Utente 422XXX
Buona sera,
Scrivo in merito al referto della risonanza magnetica con contrasto fatta da mio padre, di 72 anni, che manifesta dei problemi a livello cognitivo.

Abbiamo eseguito la risonanza perche il neurologo sospettava una sindrome di Alzheimer.

Il referto dice:

Presenza di alcune sparse areole di alterato segnale iperintense nelle sequenza T2. . . . . . . Da riferire a gliosi su base vascolare
Lo studio in diffusione non ha evidenziato aree di restrizione della diffusibilità delle molecole d acqua
Assenza di potenziamenti patologici del segnale dopo somministrazione EV
SVS in asse
IV ventricolo in sede
Spazi sub aracnoidei della volta e della base di normale ampiezza.


In base a questo, il neurologo aveva ragione?
Chiaramente torneremo da lui subito dopo le sue ferie, però nel frattempo volevo avere un riscontro "immediato"


Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i problemi cognitivi potrebbero essere su base vascolare da vasculopatia cerebrale, meno su base neuronale (Alzheimer) senza peraltro poterlo escludere del tutto.
In ogni caso si devono visionare direttamente le immagini dell'esame.
Si può approfondire il caso con esami più specifici qualora il neurologo li richiedesse e con test neuropsicologici.
Fondamentale è anche il colloquio col paziente, cosa che da qui ovviamente non è possibile fare.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro