Verosimile angioma atipico rachide cervicale

Salve,
ho recentemente effettuato una RMN del rachide cervicale in seguito a forti dolori e cervicalgie che mi stanno condizionando le giornate in maniera significativa. Soffro sporadicamente di mal di testa e dolori da anni soprattutto dopo aver avuto un incidente automobilistico con conseguente forte colpo di frusta avvenuto tre anni fa. Dall'esame è emersa, come anche da quello effettuato 2 anni fa, una verticalizzazione de l rachide e una lieve protrusione tra c5 e c6. Attualmente sono seguita da un fisioterapista per ripristinare una situazione muscolare più sciolta e per cercare di alleviare i sintomi. da quanto ho capito non è nulla di irrisolvibile e dovrei risolvere con un po' di fisioterapia e accortezze posturali. Quello che mi preoccupa di più dal referto, visto anche che sono molto giovane, è che è emersa una "piccola formazione ovalare di mm 5 iperintensa in T1 ,T2 e STIR in prima ipotesi riferibile ad angioma atipico, meritevole di confronto con precedenti analoghi strumentali, non portati in visione ovvero di follow up a distanza di 4 mesi". Confrontando con il fisioterapista e un ortopedico la lesione pare tale e quale alla risonanza di ottobre 2017 dove non era però stata refertata. Sono stata tranquillzzata in merito in quanto sembra una lesione benigna ma vorrei ulteriori chiarimenti o indicazioni per avere una diagnosi differenziale. Guardando un vecchio dischetto con risonanza lombare (dove ho una piccola ernia discale) abbiamo visto che forse c'è una " pallina" simile in una delle vertebre lombari. Questa cosa mi sta dando un po' di preoccupazione visto che sono un soggetto tendenzialmente ansioso. Spero di avere qualche chiarimento e consiglio. Ringrazio in anticipo e spero di aver scelto la sezione giusta
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile ragazza,
se il referto descrive un verosimile angioma situato all'interno di un corpo vertebrale (Lei non ci dice in quale vertebra), ciò non deve destare preoccupazione in quanto gli angiomi in tali sedi, nella maggior parte dei casi (e soprattutto se di piccole dimensioni), non hanno importanza clinica.
Resta però il fatto che la sintomatologia che riferisce appare alquanto invalidante ("forti dolori e cervicalgie che mi stanno condizionando le giornate in maniera significativa").
A distanza non è possibile valutare le immagini ed eventuali sintomi oggettivi (ovvero quei segni che si evidenziano alla visita medica) e la loro eventuale relazione con la protrusione in C5-C6.

Sarebbe quindi utile una valutazione specialistica.


Con cordialità

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa