Utente
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 21 anni che vive a Treviso ma studia a Modena, e Venerdì scorso mi sono procurato una grossa distorsione alla caviglia sinistra giocando a calcio. La caviglia già in passato ha avuto problemi di frequenti distorsioni ma mai indagate. Questa volta l'ematoma è sembrato sin da subito troppo grosso e sono stato portato in pronto soccorso dove i raggi hanno constatato che non vi sono fratture ma bisognerà aspettare la riduzione della botta per procedere con ecografie. Sto prendendo ogni 12 ore circa Ketodol per aiutarmi contro il dolore che a oggi (mercoledì) è abbastanza sopportabile seppur fastidioso. Ogni sera a mezzanotte procedo con le punture di Clexane per prevenire la trombosi. Tuttavia ho notato che nelle dita dei piedi sono comparsi degli ematomi e che nell'area della caviglia sento abbastanza caldo e pulsare. Ieri ho avuto anche un episodio del classico "formicolio" come quando ci si addormenta sul braccio. La mia domanda è non è che il gesso è un po stretto? C'è da dire anche che non sto dormendo col piede in scarico in quanto mi è doloroso e mi rende praticamente impossibile prendere sonno e che fino a ieri riuscivo ad appoggiare a terra il piede senza avere l'usilio delle stampelle mentre oggi di muoversi senza non se ne parla. Un'altra informazione che penso possa essere utile è che il gesso mi verrà tolto Martedi e mi verrà messa una cavigliera. Grazie infinite e scusate se è una sciocchezza, ma ho molta paura della trombosi e di ripercussioni per una guarigione affrontata male.

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
Prima di tutto, il gesso che le hanno fatto è deambulatorio? Ha un tacco? Le hanno detto di poggiarlo a terra? Se non lo fosse, appoggiandolo si può rompere e può venire meno la sua efficacia.
Si tratta di un gesso chiuso o di stecca gessata, cioè con la parte davanti non ingessata ma solo fasciata? In quel caso non va appoggiato e non ci sono di solito problemi di gesso troppo stretto.
Inoltre, un gesso troppo stretto dà di solito MENO dolore se tenuto in scarico, i formicolii sono continui e peggiorano (come il dolore) col trascorrere delle ore.
Se ha dei dubbi, vada dove l'hanno curata e si faccia visitare.
Saluti cordiali.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
Buonasera!
Innanzitutto grazie per la risposta e il tempo dedicatomi! Molto preoccupato, la mattina di Giovedì mi sono recato in pronto soccorso a fare controllare il gesso che mi è stato rifatto nonostante il medico mi abbia rassicurato che i dolori sono normali e non ci sono problemi legati alla circolazione, specie perchè si tratta di un gesso a stecca gessata. Sono voluto andare ugualmente perchè ho molta paura dei problemi di circolazione in quanto qualche parente ne ha già avuti.
Il medico inoltre mi ha prescritto dei farmaci differenti e più potenti (Dicloreum 150mg) e si è raccomandato di continuare comunque con l'Eparina. La caviglia è ancora molto gonfia e mi ha prescritto anche un'integratore alimentare il Flebinec per far sgonfiare la botta. Martedì mattina dovrei togliere il gesso per mettere su un tutore. Ne approfitto per chiedere se dovrò utilizzare ancora le stampelle e se si per quanto tempo, ed inoltre se è un problema se per un giorno salto la dose di Dicloreum in quanto nonostante io prenda i gastroprotettori un pò male mi fa comunque allo stomaco e avendo in passato avuto gastriti preferirei andarci piano.

Grazie ancora e buon weekend!

[#3]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
Gli antidolorifici possono essere presi anche al bisogno, ci mancherebbe! E comunque, se ha mal di stomaco, ne parli col medico di famiglia.
Per i tempi di uso stampelle e guarigione, solo chi conosce "dal vivo" la situazione può darle una risposta certa, quindi chieda all'ortopedico che la segue.
Saluti cordiali.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it