Utente 122XXX
gentili dottori sono di nuovo alla ricerca disperata di un vostro aiuto. Nel luglio del 2009,mia mamma(59 anni)è stata operata al seno e al cavo ascellare per un carcinoma duttale infiltrante non legato agli ormoni(così mi è stato spiegato).E stata sottoposta a 8 cicli di chemioterapia e 28 sedute di radioterapia.In seguito a dolori vari negli ultimi tempi ha eseguito un'ecografia,una mammografia e una risonanza al seno che hanno rilevato solo segni relativi all'esito dell'intervento.Si è poi manifestato un linfonodo ingrossato nel collo(mobile) e ha eseguito la PET che ha dato questo esito:linfonodo ad elevata attività metabolica.Ho letto qualcosa su internet e se non ho capito male vuol dire che la malattia ha ripreso il suo diffondersi.E' così?Inoltre, l'ultimo prelievo del sangue segnava i marcatori tumorali un po' alti. Il suo oncologo ora è in ferie e io sono molto preoccupata, cosa vuol dire tutto questo? Deve rifare la chemio, l'intervento o cos'altro? E' grave considerando il tempo trascorso dall'intervento? Grazie per la vostra disponibilità e il vostro impegno. Auguro a tutti un sereno 2011.

[#1]  
Dr. Alessandro D'Angelo

52% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
forse è il caso di eseguire una biopsia del linfonodo.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)