Utente
Cari dottori buongiorno, sono Ivano, 44 anni, nuovo utente. Sono molto ansioso e ipocondriaco: due anni fa, in cura da psichiatra per ansia e depressione (preso citalopram per un anno e mezzo e l’ho smesso da 7-8 mesi non ricordo bene). Sono fissato con la misurazione della pressione (mi fa piacere se è sempre più bassa, al mattino ho i 105-110 di massima e 70-73 di minima, la sera poco prima di andare al letto anche 95-100 e 62/65). Per intenderci se trovo 125/82 e sono agitato vado in agitazione completa! Soffro in maniera importante di dolori cervicali (feci una tac cervicale 7 anni fa e già c’era un principio di spondilosi). Oggi quasi non piego più il collo lateralmente e al mattino mi sveglio spesso con dolori a collo e testa. Ho fatto visita oculistica da poche settimane e tutto ok anche il fondo oculare tutto bene e buona la pressione degli occhi 13-15. La dottoressa ha detto che sono normali queste mosche volanti che da qualche anno continuo a vedere. Mi ha consigliato caldamente gli occhiali da lettura (1,50) che ho acquistato ma regolarmente non utilizzo. ECCO IL PUNTO Ieri mattina, mentre ero alla materna con mio figlio, per la prima volta ho avuto un episodio a quanto ho capito di emicrania oftalmica ma senza alcun dolore in seguito. Documentandomi da solo su internet mi ritrovo con le caratteristiche dell’aura visiva. Mi sono molto spaventato, mi sembrava di non riuscire a vedere l’ultima letterina delle parole. E poi è comparsa questa strisciolina a zig zag di colori che si spostava sempre più a destra (e che vedevo anche a occhi chiusi). Il tutto è durato 15-20 minuti ed è scomparso mente ero in attesa dal medico curante che è lì accanto. Lui mi ha tranquillizzato misurandomi la pressione (ero agitato: 130/70) e dicendomi di stare tranquillo. La pressione poi a casa era 113/75. Ma ora sono agitato perché ho attribuito tutto a qualcosa di cerebrale. vivo col terrore che possa ripresentarsi da un momento all’altro. Da novembre scorso combattiamo con un tumore al seno che ha colpito mia moglie (intervento e chemio che termina domani). Dico poi che da circa un mese mi sto allenando in casa (flessioni, addominali) al mattino pochi minuti dopo essermi svegliato in maniera molto intensa e di corsa per far presto e uscire con i bimbi. Sono spesso nervoso e intrattabile. Dico poi qualcosa di me che forse può aiutare. Io ho perso mio fratello (aveva 24 anni e avevo un rapporto speciale) in un incidente dieci anni fa, quell’anno nel 2009 mi sono sposato ed è andato tutto ok. Dopo un anno è iniziata la mia ansia. Nel corso degli anni tante volte al ps per le extrasistoli (che ho sempre avuto ma che lì sono diventate un tormento). Elettrocardiogrammi diversi, visite cardiologiche sempre tutto ok. In mezzo anche visite neurologiche perché a pensavo di avere la SM. Sempre tutto ok. Poi ho perso il lavoro (sono un giornalista oggi disoccupato) e quindi il trasferimento dalla calabria in l’Emilia con moglie e due bimbi. Grazie mille a tutti voi

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

innanzitutto si tranquillizzi, si nota la Sua ansia anche da come scrive.
Detto questo, l’episodio che ha bene spiegato ha le caratteristiche di un'aura visiva, non si evince però se dopo ha avuto mal di testa. Considerata però la Sua precisione, non avere riportato la cefalea dovrebbe significare che non si è manifestata.
Il più frequente fattore scatenante un'aura visiva è lo stress psicofisico e mi pare che a Lei non manchi.
Faccia tranquillamente una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee e stia sereno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Dottore grazie mille di cuore,
È questo un momento per me in cui è molto molto difficile tranquillizzarmi.
Il pensiero, come le dicevo, è quello che si possa manifestare da un momento all’altro e che magari l’aura visiva già avuta sia l’esordio di un ictus imminente.
E se dovesse ripresentarsi mi chiedo? Mah... Già in tarda mattinata oggi volevo andare in pronto soccorso perché - dopo aver guardato un forte riflesso solare in strada - mi è rimasto per forse un minuto una sorta di linea verde luminosa che vedevo muoversi davanti gli occhi e che si spostava. Mia moglie mi ha rasserenato un po’
Poi sono preoccupato perché il mio curante non ha ritenuto di prescrivere un consulto da un neurologo. Per quanto riguarda ieri NON HO AVUTO MAL DI TESTA di alcun tipo nè durante nè successivamente. Solo in serata avvertivo come un dolore pesantezza sulla parte dell’osso in linea con le sopracciglia a sinistra. Ma mi capita spesso con la cervicale di sentire doloretti simili anche sul capo, a volte a destra, a volte a sinistra. E spesso cambiano o aumentano/diminuiscono a seconda del movimento del collo. Ci ho quasi fatto l’abitudine.
Quindi dottore caro lei ritiene debba farla la visita dal neurologo?
Grazie mille ancora per la sua professionalità

