Utente 502XXX
Buongiorno,
Venerdì 13/7 ho eseguito nella clinica maxillo facciale di Firenze l estrazione di un dente del giudizio inferiore destro incluso posizionato orizzontalmente e a contatto con il nervo. L intervento è durato 1.30 e il chirurgo a seguito di vari tentativi nn riusciva a togliere il dente ho sentito molto dolore quando provava con delle leve a togliere il dente e a seguito ha fatto altra anestesia dopo vari tentativi 20 minuti e molto dolore il dente è stato tolto. Il chirurgo ha detto che in nervo nn era stato lesionato ma urtato diverse volte ha proceduto con la sutura mi ha prescritto antibiotico augmentin e anti dolorifico al bisogno. Io fin da subito ho provato molto dolore è dopo aver applicato ghiaccio e preso un toradol mi sono fatto accompagnare a casa. Dopo 40 minuti ero un pallone nonostante il ghiaccio e il dolore era lancinante.ho passato i primi due giorni con 3 aulin più antibiotico e il dolore era gestibile.la notte del 3 giorno la situazione è precipitata dolore pulsante e lancinante oltre al gonfiore esterno e al livido .
Questa mattina mi sono recato dal mio dentista ed ha detto che il problema viene dai troppi liquidi che ho nella faccia mi ha premuto il gonfiore è fatto uscire un po’ di sangue fatto 1 puntura di cortisone nell altro lato della bocca e mi ha detto di ripetere a casa 2 volte la stessa manovra. Domani mi visiterà di nuovo.. il dolore è diminuito ma anche ieri nel pomeriggio sembrava andare meglio.. cosa pensate?? La guancia e molto gonfia è dura il linfonodo è diventato gigante è dolorosissimo fino a stamani nn riuscivo ad aprire la bocca più di 5 cm ora va un po’ meglio ma ogni volta che parlo o che provo a mangiare il dolore aumenta. Ho seguito dieta liquida evitato di sciacquare la bocca di strofinare la ferita.. tutto quello che mi era stato detto. Vi prego Aiutatemi.. il dentista ha detto che la ferita sembra stare bene .. e di continuare l antibiotico ma da 1 ogni 12 andare a 1 ogni 8.. vediamo come procede ma nn vorrei passare una notte come quella di ieri..
scusate se nn mi sono spiegato tanto bene grazie mille per l attenzione

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, tutti questi interventi possono dare complicanze, infatti queste avulsioni sono eseguite solo quando ci sono delle indicazioni ben precise. Ora lei sta attraversando la fase post-chirurgica che è complessa e coadiuvata da farmaci. L'edema formatosi è favorevole perché permette la guarigione, abbia pazienza che pian piano le cose miglioreranno.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 502XXX

Grazie per la risposta
In seguito a dolori molto forti il dentista mi ha applicato delle manovre spingendo sopra il grosso ematoma è facendo uscire un po’ liquidi dalla ferita.
Il dolore sta diminuendo il giorno ma la notte resta sempre abbastanza forte questa manovra mi ha provocato l uscita di molto sangue dalla ferita è favorito lo sgonfiamento che era eccessivo.
Il problema è che mi si sono aperti i punti messi nella ferita che adesso risulta aperta nella parte esterna..
cosa comporta questo??
E il dolore notturno quanto può durare e perché solo la notte ?
Il linfonodo risulta sempre molto grande e dolorante .. mi ha prescritto ancora antibiotico che avrei dovuto finire domani..
e mi ha aggiunto che il lavoro svolto All ospedale nn è stato svolto proprio nel migliore dei modi..
Quanto ancora devo patire..

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Chiaramente è la prestazione a caratteristiche che troviamo negli ambienti pubblici e non privati. Le suture che sono cedute sono sotto controllo dell'Odontoiatra che ha svolto le procedure di drenaggio, per cui di questo non di preoccupi. La gestione farmacologica del dolore nelle ore notturne è possibile anche con farmaci che prevedono di non mettersi alla guida o compiere manovre pericolose. Non stia a ricercare i perché, chieda semplicemente di essere curato anche dal lato algico.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Utente 502XXX

La ringrazio per la risposta.
Proverò con il sinflex questa notte.
Per quanto riguarda i punti ceduti e quelli ancora in sede in quanto si dovrebbe richiudere la ferita??
E che tipo di sciacqui posso fare per tenerla più possibile pulita e facilitare la sua guarigione??
Posso continuare ad usare anche un po’ di ghiaccio che mi da sollievo o peggioro la drenatura dell ematoma ??
La ringrazio infinitamente per l attenzione e la cordialità

[#5] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Noi a distanza non conosciamo nemmeno le dimensioni della ferita, come possiamo sapere i tempi di guarigione? Il ghiaccio non fisso applicato in modo alternato non influisce sul drenaggio. Le auguro una buona notte.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#6] dopo  
Utente 502XXX

La ringrazio la ferita è stata suturata con 5 punti e sono saltati tutti quelli esterni.
Le volevo chiedere se è possibile comunque rimanere con una ferita del genere aperta questo mi comporta nn riuscire a mangiare e dolore sia per bere che per qualsiasi movimento che riguarda l apertura della bocca.

Quindi posso lasciarla così o è meglio se chiedo al dentista di procedere con la suturazione??

E il gonfiore che con il drenaggio si è un po’ alleviato viene aiutato dagli antibiotici a diminuire o è una fase fisiologica??

I dolori che provo la notte sono per caso ad un alveolite ??

Mi scusi infinitamente per tutte queste domande ma capisca anche lei che questi sono giorni difficili e un po’ di consigli ed aiuto da persone competenti come voi danno tanta forza.
Grazie e scusi il disturbo
Alessandro

[#7] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Il professionista più competente è il suo odontoiatra, l'unico che conosce il caso clinico. Non è lei che deve chiedere la sutura, ma questa decisione spetta al suo Odontoiatra. Anche se fosse un alvelite i dolori non cambiano, stessa cosa per la guarigione farmacologica o fisiologica occorrono i suoi tempi.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/