno. Sembravano infatti coinvolti i muscoli, con un senso di pressione, diverso da quel dolore pulsante dell'emicrania. Questi mal di testa prendevano spesso solo un lato della testa, ma a volte si irradiavano anche a tutta la testa, spesso e volentieri prendevano gli occhi, e non passavano con nessun tipo di FANS. Insieme a questo, anche febbricola persistente a 37.2/37.3, e un senso di sbandamento/annebbiamento continuo, con problemi del sonno ( per alcuni giorni sono arrivato anche a dormire 12/14 ore al GIORNO, eppure ero sempre stanco), mancanza di appetito per quasi 2 settimane. Seguono:1) RMN encefalo smc NEGATIVA, 2)RX torace NEGATIVA, 3)esami del sangue (emocromo, VES, tiroide,toxoplasmosi megacitalovirus, monunecleosi) e delle urine tutte NEGATIVA, 4) visita oculistica (dolore continuo agli occhi e sbandamento) otorino (sempre per gli sbandamenti, e perchè avevo una piccola vescicola/bolla a livello del condotto uditivo esterno) NEGATIVE anche queste. Con il passare delle settimane, iniziano ad attenuarsi alcuni sintomi, come i mal di testa, rimane sempre la stanchezza, quel dolore costante agli occhi, quel senso di sbandamento e annebbiamento, ma iniziano a venirne fuori altri: per un buon mese dal dormire troppo sono passato al non riuscire più per niente( sonno molto disturbato, continui risvegli), stanchezza muscolare, specialmente le gambe, in particolare la sinistra, con tremori sotto sforzo e fascicolazioni che sono costanti a livello dei polpacci e sporadiche altrove. Seguono tra dicembre e gennaio: 1) EMG 4 Arti (trovate le fascicolazioni a livello dei polpacci, no segni di denervazione o neuropatia motoria 2)visita neurologica (leggera iperriflessia e consiglio di ripetere EMG), 3) analisi del sangue (Cpk, ANA, elettroliti, tutto nella norma).
Attualmente, posso dire di stare un po' meglio rispetto a quando è partito tutto, diciamo che dormo normalmente adesso ma ho sempre un senso di grande stanchezza muscolare, queste fascicolazioni (forse la cosa che più di tutto mi preoccupa), dolore sempre agli occhi un e senso di appannamento continuo. Questo mi ha portato delle ricadute, sia in termini di forma fisica (non riesco più ad allenarmi), universitaria e anche psicologicamente mi ha messo a terra. Ho forse fatto più esami in 4 mesi che in tutta la mia vita e ancora non ho una risposta. Ringrazio in anticipo, e chiedo scusa per la lunga esposizione.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro giovane,
credo che tu possa sentirti abbastanza tranquillo per aver effettuato le indagini e le viste che hai citato con esito tutto sommato nella norma. Non lasciar andare la tua fantasia su paure che quasi sempre sono infondate. La cefalea che hai descritto può di certo trovare scaturigine nel tuo stato di tensione legato all'intenso studio universitario cui ti sei sottoposto. La cefalea di tipo tensivo si esprime esattamente in quelle manifestazioni che hai riferito. Alla stessa stregua si potrebbe inquadrare il senso di fatica cronica che stai provando.Il mio consiglio è che tu non abusi di antalgici e che ti prenda ad intervalli dei periodi di relax.
Se vuoi avere una panoramica sulla cefalea di tipo tensivo, leggi il mio articolo di cui ti accludo il link.
Cordialmente
https://www.medicitalia.it/salute/neurochirurgia/139-cefalee.html
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 520XXX

Gentile Dr. Mauro Colangelo,
la ringrazio per la celere risposta. Sinceramente ho pensato anche io a questo, però sà, dopo tanto che comunque si sta così, si comincia anche a temere qualcosa di più grave, anche perchè non avevo mai avuto di questi problemi prima. Io spero di tornare a star bene come prima. La ringrazio nuovamente, anche per l'interessante articolo che sto leggendo con piacere.