Sospetto tumore alle ossa

salve, ho bisogno di un piccolo aiuto per cercare di capire la verità...
mio nonno ha 65 anni e a dicembre dell'anno scorso ha subito un intervento alla prostata per l'asportazione di un tumore benigno, una volta conclusa l'operazione e tornato a casa e poi si è recato qualche periodo dopo a fare dei controlli, ora a distanza di un anno gli è stato diagnosticato un sospetto di tumore alle ossa, visto da una scintigrafia relativa al mese di maggio...
ora io chiedo se è possibile capire se realmente c'è un tumore o si tratta d'altro...
c'è per caso un medico disposto ad aiutarmi io sono provvista di tutti gli esami da dicembre del 2007 a novembre del 2008
in attesa di una risposta inizio con il ringraziarvi
[#1]
Dr.ssa Claudia Baiocchi Oncologo 117 4
Caro utente,
sono davvero poche le informazione da lei fornite,sia cliniche che strumentali. Non è possibile pronunciarsi in astratto su un sospetto tumore osseo.Da dove nasce il sospetto?

Dr.ssa Claudia Baiocchi

[#2]
dopo
Utente
Utente
mi scuso per non aver fornito informazioni ma volevo prima ricevere una risposta, comunque nella scintigrafia di maggio c'era scritto:
dall'esame scintigrafico dello scheletro, eseguito mediante scansioni whole body e segmentarie, ha evidenziato, compatibilmente con i limiti di risoluzione della metodica:
- aree di accumulo abnormme del radiofarmaco a carico, verosimilmente, della porzione distale del sacro e a livello della tarso.metatarsale di dx, utile approfondimento diagnostico mirato in tali sedi;
- aree di aumentato accumulo del radiofarmaco si evidenziano, inoltre, a livello delle grosse articolazioni, riferibile, ad osteoatropatia di tipo degenerativo con componente infiammatoria.

dagli rx al bacino, all'anca destra e sinistra
- incipiente coxoartrosi bilaterale;
- tono calcico ridotto.

l'ultimo esame che he eseguito il 5 novembre dice:
in paziente con esiti di intervento chirurgicosulla prostata si documenta minimo ispessimento delle pareti della vescica che appare leggermente assimetrica.
nei limiti la rappresentazione degli angoli vescicoseminali.
si apprezza altresì segnale patologico delle due ultime vertebre sacrali ed in parte del corpo di S3, reperti di più probabile natura secondaria, associati a tumefazione somatica e a segnale dei piani perivertebrali adiacenti.
presenza cisti periradicolari a S2-S3.
lieve disomogenità diffusa del segnale delle ossa del bacino, femore dx, reperti di non sicuro rapporto con la patologia di base, ma meitevoli di approfondimento con esame scintigrafico.

stamattina ha eseguito un nuovo esame scintigrafico.

i suoi sintomi sono intenso dolore all'osso sacro, tanto da non riuscire neanche a sedersi e difficoltà di scarico corporeo.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test