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in questi casi la visita neurologica è indicata, serenamente però e senza allarmismi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora dottore...
Allora vorrà dire che se il mio
medico non ne è convinto, ci andrò privatamente.
In merito a quanto le dicevo prima - e glielo voglio ribadire sol perché le sue parole mi rasserenano un bel po’- se dovesse ricapitare, come comportarsi? Può essere un principio di ictus?
E un’ultima... tutto il quadro descritto che porta al mio sintomo dell’aura visiva potrebbe essere figlia di un aggravarsi del mio problema cervicale?
Grazie mille ancora per la Sua pazienza e competenza

Un abbraccio dottore

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se l'episodio dovesse ripetersi non deve fare nulla, se poi tali episodi dovessero ripetersi in maniera ravvicinata esistono delle terapie di prevenzione che il neurologo Le indicherà.
Le ricordo però che ancora non ha una diagnosi definita, a meno che non l'abbia fatta il medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Grazie caro dottore. Le confermo che anche che, visto nel pomeriggio di oggi il mio curante, ha detto che probabilmente è stato un episodio sì di aura visiva che, in considerazione degli stress, dell’emotività e della personale ansia, può capitare in una persona come me. Ha liquidato il tutto dicendomi che non è assolutamente necessaria la visita dal neurologo perché tanto non c’è nulla. Ma se dovesse ricapitare, mi ha detto, non venire da me, vai direttamente al pronto soccorso . Mah...e questo ovviamente mi ha gettato nel panico. Quindi vuol dire che così arrivano anche patologie gravi?
Grazie ancora dottore. Ovviamente andrò da un bravo neurologo privatamente

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nessuna patologia grave, si tranquillizzi e non si faccia prendere immotivatamente dal panico.
Le ricordo che il più frequente fattore scatenante è lo stress psicofisico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Caro dottore buongiorno, lei ha perfettamente ragione, ma la mia ansia (tremenda adesso) è dovuta al fatto che fino a oggi - pur essendo molto ansioso e ipocondriaco - le mie manifestazioni sintomatiche erano andate più o meno sempre nelle stesse direzioni (agitazione, extrasistole, rossore viso, parestesie varie, punture di spilli...) avere oggi, a 44 anni, avere questa nuova manifestazione strana per me e angosciante mi ha molto molto scosso. E sono nel panico che possa ripresentarsi. non fa parte insomma della rosa dei sintomi che ho avuto per ansia generalizzata e ipocondria e stress e tensioni e pensieri vari. Quindi nella mia testa ora il tutto è legato a qualche grave problema.
Grazie mille ancora

[#9] dopo  
Utente
Dottore caro buongiorno,
confermandole il fatto che sono rimasta molto deluso dal comportamento del mio curante (ormai avendomi etichettato come ansioso ipocondriaco qualsiasi sintomo credo lo faccia originare da questo). Volevo allora avere sue risposta, in attesa di una visita che farò da privato, riguardo a questo. Può essere stato un attacco ischemico tipo TIA?
Da quando è capitato mi sono tornate piccole parestesie a viso e braccia e capo. Sento poi quasi sempre una sorta di bruciore piccolo tipo pruritino in entrambi gli occhi. Poi a volte come un senso di pesantezza sul capo a destra (il lato da cui ho visto l’aura che poi è scomparsa mano mano all’estrema destra).
Grazie ancora dottore

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, ritengo poco probabile l’ipotesi di un TIA.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Caro dottore buongiorno.. scusi il ritardo nella risposta, ho fatto poi (contro il parere del mio curante) una completa visita neurologica. tutto molto bene. Il
Neurologo/psicoterapeuta mi ha anche fatto elettroencefalogramma e un colloquio psicologico. Esami perfetti dal punto di vista clinico, ha quindi concluso (ascoltando i miei racconti) con una patofobia e un’ansia generalizzata molto accentuata. Prescrivendomi quindi una terapia con Alzopram.. . che
però non ho ancora iniziato perché tranquillizzato dal punto di vista medico, ho poi preferito (lo so.. . sbagliando) non iniziare.
Oggi Dottore le scrivo per una cosa diversa ma che mi ha messo in nuovamente in ansia: da qualche giorno ho notato sul cuoio capelluto (sulla sommità del capo ma anche verso la nuca) alcuni rigonfiamenti (credo 3 o 4) come piccolissime palline che sono un po’ dolenti al tatto. Onestamente ho già avuto qualcosa di simile qualche mese fa, ma non ci diedi peso.. . poi mi sembra siano scomparse (o comunque non le cercavo più tastandomi la testa.. . mentre in questi giorni lo faccio continuamente).
Mi sono preoccupato e per questo le ho scritto.
Grazie mille ancora per la sua professionalità e disponibilità.
Cordiali saluti

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza una palpazione diretta non è possibile dare un parere attendibile, si faccia visitare dal Suo medico curante.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, andrò dal mio curante in agosto quando sarò rientrato. Non riuscirò prima. Le chiedevo infatti anche per questo motivo, per tranquillizzarmi.. . il pensiero infatti è sempre quello che possa trattarsi di qualcosa di grave (cisti o lipomi).
Grazie ancora
Saluti affettuosi

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non è possibile stabilirlo a distanza, penso che lo capisca bene.
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente
Dottore buonasera le scrivo nuovamente per episodio di aura visiva... ormai è il terzo in sei mesi. Dopo visita neurologica ok di giugno (dopo primo episodio ) di cui le ho scritto... non ho poi però voluto iniziare la terapia contro l’ansia. Speravo fosse un episodio isolato. Ne ho poi invece avuto un altro meno intenso nei primi gironi di settembre (periodo di grande stress lavoro e preoccupazione per la salute di mia moglie) e un altro ieri sera (la mia situazione è sempre sul filo e vivo costantemente con ansie e preoccupazioni varie) mentre guardavo la tv. Anche in questo caso aura visiva Sempre e comunque senza mai avere emicrania o mal di testa nè durante nè dopo. Durate sempre tra i 20 e i 25 minuti.
Ieri però ieri sera sono andato in pronto soccorso. In stato di grande agitazione ... i sintomi erano passati ma ero molto in ansia con pressione a 140/93. E qui in ps osservando il referto del neurologo di giugno e facendo una breve visita neuro, un elettrocardiogramma e un piccolo colloquio sulla mia storia, il medico ha concluso ancora con ansia generalizzata (prescritto nuovamente Alprazolam) cercando di tranquillizzarmi in tutti i modi. Consigliandomi anche terapia supporto psicologico.
Io continuo purtroppo a essere molto preoccupato che possa celarsi qualche patologia vascolare e continuo a diffidare delle terapie a base di psicofarmaci.
Sarebbe opportuno secondo lei eseguire altri esami? Per indagare la causa di questi episodi di aura visiva?
Grazie mille dottore per la sua professionalità

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le aure visive sono quasi sempre a causa sconosciuta, lo stress psicofisico può essere solo un fattore scatenante.
Ha mai effettuato una RM encefalica?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente
No dottore mai fatta. Come le spiegavo in una mia risposta precedente, il neurologo dopo visita neurologica approfondita e elettroencefalogramma non ha ritenuto di prescrivere nuovi esami.
Qualche settimana fa ho fatto tutte le analisi del sangue possibili e immaginabili. Tutto
Ok su tutta linea (solo bilirubina a1,4 con il valore max segnato a 1,2).
E poi non se ricordo di averle detto che mio papà ( che oggi ha quasi 80 anni) ne ha sofferto per qualche anno, qualche anno dopo la morte di mio fratello nel 2009 . Ha avuto ricordo diversi episodi in due o tre anni, fece al tempo solo la visita oculistica. Ma ( anche lui molto ansioso e chiaramente devastato dalla perdita del figlio) è sempre stato ansioso e in cura con Tranquirit. Nesssun medico diede particolare perso a quei sintomi. Ora da qualche anno i fenomeni di aura visiva sono scomparsi.

[#18]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

solitamente un'aura visiva con visita neurologica negativa non necessita di ulteriori approfondimenti diagnostici, io Le ho chiesto se avesse effettuato la RM solo per tranquillizzarLa considerato che mi è parso particolarmente preoccupato.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente
Sì certo avevo compreso. A breve in ogni caso tornerò per un controllo dallo stesso specialista e valuteremo. Il problema vero, come avrà capito, è la mia ansia generalizzata. Vivo male molte situazioni e quindi arrivo ad avere una pessima qualità di vita (....e diciamo pure che la vita stessa negli ultimi anni purtroppo mi ha dato schiaffoni molto pesanti). Tutti Eventi che mi hanno reso ansioso, ipocondriaco, patofobico e quindi iper sensibile a qualsiasi segnale del mio corpo.
Ho sperimentato nel corso degli anni tachicardia, extrasistole, parestesie in diversi distretti del corpo, dolori vari, nausee... Ma non avevo mai sofferto di aura visiva, ne tantomeno di emicranie o cefalee varie. Il fatto di avere avuto questi episodi e senza mai aver il minimo mal di testa mi gettato molto nel panico perché (forse) con un mal di testa l’avrei metabolizzata come emicrania e stop. In questo modo invece temo possa essere la spia di qualcosa di grave.
Grazie mille ancora per il suo aiuto