Utente 466XXX
Buonasera a tutti chiedo una informazione premetto sono in ansia più completa, ho 37 anni nel 2000 ho avuto una lesione ischemica, la tac senza metodo di contrasto scriveva dubbia area di ridotta densità in sede insulto temporale sinistra
Dal febbraio 2017 ho iniziato ad aver problemi alle orecchie con acufene ed orecchie tappate ovattate,il problema è scomparso da giugno per ripresentarsi in settembre. Sono anche allergico l otorino mi ha prescritto più esami da fare tra cui abr ed ultimo tac massicio facciale .
Il referto della tac massicio facciale dice: che ho il naso convesso con sperone incuneato contro
Il turbinato inferiore omolaterale
Concha bullosa sinistra
Ipertrofica la mucosa del turbinato inferiore sinistro
Ispessite le parti molle della rinofaringe
Si segnala in sede fronto temporale sinistra vasta area ipodensa irregolarmente sfrangiata di intenso significato che consiglia ripetizione Dell indagine con mezzo di contrasto o eventuale risonanza magnetica con contrasto.
Ho paura il problema dell udito sia correlato alla lesione della testa che stia accadendo qualcosa
Ora sono in attesa di fare la risonanza magnetica con contrasto

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se non si localizza esattamente la sede dell'area ipodensa riscontrata alla TC non è possibile stabilire se sia all'origine dei disturbi all'orecchio.
In tal senso è corretta l'indicazione ad effettuare la RM con mezzo di contrasto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 466XXX

La ringrazio per la risposta , sono in attesa per il 21 novembre di fare la risonanza con contrasto poi l aggiornerò, la ringrazio nuovamente

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Va bene, può farmi sapere l'esito della RM encefalica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro