Utente 401XXX
Gentili medici,
buonasera e grazie per il tempo che mi dedicherete.
Fino all’anno scorso non ho mai avuto problemi di vista.
I miei problemi all’occhio sinistro sono comparsi improvvisamente 8 mesi fa: era fine maggio quando mi resi conto di avere un’aumentata sensibilità alla luce, specialmente fissando delle fonti luminose (finestre), ma soprattutto mi resi conto che la visione binoculare risultava sdoppiata in senso orizzontale sul lato sinistro del campo visivo. La diplopia svaniva chiudendo un occhio alla volta.
Il tutto era accompagnato da un senso di dolore e pressione dell’occhio sinistro.
La sera, notando che i problemi non svanivano, mi recai dalla guarda medica che mi prescrisse una visita oculistica di urgenza, che effettuai il giorno successivo. La visita non riscontrò alcun problema oftalmologico evidente e successivamente mi vennero prescritti:
- uno schermo di Hess Lancaster (risultato regolare)
- analisi del campo visivo con visita ortottica (risultato nella norma)
- una visita neurologica: nella norma; un nistagmo a scosse più evidente in lateroversione sx (già rilevato durante una visita del 2008 per cefalea tensiva) fece propendere il neurologo per la richiesta di alcuni ulteriori approfondimenti:
- risonanza magnetica tronco encefalica con e senza MDC: nella norma
- ricerca anticorpi antirecettori acetilcolina, per fugare il dubbio di una Miastenia Gravis: negativa
- esami degli ormoni tiroidei: nella norma
A luglio, al termine di queste indagini diagnostiche, mi venne suggerito dal neurologo di tornare dall’oculista e di valutare con lui il da farsi.
Da allora alla diplopia ed al senso di dolore all’occhio sinistro si sono aggiunti la comparsa delle miodesopsie sempre all’occhio sinistro, che hanno l’aspetto di un’onda d’acqua che si muove dal basso a dx verso l’alto a sx quando muovo lo sguardo e che deformano l’immagine retrostante, nonché il suo arrossamento dopo lo sforzo lavorativo davanti al PC.
Da fine luglio ad oggi ho effettuato 3 visite specialistiche in privato presso medici primari in oculistica, ma le risposte con cui sono stata invariabilmente liquidata sono state simili: la mia diplopia ed il dolore oculare sono un’enigma che potrebbe risolversi o no con il tempo, e le miodesopsie all’occhio sinistro derivano da una fluidificazione dell’umor vitreo, effettivamente anomala per la mia età.
Aggiungo che solo il primo dei 3 medici, a luglio, ha effettuato l’esame della pressione intraoculare.
Le persone che mi conoscono hanno confermato la mia impressione che il mio occhio sinistro sia comunque leggermente più sporgente e più aperto di quello destro e che lo sguardo, nel fissare davanti a me, non sia perfettamente allineato: l’occhio sinistro tenderebbe a deviare leggermente verso l’alto a sx.
Ringrazio anticipatamente chi potrà aiutarmi a comprendere come affrontare questi problemi che stanno seriamente compromettendo la mia qualità di vita.

[#1] dopo  
Dr. Enzo D'Ambrosio

36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Ciao,
Visto il BMI e i sintomi potrebbe trattarsi di una oftalmopatia di Basedow, il dosaggio degli ormoni tiroidei non basta. Il consiglio è quello di recarsi, oltre che da un endocrinologo, da un oculista esperto di questa malattie o di malattie infiammatorie oculari, meglio se dotato anche di in ecografo A-scan.
Dr. Enzo D'Ambrosio - Centro Mediterraneo Uveiti
Centro Oftalmico D'Ambrosio - Taranto
www.centroftalmicodambrosio.eu - cercaci su Fb!

[#2] dopo  
Utente 401XXX

gentile dott. d'Ambrosio, grazie per la risposta.
In questi mesi ho provato profondo scoramento nel sentirmi rimbalzata dagli specialisti in oculistica senza i dovuti approfondimenti da Lei suggeriti, come rivolgermi ad un enodcrinologo o effettuare l'ecografia oculare. Spesso il paziente finisce per sentirsi come un insieme di pezzi e non come una persona.
Lei ritiene che eventuali tumori oculari, che sono al momento la mia più grande paura (ad es. ho letto molto a proposito di melanomi della coroide) sarebbero già stato evidenziati dalla risonanza magnetica con MDC effettuata?
La ringrazio molto per la Sua cortesia.

[#3] dopo  
Utente 401XXX

Mi permetto di aggiungere che negli ultimi giorni (da almeno 10 gg) noto inoltre la persistenza di un dolore alle ossa dello zigomo e delle orbite, che mi accompagna tutto il giorno.