Utente 170XXX
Gentili Dottori,
sono la mamma di un bimbo di 18 mesi che presenta un ritardio nell'area motoria o almeno rispetto ai coetanei non riesce ancora a mantenersi in equilibrio da solo e a lasciarsi da superfici di appoggio.Premetto che è già stato visto da un neuropsichiatra infantile che non ha trovato motivi di preoccupazione se non una leggere ipotonia a braccia e gambe ma ha segnalato che lo schema del passo è presente, che il bambino interagisce perfettamente con l'ambiente circostante ed è anzi molto sveglio e curioso, io però non riesco a tranquillizzarmi e quindi vorrei un parere anche da questo sito, sempre per me utilissimo.Il bimbo è nato a 36 settimane con un focolaio di broncopolmonite e senza capacità di respirare autonomamente.è stata fatta infatti terapia con ossigeno.E' stato allattato per 7 mesi al seno, a 6 mesi ha subito un latro ricovero sempre con terapia di ossgento per bronchiolite.Da questo episodio è incorso diverse volte in bronchite ostruttive a carattere asmatico che ci hanno indotto ad effettuare altri accertamenti(prove allergiche e test del sudore, tutto negativo)il bimbo è sttao comunque dichiarato asmatico ed è attualmente in terapia con singulair.Essendo rientrata presto a lavoro,è sttao spesso lasciato con mia nonna materna e quindi spesso sul passeggino, poco stimolato al movimento e all'espolarazione.Ha iniziato a stare seduto da solo a 8 mesi, a gattonare perfettamente dopo l'anno,a tirarsi seduto da solo sempre intorno all'anno ma con maggiore frequenza da quando frequenta l'asilo.Interagisce perfettamente con tutti i bambini, li slauta, tira baci, fa carezze, imita tutti i nostri gesti,indica gli oggetti che vuole , fa si e no con la testa, dice qualche parola,mamma,papà,grazie,acqua,nonna.Ha iniziato verso i sei mesi a dire mamma ed è molto agile nei movimenti delle mani.Gattona velocissimo,passando con altrettanta velocità dalla posizione a quattro zampe a quella seduta, si tira su appogiandosi a superfici e si sopsta di lato aggrappandosi ad ogni postazione.mura comprese(andatura costiera come lha definita il dottore)cammina se tenuto solo con una mano ma in maniera ancora un pò goffa, perfettamente con tutte e due le mnai.spinge e cammina senza problemi se appoggiato a qualcosa(abbiamo acquistato un carrellino per i primi pasi)se lo si lascia si mette seduto o si butta in avanti.Tutti mi dicono che è questione di tempo ma io sono sempre molto preoccupata.
Cosa ne pensate?
Riingrazio in anticpo per l'attenzione riservatami
Distinti Saluti

[#1] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile mamma del bambino,
condivido il parere del vostro neuropsichiatra infantile. Il bambino ha i ritmi di sviluppo normali nelle altre aree, mentre nell'area motoria, benché è in ritardo, lo sviluppo non è fermo, ma sta comunque progredendo da una fase ad altra. Questi sono i fattori positivi, che evidenziano le potenzialità del bambino.

Più che preoccuparsi, ha senso aiutare al bambino ad avere le condizioni ottimali per lo sviluppo.

Lei stessa ha notato che in alcuni periodi il bambino non è stato stimolato abbastanza al movimento; spero che adesso è stimolato più ottimamente.

Tuttavia, è il fattore legato all'apparato respiratorio che potrebbe essere stato più critico. Darei attenzione ai controlli medici della malattia respiratoria e della terapia prescritta. Può essere difficile distinguere un'infiammazione su base asmatica da una su base infettiva, che possono anche coesistere. Il bambino è nato quasi a termine, ma questo "quasi" lo ha reso più suscettibile a contrarre una broncopolmonite alla nascita (quella alla nascita è stata diagnosticata come una broncopolmonite su base infettiva ? da quale microbo ?). Il farmaco (Singular, nome chimico: montelukast) accanto al beneficio per l'asma, siccome abbassa il livello dell'attività del sistema immunitario (nell'asma il sistemo immunitario bronchiale è "iperattivo"), allo stesso tempo predispone alle infezioni delle vie respiratorie. Non tutti gli specialisti condividono l'uso continuativo di questo farmaco nei bambini così piccoli.

Per quanto riguarda la parte respiratoria, stiamo però entrando nell'ambito che non è mio, e Le consiglio di chiedere un parere anche nella sezione di Pediatria.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#2] dopo  
Utente 170XXX

Gentile Dottore,
in attesa di una risposta da questo sito,il bimbo si è finalmente lasciato ed ha iniziato a camminare autonomamente e quindi sono felicissima di aver constatato l'esattezza delle previsioni del neuropsichiatra e quindi delle Sue e di aver ritrovato la tranquillità in questo ambito. Vista la Sua disponibilità ad approfondire il tema respiratorio,Le faccio alcune precisazioni.Il bambino è nato con ditress respiratorio e focolaio di broncopolmonite a sinistra(area tra l'atro dove si sviluppano sempre all'oscultazione rumori e sibili)abbiamo però ripetuto le lastre e non hanno evidenziato nulla.Nessuno ha saputo dirmi com eil bambino l'abbia contratta nè da cosa dipendesse ma solo alcune ipotesi .Ho fatto visitare il bambino al Meyer ,prima nella sezione di fibrosi cistica dove gli è stato eseguito il test del sudore negativo per fortuna e poi dal primario di allergologia che ha effettuato su cute la reattività per uova.latte,pomodoro,un tipo di muffa e polline, tutte senza esito ed è quindi stata diagnosticata una iperattività bronchiale dovuta alla bronchiolite presa a sei mesi e somministrato Singulair per tutti i mesi invernali.Il bimbo tollera bene questo faramaco e non è più incorso in crisi respiratorie(lo prende da Dicembre)ma in effetti ha molta facilità ad ammalarsi ed ad essere colpito da infiammazioni del tratto aereo superiore con episodi febbrili numerosi e con elevate temperature.Chiederò consiglio come da Lei suggerito,intanto la ringrazio per la Sua gentilezza e disponibilità.
Distinti Saluti