Utente 207XXX
Buongiorno gentile medico,
Le scrivo perche vorrei un consiglio su un evento che mi ha spiazzata molto. Il mio ragazzo, 23 anni, ieri è stato colpito da una amnesia temporanea, dalla sua descrizione: i pensieri erano confusi e per qualche minuto, sempre nei suoi pensieri non è riusciva a ricordare il motivo per cui era seduto al tavolo con i suoi compagni universitari, nè il nome della materia che stavano studiando e neppure il mio cognome e il nome di sua mamma; insomma, uno stato completamente vigile ma confusionale. Dopo qualche minuto prendendo un po di aria si è ripreso e tutto è tornato alla normalità, seppur non ricorda esattamente cosa sia accaduto in quei minuti di vuoto. Io aggiungo che il giorno prima aveva un fortissimo mal di testa (forse emicrania, date le chiazze bianche che vedeva) passato solo con l'assunzione di novalgina.
Gentile dottore io sono davvero preoccupatissima per questo episodio, mi darebbe un consiglio su come agire, è il caso di qualche esame neurologico? quale potrebbe essere la causa? Il mio ragazzo è fumatore e davvero molto stressato per l università, ma
Non è possibile associare allo stress questi sintomi che a me sembrano molto importanti.
Spero possa rispondermi, la ringrazio davvero molto. Saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non escludendo l'origine ansiosa e da stress dell'episodio descritto, molto frequente all'età del Suo ragazzo, sarebbe opportuno però effettuare una visita neurologica anche per valutare l'attacco cefalalgico che ha avuto, probabilmente preceduto da aura visiva (chiazze bianche di cui Lei parla).
Eventuali esami diagnostici verranno richiesti dal neurologo in modo mirato all'esito della visita.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 207XXX

La ringrazio molto per la gentile risposta!
Lui soffre da tempo di emicrania quindi non ci siamo preoccupati più di tanto. Il nostro timore è nato dalla possibilità che possa essersi trattato di un piccolo ictus... In questi giorni è stato bene, ma sicuramente lo spingeró nel fare una visita mirata, per escludere tutto ed essere più tranquilli.
Cordiali saluti e grazie ancora per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in caso di cefalea, di qualunque tipo, è corretto avere una diagnosi precisa.
Non pensi ad ictus perchè non si sarebbe risolto in poco tempo.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 207XXX

Grazie davvero.
Buon fine settimana anche a lei,
saluti.