Utente 189XXX
Gentili Dottori,
la settimana scorsa ho finalmente fatto la visita presso un noto specialista di Roma per accertarmi se posso o meno fare l’intervento alla miopia.
Premetto che mi mancano – 7 ° ad entrambi gli occhi. Nonostante il professore dove sono andata sia tra i più noti del campo,devo dire che la visita mi ha lasciato alcuni dubbi:
1)Ha affermato che posso fare l'intervento pur non avendo ultimato gli accertamenti(che si faranno il giorno stesso dell'operazione)Dato il mio spessore corneale potrei fare indifferentemente qualunque tecnica.Ma possibile che debba deciderlo io?
1)Essendo portatrice di lenti a contatto da 15 anni, mi è stato detto che basta toglierle 15g prima di fare l’intervento (quando in passato mi hanno detto che serviva almeno un mese)
3)Nel 2008 mi è stato riscontrato(da ben due medici) all’occhio destro: “areola di bava di lumaca con foro retinico paravascolare h 12,areola di bava di lumaca con microfori in formazione h 1”
A distanza di 4 anni possibile che tale foro non ci sia più?Il dottore ha affermato che la mia retina è intatta.O magari il problema è stato ritenuto ininfluente ai fini dell’operazione e quindi per questo non menzionato?
Chi può darmi consigli al riguardo?
Vi ringrazio in anticipo,
Saluti
Claudia

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera,cercherò di rispondere ai suoi quesiti:

1) probabilmente il collega le ha misurato lo spessore corneale (pachimetria) giudicandolo congruo per qualsiasi tecnica,magari su la base della sua esperienza, si è spinto un po oltre riguardo il giudizio di certa operabilità confidando nel responso positivo degli accertamenti che comunque dovrà effettuare prima del trattamento. Riguardo alla tecnica effettivamente dovrebbe consigliarla il medico in relazione al caso specifico.

2) 15 giorni senza LAC sono sufficenti.

3) Il problema retinico (se effettivamente è presente) e ininfluente riguardo all'intervento, ma va comunque valutato attentamente.

Cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo