Utente 410XXX
Da circa una settimana avverto un fastidioso prurito diffuso,soprattutto a mani piedi e testa.
alla visita dal mio dottore preoccupatissimo gli ho parlato del linfoma di hodgkin ma lui tastandomi collo e ascelle non ha trovato alcun linfonodo gonfio,oltra il prurito non ho altri particolari sintomi(niente febbre,sudorazione notturna o perdita di peso(anzi nel recente sono ingrassato))il medico mi ha prescritto un antistaminico pensando ad una allergia.
Sono un soggetto predisposto alle allergie(acaro della polvere) e per curare una tosse stavo prendendo sciroppo fluifort(che ha come effetto indesiderato il prurito),sono in ansia incredibile in attesa dei risultati del sangue!(analisi ordinari e allergiche)posso tranquillizzarmi?cosa devo aspettarmi dalle analisi del sangue per poter tirare un sospiro di sollievo?

[#1] dopo  
Dr. Mirco Bindi

32% attività
8% attualità
16% socialità
MONTALCINO (SI)
GROSSETO (GR)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gentile signore. Il prurito è una sensazione estremamente sgradevole che provoca piacere quando ci si gratta, ma quando il disturbo è persistente, la sensazione piacevole lascia spazio ad un malessere e una sofferenza estremamente irritante e dolorosa. Quale è il motivo per cui Lei reputa di avere un linfoma? Come mai tra tante cause Lei ha scelto quella che occupa il quarto- quinto posto?.
Nel tempo che Lei ci pensa e mi scrive, Le consiglio di prendere un appuntamento presso la Ematologia del Policlinico di Bari diretto dalla Direttrice Giorgina Specchia. Lì hanno tutte le conoscenze per eliminare o confermare una patologia dalla lista. Lei stesso fa accenno all'ultima causa del prurito: una allergia a acari e farmaci. Consideri a quanti allergeni chimici ci sono nel suo ambiente e vedrà come l'opzione linfoma non è sempre la priorità.
Se Lei comunque ha paura, data l'elevata incidenza di cancri nella sua regione pugliese ( e molti sanno il perché), Le consiglio il mio sito www.mircobindi.com e il libro che ho pubblicato ( facilmente ordinabile on line), per capire come vanno le cose in un caso difficile come il suo. Tutto ciò che è senza una causa rientra nel grande argomento delle malattie degenerative. Legga il tutto e avrà le idee più chiare e forse, con minima spesa ma con grande impegno, risolverà il problema.
cordiali saluti
Prof. Mirco Bindi, www.mircobindi.com
specialista in Oncologia, Radioterapia, Patologia generale

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Mi ritengo un soggetto fortemente ipocondriaco,appena avrò gli esami del sangue prenoterò una visita da un allergolo(come consigliato dal mio medico curante).oggi appena uscito dall'Università l'aria era ricchissima di polline(visibile ad occhio nudo)ho sentito un gonfiore fastidioso alla gola e ho preso un antistaminico (prescritto dal medico) e sono stato dopo pochi minuti meglio,è una prova della ragione allergica del prurito?cosa devo aspettarmi dalle analisi del sangue?la ringrazio infinitamente

[#3] dopo  
Utente 410XXX

Aggiorno:risultati delle analisi del sangue,elevati i valori dei test allergici e per i test ordinari alto il valore della eosinofili,posso tirare un sospiro di sollievo?

[#4] dopo  
Utente 410XXX

Dottore cortesemente può rispondermi?

[#5] dopo  
Dr. Mirco Bindi

32% attività
8% attualità
16% socialità
MONTALCINO (SI)
GROSSETO (GR)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gentile Signore, Le rispondo dicendole che quello che sta facendo è giusto. In particolare quanto consigliato dal suo dottore per la visita allergologica , l'antistaminico per gli allergeni nell'aria e i valori del sangue e dei test allergici. Non ha niente di cui preoccuparsi salvo prova contraria.
Rimane il fatto che Lei non ha risposto a quello che le ho chiesto e non si è minimamente documentato. Il farsi prendere dal panico chiedendo un consulto oncologico e non rispondere in modo appropriato è indicativo di un malessere che io non posso affrontare. Troppi elementi sono ignoti e un consulto on line non è indicato per questo tipo di richieste.
Le consiglio di seguire quanto Le è stato consigliato da parte dei medici che la conoscono e di non utilizzare, almeno se Lei non è stato classificato tale da medici specialisti, il termine "ipocondriaco (in termini medici patofobia) in quanto Lei, con questo termine si attacca una etichetta: "caratterizzato da una preoccupazione eccessiva e infondata".
Sperando di essere stato chiaro, Le porgo cordiali saluti
Prof. Mirco Bindi, www.mircobindi.com
specialista in Oncologia, Radioterapia, Patologia generale

[#6] dopo  
Utente 410XXX

La ringrazio nuovamente e le chiedo scusa per il mio comportamento erroneo