Utente 289XXX

Sono diventato strabico da qualche mese. Ho l'occhio destro che converge verso il naso con un angolo che va dai 20°-30°. Il mio strabismo non è causato da problemi neurologici e nemmeno da paralisi dei muscoli oculari.

Le mie domande riguardano le lenti prismatiche e l'intervento chirurgico:
Perché un oculista mi dice che con le lenti prismatiche la diplopia verrà eliminata mentre un altro mi dice che nel mio caso non servono a niente??

E perché questi due mi consigliano l intervento mentre un terzo mi consiglia di non farlo??



[#1] dopo  
Dr. Antonio Pascotto

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2001
Prenota una visita specialistica
Le prospettive e le proposte terapeutiche non sono sempre le stesse perché la Medicina, per quanto basata sull'evidenza clinica, risente delle interpretazioni, la competenza e l'esperienza di noi medici.

Se vuole il mio parere, lo strabismo acquisito si può curare: con le lenti prismatiche per piccole deviazioni o per provvedimenti provvisori, con la chirurgia per le altre situazioni.

In bocca al lupo!
Dottor Antonio Pascotto
Tel. 081 554 2792
www.oculisticapascotto.it

[#2] dopo  
Utente 289XXX

La ringrazio per la risposta.

Le vorrei chiedere altre quattro cose:
1)Per piccole deviazioni quanti gradi intende? Fino a che grado sono considerate piccole deviazioni?
2)Io ho un angolo di deviazione di 32°, le lenti prismatiche mi possono eliminare la diplopia o la deviazione è eccessiva??
3)Vorrei un parere da parte sua non solo come oculista ma anche da padre. Se fossi suo figlio mi farebbe operare o no??
4)Noto che al mattino quando mi sveglio la deviazione è evidentissima , ma con il passare delle ore diminuisce(la diplopia persiste). Se l'intervento mi viene fatto in base alla prima deviazione con il passare delle ore c'è il rischio che il mio strabismo da convergente diventi divergente ?


La ringrazio nuovamente della sua attenzione per il mio caso.