Freddo tremori mal di stomaco

Salve,

da diverso tempo, più o meno a partire dallo scorso autunno - anche se altre sporadiche volte mi era successo in passato- accuso una particolare sensazione di freddo molto intenso appena mi metto a letto, tanto da non riuscire a scaldarmi in nessun modo, a volte.
La sensazione di freddo è soggettiva e parte dallo stomaco, che devo tenere particolarmente al caldo, tutte le volte che mi corico, ormai...
ma il freddo è profondo, e lo sento in tutto il corpo.
Inoltre ultimamente, a causa di un periodo di forte stress lavorativo, conclusosi circa un mese e mezzo fa, e per il quale avevo sconvolto i ritmi sonno-veglia in maniera importante, ed anche quelli alimentari, ho avuto un problema mestruale che mi ha portato a perdere molto sangue.
Da allora accuso di tanto in tanto dei tremori, generalmente prima di mangiare, ed accuso una sensazione di fame abbastanza pronunciata. Dopo la cura prescritta dalla ginecologa a base di ferro, vitamine del gruppo b, magnesio e potassio, sono stata praticamente bene. Ma dopo circa 3 o 4 settimane, la cosa si è ripresentata, anche se in maniera molto più lieve. Una settimana fa ho fatto il test per controllare l'emoglobina glicata, ma era perfettamente nella norma.
Quindi, non riesco a capire da quale lato prendere questi sintomi...percio' chiedo un vostro consiglio, anche se sono cosciente che dovrei fare almeno una gastroscopia e a breve qualche visita, che rimando sempre a causa degli impegni...ma a volte mi sento intorpidita, quasi rallentata, e la cosa mi preoccupa un po'... Di norma bevo dai 3 ai 5 caffè al giorno. I miei disturbi potrebbero dipendere da questi ultimi? Mi domando se possa essere uno squilibrio neurovegetativo... o se invece debba cercare un endocrinologo, e/o un gastro-enterologo...Ringrazio in anticipo chi potrà gentilmente fornirmi un parere.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 74.8k 2.3k 20
Gentile Signora,

non mi pare di vedere una sintomatologia neurologica, probabilmente la Sua attenzione va rivolta altrove, dove? È difficile stabilirlo senza una visita medica.
A mio avviso è più attendibile un parere del Suo medico curante sia perché La conosce meglio di noi sia perché ha la possibilità di visitarLa.
Potrebbe effettuare preliminarmente i dosaggi degli ormoni tiroidei (FT3, FT4) e TSH.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la sua risposta!

Saluti!
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 74.8k 2.3k 20
Di nulla.

Buona domenica