Utente
Buonasera dottori.
Vi scrivo per avere un parere sulla mia attuale situazione.
Da circa 4 o 5 giorni sto accusando sintomatologia influenzale, quindi il tipico mal di gola, un po' di febbre, raffreddore e tosse molto grassa.
Sono sulla strada della guarigione quindi mi preoccupo poco di questi sintomi, quanto piuttosto della tosse.
Fin da quando sono bambino il decorso tipico dell'influenza a me è: mal di gola che poi quando si toglie lascia spazio a un forte raffreddore che anch'esso quando si risolve lascia spazio ad una tosse molto grassa che talvolta continua anche per settimane ma senza altri problemi.
Non sono nuovo quindi alla tosse grassa e non è la prima volta che tossendo molto forte inizio a provare dolore ai muscoli addominali, toracici e del dorso (lo stesso dolore che provo quando faccio sport insomma, essendo anche abbastanza sedentario penso di accusarlo anche in maniera piu marcata).
Quello che però mi sta preoccupando è che per la prima volta in vita mia la tosse mi sta portando il mal di testa... non mi era mai successo prima d'ora e perciò mi sto spaventando.
Sono anni che soffro di emicrania cronica con svariati attacchi mensili e per cui ho iniziato una terapia preventiva a base di Ergotamina che devo dire ha avuto i risultati sperati.
Il problema sta nel fatto che questo mal di testa è completamente diverso da quello tipico dell'emicrania, che penso di conoscere bene ormai.
Questo dolore è piu che altro a livello frontale/temporale e talvolta c'è e talvolta no, lo accuso molto però quando mi alzo in piedi o quando mi sto sedendo, anche se dura giusto 5 o 6 secondi.
All'inizio non me ne preoccupavo minimamente ma poi ho letto che la cefalea da tosse può essere causata dalla discesa delle tonsille cerebellari al di sotto del forame magno nella fossa cranica posteriore e ho iniziato a preoccuparmi.
Mi tranquillizza l'idea che la cefalea non sarebbe l'unico sintomo che avrei se fosse questa la situazione ma comunque essendo che è una situazione completamente nuova per me ho comunque un po' di paura.
Un paio di anni fa ho eseguito una tac all'encefalo per indagare maggiormente i miei mal di testa quotidiani e non venne rilevata alcuna anomalia strutturale.
Dite che devo bollare questo mal di testa come "dovuto al forte sforzo della tosse" e preoccuparmene soltanto se a distanza di 4 o 5 giorni dovesse continuare oppure di non perdere tempo e andare a fare una RMN dell'encefalo?
Io in primis vorrei evitare di fare esami se la situazione non lo richiede, però non vorrei di certo trascurare una condizione che potrebbe essere piu seria di quello che sembra.
Attendo un vostro parere a riguardo, grazie del tempo dedicatomi.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dalle caratteristiche che descrive, soprattutto la brevissima durata e la localizzazione fronto-temporale, la cefalea sembrerebbe primaria da tosse e non secondaria ad altre problematiche cerebrali. In tal caso regredisce spontaneamente con la contemporanea regressione della tosse.
Ovviamente questa è solo un’ipotesi a distanza, ne parli pure col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Perfetto, la ringrazio molto per la celere risposta e soprattutto per aver fugato le mie paure a riguardo. Terrò sotto controllo la situazione in tal caso e vedrò come si evolve la cosa. Ne approfitto per chiederle se secondo lei può essere utile prendere un antitussivo come il levotuss per sopprimere la tosse e trovare un po' di sollievo dal mal di testa o se in tal caso è meglio evitare, pur dovendo continuare ad accusare questo mal di testa. Fin'ora non ho preso nulla perchè ho pensato che se la tosse è grassa sopprimerla forse farebbe piu male che bene visto che comunque il muco è pieno di batteri, ma voglio comunque chiedere il suo parere a riguardo. Grazie ancora per il tempo dedicatomi.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se la tosse è 'invalidante' ne parli col medico curante, altrimenti faccia fare il suo decorso naturale, in tal caso dovrebbe regredire spontaneamente nel tempo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro