Scoliosi, algie al braccio e alla schiena

salve chiedo un parere medico per R.M., mi chiamo Alessandra ho 33 anni a 15 anni in seguito a RX della colonna in ortostasi mi venne diagnosticata una trocoscoliosi destra convessa del tratto di passaggio dorso-lombare, lieve basculamento in alto dell'ala iliaca sinistra, mi venne prescritto il busto che non sono mai riuscita a sopportare e quindi non l'ho mai portato.. dopo tanti anni a causa di dolori ricorrenti alla schiena più intensi del solito, che mi rendono impossibile o quasi dormire e a causa di improvvisi e fortissimi dolori alla spalla e al braccio dopo le normali attività domestiche, ho eseguito una risonanza magnetica mediante scansioni secondo piani sagittali e assiali con tecniche TSE pesate in T1-T2 per la colonna e mediante scansioni nei tre piani ortogonalicon tecniche TSE e STIR pesate in T1 e T2 per la spalla dx, i cui referti sono i seguenti:
SPALLA :
minima tenosinovite essudativa del capo lungo del bicipite brachiale
RM COLONNA CERVICALE, COLONNA TORACICA, COLONNA LOMBOSACRALE :
Lievemente ridotta la fisiologica lordosi cervicale, conservata la cifosi dorsale e la lordosi lombare.
Modesta protusione posteriore ad ampio raggio posteriore del disco L4/L5.
Lieve protusione posteriore mediana del disco L5/S1
Non ernie, nè significative protusione discali ai restanti passaggi esaminati.
Corservato il calibro del canale vertebrale.
Nella norma l'intensità di segnale della corda midollare.
Non evidenti processi espansivi intradurali.

La mia domanda è scusate l'ignoranza ..cosa significa tutto ciò? ma la scoliosi c'è o non c'è ? cos'è una protusione e i miei dolori sono dovuti a cosa? come proseguire devo fare altri esami? grazie in anticipo a chi vorrà colmare le mie lacune.

[#1]
Dr. Umberto Donati Ortopedico, Chirurgo della mano, Medico legale, Perfezionato in medicine non convenzionali 7,6k 267 9
Il referto descrive la presenza a livello degli ultimi due dischi della loro protrusione: essendo degenerati e ridotti di spessore sporgono nel canale vertebrale dove decorrono le radici nervose che innervano anche gli arti inferiori.
Della scoliosi non c'è nessun cenno, ma non possiamo sapere se "la scoliosi c'è o non c'è": per rispondere alla Sua domanda occorre vedere le immagini della RM.
Non possiamo nemmeno sapere se i dolori sono legati alle protrusioni: la RMN non ha nessun significato clinico da sè sola ma acquista rilievo solo quando va a completare la visita specialistica, andandosi ad aggiungere alla Sua storia clinica, alla descrizione dei Suoi sintomi e ai segni clinici che possano essere emersi dalla visita stessa.
La sola cosa che deve fare è consultare un ortopedico o un medico fisiatra per una attenta valutazione del Suo quadro clinico, anche alla luce delle immagini della RMN: è infatti l'unico modo per avere una diagnosi e per sapere, di conseguenza, qual è il trattamento appropriato.
Cordiali saluti

Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
salve, la ringrazio per la cortesia e la risposta tempestiva, purtroppo neanche io posso vedere il cd della RMN dato che mi è stato inviato per posta e forse il cd si è rotto nel tragitto, quindi dovrò chiedere il reinvio sperando che non subisca nuovamente urti e danni, comunque pensavo che sul referto avrebbero anche indicato se c'è o meno una scoliosi, non avendola mai curata non penso possa sparire all'improvviso, però se lei mi dice che non devo basarmi solo sul referto allora forse è stata solo una svista da parte del medico che ha visionato la RMN, la ringrazio nuovamente, buona giornata.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test