Utente
Buongiorno dottori, a novembre 2019 mi è stato diagnosticata una trombo embolia polmonare per colpa del cerotto anticoncezionale.
I miei sintomi erano dolore al petto e braccio a tratti formicolato.
Sto prendendo pradaxa 150 x 2, ivabradina per tachicardia, foster per asma e al bisogno un anti panico.
Ho fatto tac con contrasto al torace (che ha permesso di trovare la trombo embolia polmonare) e una tac senza contrasto alla testa.
Dopo due mesi dalla terapia il dolore al torace va e viene... il formicolio e come avessi una anestesia al braccio sinistro persiste e inoltre negli ultimi giorni si è esteso alla metà della faccia sinistra.
Questo sintomo va e viene... tutti i medici dicono che non ho niente, forse è solo ansia ma ho forti dubbi.
È possibile che dopo due mesi di pradaxa e una tac fatta a novembre io possa comunque avere un TIA che è passato inosservato?
Sono molto preoccupata, grazie a chi mi risponderà.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

un TIA che passa inosservato per sua definizione non è possibile in quanto causa sempre una sintomatologia, anche se transitoria.
Invece un’ischemia cerebrale di piccole dimensioni può passare inosservata (ischemia silente) ma può non essere il Suo caso.
Il consiglio che Le posso dare è di rivolgersi ad un neurologo e approfondire il caso mediante RM encefalica e midollare.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, grazie della risposta. Come si sa in Italia per una RM passano mesi e mesi prima di farla, purtroppo. Secondo lei cosa può essere?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza una visita diretta e a distanza non è possibile stabilire cosa possa essere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro