Utente 797XXX
Salve, da un paio di giorni noto un piccolo gonfiore all'ascella sinistra, più evidente se porto il braccio dietro alla testa, assente o quasi tenendo il braccio lungo il corpo.
so che l'ascella è un'importante stazione linfonodale quindi la cosa mi preoccupa tuttavia devo dire che durante le mie auto-palpazioni (peraltro frequentissime) non mi sembra di "sentire" linfonodi ingrossati, piuttosto una massa morbida, insomma, un gonfiore senza nulla dentro. Preciso che non provo alcun dolore. Devo aggiungere che da una settimana circa mi sono trovato dietro all'orecchio (nella zona dell'osso e non nella parte molle dietro al padiglione) una pallina che provvedo a torturare quasi di continuo.
la comparsa di questi due fenomeni mi allarma e non poco.
E' possibile che il gonfiore sotto l'ascella che, ripeto, è comunque modesto, sia legata ai linfonodi anche se la palpazione non lo rivela? ci può essere relazione tra gonfiore e pallina dietro all'orecchio? ultima domanda: tormentare linfonodi palpabili può peggiorare la situazione, ovvero può infiammarli oltremodo?
ringrazio anticipatamente per la risposta.
cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
impossibile dare un contributo online alla sua richiesta senza una visita.

Da quanto riferisce (soprattutto perchè fa una autopalpazione corretta con l'arto lungo il corpo) potrebbe trattarsi di adenopatie reattive cioè di linfonodi che appunto reagiscono ingrossandosi soprattutto per cause infiammatorie.

Una visita dal Suo curante ed una eventuale ecografia la rassicureranno del tutto.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-i-linfonodi-o-linfoghiandole-le-adenopatie-ed-il-sistema-linfatico.html

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 797XXX

Gentile dr. Catania, innanzitutto la ringrazio per la tempestiva risposta ma mi permetta di chiederle un aspetto che non mi è ancora chiaro:
mi è capitato di soffrire di tonsillite e, a causa di ciò, i linfonodi sottomandibolari si presentavano alla palpazione in tutta la loro evidenza (palle gonfie, ben distinte una dall'altra)
nel caso invece che le ho esposto questo gonfiore ascellare non mi sembra nascondere nessuna palla gonfia nè tantomeno consistente; inoltre durante l'autopalpazione con il braccio lungo il corpo (da lei definita corretta... a proposito, può dirmi perchè lo è?) non noto alcun gonfiore, non sento nessuna palla infatti posso infilare con forza le dita nell'incavo dell'ascella senza sentire nulla. Quando invece protendo il braccio dietro la testa compare questa piccola collinetta molliccia. mi perdoni se insisto nel chiederle se questo rigonfiamento (che potrebbe sembrare adiposo anche se non è possibile visto che peso 66 Kg x 175 cm di altezza) è per forza dovuto all'ingrossamento di linfonodi.
mi permetto di ricordarle anche la pallina comparsa dietro l'orecchio (oltretutto dallo stesso lato sinistro)...può esserci relazione?
sicuramente, come mi suggerisce, la cosa migliore e risolutiva sarà una visita a cui intendo senza dubbio sottopormi tuttavia le sarei grato se, nell'attesa, mi chiarisse i dubbi che le ho esposto. sempre che sia possibile online.
la ringrazio tanto e la saluto.

Andrea

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Certo che può essere adiposo come scrive Lei ed è per questo che occorre una visita.

In ogni caso non c'è alcuna relazione con la "pallina dietro l'orecchio.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sui linfonodi le allego un altro link di approfondimento
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/lifonodisentinella.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#5] dopo  
Utente 797XXX

Gentile dr. Catania,
La ringrazio per la risposta del 3 settembre ed il link di approfondimento;consultando quest'ultimo penso che la sezione che più mi possa interessare sia quella relativa al carcinoma mammario maschile. Tra le altre cose ho notato che un fattore di rischio per tale forma di tumore è rappresentato da "danni epatici di qualsiasi natura". a questo proposito Le devo confessare che nelle precedenti richieste di consulto ho omesso di indicarLe, poichè pensavo (mi creda) non fosse importante, che da un anno ho scoperto di essere affetto da epatite c. Alla luce però delle informazioni che gentilmente mi ha fornito tramite il Suo sito credo che occorra prestare attenzione a questo aspetto (sebbene gli esami a cui mi sono sottoposto non abbiano rivelato danni epatici gravi ed evidenti, insomma il mio fegato sembra per il momento difendersi alla grande).
credo proprio che una visita sia proprio quello che ci vuole.
La ringrazio per la Sua gentilezza e disponibilità e la saluto cordialmente.
Andrea

[#6]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il carcinoma della mammella maschile, a differenza delle femmine, poichè viene a mancare la ghiandola o è scarsamente rappresentata, non sfuggirebbe alla sua attenta palpazione che ha già definito le "palline dietro l'orecchio e il gonfiore ascellare".
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/73-la-mammella-maschile-ginecomastia-carcinoma-e-patologia-mammaria.html

Si tranquillizzi con una visita e le passeranno queste strane idee che accrescono solo il suo livello di ansia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 797XXX

La ringrazio per la sua rassicurazione e la ormai consueta sollecitudine nella risposta, è stato molto gentile.
saluti

[#8]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Più che la sollecitudine sono interessato alla rassicurazione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com