Utente 325XXX
Buonasera dottori,
vi scrivo per chiedervi un consiglio.
Fino all'età di 5 anni circa ho succhiato il pollice sx; cio ha comportato un'inevitabile morso aperto a sx con conseguente movimento innaturale della lingua e (nn so se si dica cosi) discesa della mandibola a sx.

All'età di 18 anni, a dicembre 1988, ho messo l'apparecchio fisso che, con l'ausilio di vari elastici, ha detta del dottore avrebbe rimesso a posto sia denti che risollevato la mandibola.

Nel 2000, visto i miglioramenti dei denti, al posto dell'apparecchio fisso mi viene messo un apprecchio mobile sul palato con una specie di griglia per impedire alla lingua di sbattere sui denti.

Inveitabilemente dopo qualche mese i denti comniciarono a rispostarsi e visto anche che la mandibola nn si era assolut risollevata, esposi le mie perplessita al dottore che solo allora mi disse che per risollevare la mandibola ci voleva un'operazione e che la causa dello spostamento dei denti era da attribuirsi al modo errato di muoversi della lingua.
Mi scrisse su un folgietto degli esercizi d fare per rieducare la lingua, che, scoraggiata, feci ben poco.

Premettedno che nn ho mai avuto problemi di bloccaggio o di dolori alla mandibola e di affollamento sup o inf, a distanza di 16 anni i denti dell'aracta sup pur rimanendo dritti, tendono verso sx cioè l'asse dell'arcata sup è inclinato in diagonale verso sx e questo accentua il morso aperto che anche se corretto cmq cè sempre.

Capisco che senza una visita è quasi impossibile anche dare consigli, cmq ci provo quello che vi chiedo è:
1. alla mia età è possibile rieducare il movimento della lingua?
2. è consigliabile un apparecchio di manetnimento?
3. è vero che cmq solo l'operazione al tempo mi avrebbe risollevato la mndibola?

grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Emilio Nuzzolese

32% attività
0% attualità
12% socialità
MATERA (MT)
BARI (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Certamente un approccio al problema in età di sviluppo avrebbe portato ad un risultato più ottimale e stabile. In mancanza di esami clinico-strumentali e radiografici non posso esprimermi circa l’opportunità di un intervento. In genere in età adulta si cercano dei risultati di compromesso, proprio per evitare la chirurgia.
Resta comunque efficace l’esercizio della muscolatura della lingua, magari con l’ausilio di un logopedista, per migliore la situazione attuale. In genere è meglio anche mantenere l’apparecchio di contenzione.
Dott. Emilio Nuzzolese
Odontoiatra, Dottore di Ricerca
Chirurgia Orale, Odontologia Forense

[#2]  
Dr. Vincenzo Bellinvia

24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Gentile Signora,
1)direi che a 34 anni i denti non si spostano per azione della lingua e che" rieducare il movimento della lingua"poco ci azzecchi con i Suoi problemi ortodontici.
2)reputo sia consigliabile una terapia ortodontica,previa accurata valutazione dei problemi
3)...del senno di poi...occorrerebbe una documentazione storica per fare questo tipo di valutazione.
Cordialmente
DOTT. VINCENZO BELLINVIA
Medico chirurgo
Specialista in odontoiatria
Specialista in ortognatodonzia
Specialista in chirurgia maxillo-facciale
Consulente tecnico -Tribunale di Milano
Via Giotto 19 20145 Milano
Tel. 02/48005144 - Fax 02/43316699
E-mail studiomedico@bellinvia.it
dott.bellinvia@bellinvia.it


DOTT. VINCENZO BELLINVIA
Medico chirurgo
Spec. in ortognatodonzia
Spec. in odontostomatologia

[#3]  
Dr. Pietro Convertino

24% attività
4% attualità
0% socialità
ALBEROBELLO (BA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Cara paziente, premetto con il dirle che un morso aperto se scheletrico (presumo sia così)è impossibile da correggere in età adulta se non con un trattamento ortognatodontico-chirurgico.
Per cui la sua decisione deve essere quella o di convivere con il suo problema, se alla fin fine non le dà sintomatologia, oppure quella di intraprendere una strada seria in mano a professionisti qualificati che purtroppo non può escludere il trattamento chirurgico.
La riabilitazione della lingua può essere di grande aiuto ma solo dopo l'intervento per prevenire recidive anche minime perchè ora con il morso aperto presente qualsiasi riabilitazione della lingua fallirebbe il giorno in cui cessa di fare gli esercizi.
Altresì può decidere di non far nulla e fare solo una semplice terapia di contenzione per prevenire una ulteriore vestibolarizzazione del gruppo frontale dovuta a problemi parodontali fisiologici in parte con l'avanzare degli anni in qualsiasi soggetto ancor più in pazienti senza una stabilità occlusale.
In Toscana ed a Firenze soprattutto vi sono degli ottimi parodontologi ed anche ortognatodontisti.
Comunque rimango a sua disposizione per qualsiasi chiarimento anche telefonico.
Saluti

Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra

Perfezionato in ortognatodonzia
Perfezionato in chirurgia orale avanzata e implantologica
Master in postura e Kinesiologia applicata
Consulente tecnico Tribunale di Bari

Alberobello (Ba)
Tel 080-4322607
E-mail studio.convertino@tiscali.it
Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra