Utente 789XXX
gent.si dott.ri, a mia madre è stato diagnosticato 1 anno fa un cancro extra uterino, una massa tumorale che le comprimeva i vasi iliaci sulla gamba sx più metastasi sparse e una piccola massa sul fegato. trattata con cicli di chemio e poi di radioterapia ha risposto bene ai trattamenti tant'è che la massa grossa si è ridotta e bloccata e il resto secondo la pet è "sparito". Le cure sono terminate ad aprile. Da allora tutto ok se non che da circa un mese sono ricomparsi gli stessi sintomi (dolore schiena, dolore arto sx bruciore sotto la pancia) di quando gli fu diagnosticato il tutto un anno fa, in più ha delle perdite. Avrà il controllo di routine tra 1 settimana, ma lei non vuole più far niente perchè pensa che sia il tumore che abbia "ripreso". Io cerco di convincerla che il dolore potrebbe essere causato dal "regalino" della radioterapia e cioè un ernia inguinale diagnosticata con la tac che le comprime alcuni nervi. Come posso convincerla, secondo la mia poca conoscenza in materia che non dovrebbe essere il tumore perchè è troppo presto, o mi sbaglio io. Grazie di tutto.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se fosse mia madre continuerei per coerenza a sostenere la versione
del "regalino della radioterapia" e dell'ernia per coinvolgere l'oncologo fra una settimana quando farà il controllo.

Se poi questa sia una versione che non corrisponde alla realtà ci sarà tempo per modificarla. Non ci sono alternative.

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
E' possibile che la radioterapia possa portare ad una fibrosi tardiva con alterazioni della motilià delle anse ed effetti che possano facilitare la formazione di una ernia inguinale, così come nevralgie da connettivizzazione dei tessuti perineurali. Comunque è necessario fare accertamenti più specifici e visite specialistiche nei prossimi mesi per scongiurare una eventuale ripresa di malattia. Gli elementi sono troppo pochi per fare considerazioni più specifiche.
Cordiali Saluti
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#3] dopo  
Utente 789XXX

Vi ringrazio per le chiare e velocissime risposte.
Una curiosità del tutto inerente a quanto sopra:
ma una volta "scoinfitto" un tumore o per lo meno "bloccato" dopo quanto tempo può ricominciare a "lavorare". grazie.

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Tutti i casi sono diversi.

Cominciamo comunque a bloccarlo o a sconfiggerlo come scrive Lei
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com