Utente cancellato
Tre anni orsono avevo rappresentato la situazione di una mia parente( utente 3066)operata di tumore al seno ed alla quale rinvio, per chiedere un consiglio in merito.
La situazione a suo tempo descritta, oggi, a distanza di tre anni,dopo la radio terapia, per fortuna non si è modificata ( marcatori sono rientrati nella norma e la scintigrafia ossea con controllo rmn sono stati sempre sovrapponibili a quelli eseguiti ogni anno dal 2006 in poi).
Come detto la mia parente ha assunto tamoxifene da agosto 2004 ad agosto 2006 e poi essendo presente la molto probabile ripetizione ossea ( visto che si erano modificati i valori del CEA e del CA15.3, rientrati dopo la radioterapia), da settembre 2006 ad oggi sta assumendo Aromasin e una fiala di decapetyl 11,25 ogni tre mesi, chiedo di conoscere:
-se il farmaco Aromasin (che ha sostituito il Femara dopo un mese di assunzione perchè dava qualche fastidio,tipo mal di testa) va ancora assunto visto che ha assunto farmaci ormonali complessivamente per cinque anni oppure se essendo presente la ripetizione ossea va preso per sempre.
-Visto che qualche medico parlò anche di una possibile decalcificazione ossea e non di ripetizione ( in tal caso si sarebbero modificati i valori dei marcatori?) esistono indagini strumentali per acclarare con certezza se si tratta di ripetizione ossea o altro?


[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

proseguirei la terapia ormonale sino al momento di aver accertato se sono presenti ripetizioni ossee o meno. L'indagine principe per dirimere è la scintigrafia ossea, magari coadiuvata da una RX mirata sulla zona interessata.

Resto a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
58272

dal 2016
Gentile dottore la ringrazio per la risposta e faremo quanto suggerito.
Nell' ipotesi si trattasse di ripetizione ossea l'Aromasin va preso per tutta la vita?
Un 'ultima domanda:i marcatori tumorali possono aumentare anche in caso di semplice decalcificazione?