Come convincere un familiare a farsi visitare

Buongiorno,
mia madre porta le lenti a contatto da quasi 30 anni e non ha mai voluto avere gli occhiali di ricambio. Non so per quale motivo non voglia portare gli occhiali, forse una fobia. Negli ultimi anni la situazione è peggiorata in quanto spesso non si toglie le lenti nemmeno più per dormire. Di conseguenza, la pupilla dell'occhi sinistro ha cominciato a dilatarsi fino a coprire parzialmente o totalmente l'iride. L'occhio stesso sta iniziando a puntare verso un'altra direzione.
Purtroppo, non c'è verso di convincerla a farsi visitare da un oculista. Non appena tento di nominarle questa parola, va su tutte le furie e non mi parla più per mesi. Siccome vivo all'estero, mi è molto difficile tenere sotto controllo questa situazione. Mio padre e mio fratello sembrano meno preoccupati di me di questo problema e non fanno granché per aiutarmi, nonostante loro vivano con lei. Ogni volta che torno a trovarla, trovo che l'occhio sia peggiorato. In questi giorni, ho provato a chiedere a qualche medico della zona, i quali, dopo aver loro descritto il problema all'occhio, mi hanno detto che non è un bel segno. Sono davvero preoccupata che mia madre possa rischiare di perdere l'occhio se non si interviene subito.
Potete darmi qualche consiglio? Come posso convincerla? Sapete se esistono servizi sanitari o se tramite l'ASL è possibile avere un oculista che faccia visite a domicilio?
Grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Luigi Marino Oculista, Medico legale 17k 570 396
visite medico specialistiche oculistiche a domicio e' raro
proprio per casi molto particolari
E' necessario eseguire esami strumentali.
quello che mi racconta della sua mamma non e' bello

a pavia
dott giulio vandelli

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della risposta, dott. Marino.
Purtroppo anche altri oculisti ai quali ho chiesto mi hanno risposto la stessa cosa. C'è il rischio che diventi cieca?
Grazie dell'attenzione.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test