Utente
Buongiorno, circa 6 settimane fa ho cominciato a manifestare forti disturbi del sonno, dalla classica impossibilità di prendere sonno, al riposo non "riposante" nel senso che magari mi addormentavo anche presto ma la mattina ero distrutto dopo un sonno agitatissimo.

Ho sempre avuto una pessima qualità del sonno, dall'adolescenza in poi, quindi i primi giorni non mi sono preoccupato.

I sintomi sono purtroppo continuati, arrivando a portarmi una debolezza molto forte, leggeri giramenti di testa e senso di pesantezza in testa (che io imputavo\imputo ad un pessimo sonno).

Dopo circa 10 gg dall'inizio dei sintomi mi sono recato dal mio medico di base, che mi ha prescritto un elettroencefalogramma.

Da questo sono risultati "lievi segni aspecifici di disfunzione a carico dell'emisfero cerebrale sx".

Sono tornato dalla mia dottoressa, che mi ha prescritto una visita neurologica e nel mentre mi ha dato il Valium per addormentarmi la sera.

La notte continuo a dormire poco, anche con 20 gocce di Valium non supero le 4\5 ore, sento tachicardia e leggera emicrania durante il giorno (come se avessi la pressione bassissima, ma misurandola è si bassa ma in valori a mio avviso contenuti 110\65).

Chiaramente sto aspettando di eseguire la visita neurologica, ma data la situazione covid 19 le prestazioni ambulatoriali sono sospese.

Sono un soggetto molto ansioso e in famiglia storia di depresso bipolare (fratello di mia madre).

Sono molto preoccupato e sto pensando di richiamare la dottoressa per farmi fare una visita con carattere di urgenza.

Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la visita neurologica è chiaramente indicata, il collega poi in base ai riscontri della visita stessa potrebbe richiedere eventuali esami diagnostici se lo riterrà opportuno.
Se venisse esclusa l’origine neurologica potrebbe poi orientarsi verso l’origine psichica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la celere disposta.

Sulla base dei sintomi è secondo lei il caso di richiedere impegnativa urgente al mio medico di base?

Sono abbastanza preoccupato.

Grazie ancora Dottore.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia non sembrerebbe avere carattere d’urgenza ma se Lei si sente più sicuro effettui la visita neurologica urgente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro