Tracce di sangue dall'orecchio sx su cotton fioc

Pulendo con "delicatezza" con del cotton fioc l'interno delle orecchie ho notato alla punta del cotone tracce, esili per la verità, di sangue rosso vivo.
Ho ripetuto l'operazione di verifica anche nelle ore seguenti e nulla era cambiato, