Utente
Gentile staff, sono un ragazzo di 23 anni e vi scrivo perchè ieri sono stato dal dentista, dal quale stò curando alcune carie ai denti. Ieri però mentre mi faceva l'otturazione mi dice di avere una Leucoplachia nell'interno guancia sinistra, senza specifarmi che cosa fosse. Alla fine, prima di andarmene ho chiesto spiegazione e lui mi ha parlato di questa lesione bianca in guancia e mi ha detto che la ricontrollerà nel prossimo appuntamento.
In realtà mi sono accorto da diverso tempo (tipo ottobre) ,ma forse anche più, di soffrire di questo problema sia nella guancia sinistra, sia in quella destra.
Tornando a casa poi, non avendo avuto troppe informazioni da parte del dentista, mi sono messo a cercare su internet (anche in questo sito) dove si parla di una lesione precancerosa ma che NON SI ELIMINA CON LO SFREGAMENTO.
In realtà è capitato più volte in questi mesi (anche ieri dopo la visitia) che ,quando notavo queste "chiazze" bianche in bocca, con il dito o semplicemente con la lingua andavo a sfregarle. Il risultato è la rimozione della "lesione", come se questa fosse costituita da "pellicine" morte. Infatti poi sul dito o sulla lingua mi rimangono queste pelliccine che sfregato via dall'interno guancia. Successivamente mi possono rimanere dei taglietti rossi non sanguinanti, che scompaiono in un giorno o due all'incirca.
Questa cosa quì non l'ho fatta presente ieri al dentista, anche perchè ne abbiamo parlato giusto un secondo di questa Leocoplachia.
Dico solo quello che ho detto a lui:
-non fumo (al massimo avrò fumato 10 sigarette in tutta la mia vita);
-non bevo (se non saltuariamente qualche week-end);
-non ho mai messo apparecchi ai denti..gli unici problemi a livello odontoiatrico sono state le carie finora;
-eseguo circa ogni 3-6 mesi il test dell'hiv (che ho letto può essere un altra causa della lesione);
-queste lesioni le noto dopo delle giornate fredde ed umide. Io respiro molto con la bocca (infatti dovrei operarmi ai turbanati) .

Attendo una vostra risposta perchè sono molto preoccupato dopo aver letto che queste lesioni possono evolvere in cancro in una percentuale non poco trascurabile di casi.
Tuttavia da quello che vi ho scritto, la diagnosi di Leocoplachia da parte mia mi sembra un pò azzardata..poi io non sono nessuno per poterlo dire..mi baso solo su quello che leggo..
Ne parlerò meglio giovedì con lui, ma intanto volevo un vostro parere perchè a me è salita un'ansia assurda.

Vi ringrazio anticipatamente per la risposta, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
il fatto che sia simmetrica sulle guance spesso è una caratteristica che si evidenzia in corrispondenza della superficie occlusale ( dove i denti dell'arcata superiore e dell'inferiore vanno a contatto
la diagnosi certa la si può fare con una biopsia e comunque la si tiene controllata-monitorata negli anni
inutile sfregarla in quanto costituisce un trauma continuo che è un fattore stimolante
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente
Ok dottore, grazie per la risposta. Ma ho motivo di preoccuparmi in generale???

[#3]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
è una lesione molto frequente stia tranquillo ma va tenuta comunque sotto controllo
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it