Utente 312XXX
Salve. Vorrei sottoporre la mia situazione perché sono molto confusa. Ho un bimbo di quasi 14 mesi. Purtroppo ho affrontato molte difficoltà di carattere medico e familiare anche durante la gravidanza. Da quando è nato, parto naturale e ultra rapido, temo che abbia qualche problema, anche perché in gravidanza mi avevano diagnosticato un problema celebrale, poi smentito. Per gravi problemi con il padre del bambino e la sua famiglia sono stata per giorni sola con il bimbo, senza un aiuto. Credo di aver fatto tanti errori con il mio piccolo! Ho scelto una maternità ad alto contatto, visto che il mio bimbo piangeva sempre e voleva stare sempre in braccio, così ho usato fascia, mai passeggino, dorme in braccio ancora oggi e dopo mille difficoltà, ancora allatto! Sono felice che sia andata così, ma restano in me dei dubbi sulla sua salute. Appena fa qualcosa che Penso anomalo mi allarmo e ahimè internet conferma ogni mia paura. Tipo: mi sembra che sia un pò sfuggente nel guardare negli occhi anche noi genitori, non mi guarda molto neanche quando l'allatto, devo sempre cercare di catturare la sua attenzione. Ha un atteggiamento ribelle da sempre al cambio, urla, si arrabbia tanto anche per altre cose che non gradisce, tipo se gli si nega qualcosa di pericoloso.Oppure si mette a capo alto per vedere le luci al soffitto, luci da cui è a volte attratto, o batte a tempo un piedino e spesso canticchia o fa un mugolio , specie quando è stanco, prima di dormire ma anche se si annoia. Fattori così mi fanno pensare all'autismo. Il mio piccolo cammina da quando ha circa 11 mesi, è attento a tutto, curioso al massimo, un butta all'aria che non ci si crede. È molto indipendente e vorrebbe fare tutto da solo, prende le cose che riesce senza aspettare, l'attesa lo stressa tanto, sopratutto quando è in casa. Sorride sempre a tutti, anche a gente che non conosce, li saluta, ma a volte anche ai giocattoli o al cibo, quindi temo non sia un sorriso sempre sociale. Abbraccia i pupazzi, ma manda anche baci a persone, mmeno tenero con noi genitori e quasi sempre su richiesta. Sorride se sorridiamo o vede farlo. È molto attratto dai bimbi, ma a volte ha dato morsi se non lo capivano o non facevano come voleva. Dice una sorta dì mamma, "babba" e una parola che usa un pò per tutto con qualche leggera variante di suono. Però se gli si chiede dove sono mamma o babbo non si gira a cercarci se siamo lì presenti, ma se mi nascondo mi cerca finchè non mi trova. Non indica con il ditino, ma con tutta la mano che allunga per mostrare cosa vuole. Ti mostra tutto ciò che vuole o gli chiedi. Esegue i comandi che gli vengono dati, tipo butta un bacio o batti le mani o porta- prendi questo oggetto, ma non sempre. A volte è un pò come se fosse sordo, specie se fa qualcosa che gli piace fare. Risponde quasi sempre al nome. Adora essere rincorso e l'altalena, anche il gioco del cucù. Gioca a far finta di telefonare o a preparare e dare da mangiare. Ama leggere i libri con me è riconosce alcune figure, tipo il cane o gatto di cui sa il verso e che adora. Non ha senso del pericolo, farebbe cose assai pericolose ed è capitato che si facesse male forte sbattendo, nonostante la nostra supervisione. È spesso un pò uggioso e nonostante i nostri sforzi non sempre lo capiamo. È molto attaccato a noi genitori, piange se ci vede andar via, specie con me madre, però va anche con persone che non conosce, si fida molto dell'altro anche se sconosciuti, cosa che mi da molto da pensare, ma tutti mi dicono che è solo tanto festoso. Ma alcuni si sono stupidi che non piangesse se preso da estranei. Da quando è nato è molto sensibile ai rumori, cosa che fa ancora. Si spaventa per rumori forti ed improvvisi; ad esempio, se siamo al centro commerciale si tocca le orecchie e fa capire che è un pò disturbato, ma poi non è così agitato se ci deve rimanere anche se a volte c'è tanta confusione.Questo è il quadro generale, ma gli aspetti no che ho elencato sono legati all'autismo, così ho letto su internet e vorrei un vostro parere. Ha fatto una visita con il neurologo e non neuropsichiatra perché mi hanno detto che era troppo piccolo. Il problema erano i terrori notturni che ancora ha ma più leggeri e un episodio di spasmo affettivo. Il sonno del mio bimbo è ancora tanto disturbato, ha sussulti, tipo scosse di pochi secondi, si muove di continuo, anche in modo agitato dando spesso botte con piedi, mani o testate.A volte parla nel sonno e digrigna i denti o si alza, pur dormendo ancora! Il medico ha confermato che è in linea con lo sviluppo psico fisico e ha solo detto che il sonno migliora con la crescita. Eppure sono tanto confusa e dubbiosa e temo sempre che abbia qualcosa. Nè amici, nè il padre hanno questi miei dubbi. Riconosco che è un bimbo molto vivace ed intelligente e spero che sia la mia stanchezza a farmi vedere problemi in mio figlio che in realtà non ci sono. Solo che poi leggo che le mamme con dubbi hanno ragione perché l'istinto non mente e così vado nel caos. Da ciò che ho descritto, c'è qualche sospetto di patologia secondo voi? So che non potete fare diagnosi via web, ma ci terrei ad un vostro parere .Appena nato la famiglia del mio compagno, ora allontanata, ha fatto di tutto per indurmi alla depressione più nera, per distruggere me e la famiglia che ho, non immaginate le violenze psicologiche che mi hanno fatto. In quel periodo di tante discussioni mi ero convinta che avesse una sindrome chiamato william e poi un'altra, roba rara che neanche l'amniocentesi che ho fatto avrebbe trovato! Insomma, non riesco a capire se è un problema mio, una mia fissazione o l'istinto che parla. Preciso anche che per il mio bambino ho fatto immense rinunce e sacrifici, molto più di come vedo fare a molte altre, visto che non ho alcun aiuto. La mia famiglia d'origine è inesistente, ho avuto un' infanzia a dire poco tragica! Quanto ai miei suoceri, Tanto per dire quanto male mi hanno fatto, vi dico una banalità fra le tante cattiverie:visto che mio figlio non mi assomiglia affatto per mesi sono stata offesa con questa faccenda che veniva usata per farmi sentire lontano il mio bambino che era invece molto somigliante a suo padre e a sua nonna paterna, una donna cattiva che ci odia e che per fortuna ora il compagno ha allontanato, il tutto unito ad umiliazioni perché non allattavo e molto altro! Poi altri mille problemi che ho cercato in ogni modo di non far pesare al mio piccolo, ma purtroppo non sempre ci sono riuscita. Vorrei un vostro prezioso parere. Purtroppo internet fa un pò da untore e le persone deboli e sole come me possono alimentare le loro paure. Oppure sono fondati i miei dubbi? Grazie!

[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora, mi permetta un affettuoso suggerimento per il Suo bene e soprattutto per il bene del bimbo... si rilassi!
Da quanto dice del Suo bambino e pur con i limiti del mezzo col quale comunichiamo, io credo che sia del tutto normale che un bimbo così piccolo non veda i pericoli.ha infatti bisogno di essere seguito e accompagnato nella scoperta del mondo e quindi come tutti i bambini è ingenuo e si fida di tutti anche di perfetti sconosciuti...
Questo non significa mica essere autistico. Ciò che però appare evidente dalle Sue parole è una certa preoccupazione che sembra eccessiva. Capisco le difficoltà incontrate nella gravidanza e dopo ilparto ma ora sembra che Lei abbia bisogno di recuperare la giusta serenità che occorre per fare bene la mamma.
Se da sola non riesce è utile una buona rete sociale ma anche un supporto psicologico.
Si goda questo momento con il Suo bambino.

Cordiali saluti
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica