Utente 599XXX
Ho tratto vantaggio piu' volte dai vostri consigli, anche se non ho mai richiesto personalmente dei consulti. Desidero innanzi tutto esprimere il mio apprezzamento per la vostra utile iniziativa.

Io sono miope, di una miopia medio-alta (8,5 dx, 10,5 sx). Alla miopia si accompagna un assottigliamento della retina che ha richiesto, 22 anni fa', un intervento di argon laser per prevenire il distacco, riuscito senza problemi.

Alla fine dello scorso anno sono state riscontrate alcune nuove lesioni che hanno suggerito un nuovo intervento di argon laser. L'intervento, descritto come molto limitato e coinvolgente soprattutto l'occhio destro, e' stato eseguito il 14/12/2007.

Alcune ore dopo l'intervento, con la fine dell'effetto della dilatazione e dell'abbagliamento, ho iniziato ad avvertire un disturbo all'occhio destro. Il disturbo puo' essere descritto come una fascia scura o un insieme di macchie scure all'estremo angolo destro del campo visivo dell'occhio destro, che diventano fasce o macchie luminose in ambiente buio. Talvolta il disturbo diventa una vibrazione o una fluttuazione luminosa dell'immagine, simile al rumore che si vede sul display di una macchina fotografica digitale se usato in condizioni di poca luce. Non sempre il disturbo e' avvertibile, ma sembra aumentare in condizioni di stanchezza o affaticamento.

Ho chiesto chiarimenti al medico che mi ha operato, il quale mi ha visitato (direi con molta attenzione) l'8 gennaio. Ha dichiarato che tutto stava procedendo regolarmente e che disturbi di questo genere possono presentarsi e dovrebbero sparire col tempo.

Ora sono passati quasi tre mesi dall'intervento e il disturbo, per quanto non insopportabile, continua ad essere presente sostanzialmente invariato. Vorrei quindi chiedere un vostro parere sui seguenti punti:

1) Disturbi di questo tipo sono frequenti dopo interventi come questo? Sono realmente temporanei e, in questo caso, quanto impiegano a scomparire?

2) A che cosa sono dovuti effettivamente questi disturbi? (Es.: la lesione e' risultata piu' estesa di quanto previsto? La retina e sana ma e' disturbata da lesioni vicine?).

3) Si poteva prevedere e prevenire la comparsa di questi disturbi?

4) Se non sono temporanei, possono peggiorare nel futuro? Possono preludere ad un distacco di retina?

5) Dopo la prima operazione, 22 anni fa', mi fu' consegnata una mappa degli interventi fatti che non ho ricevuto questa volta. E' prassi consegnare al paziente questa mappa?

Chiedo scusa per la fila di domande, ma sono informazioni per me molto importanti. Grazie in anticipo per il vostro aiuto.


Saluti,

Marco F.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrebbe, anche con il copia-incolla, ripostare la Sua richiesta
nell'area OCULISTICA e non Oncologia Medica.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com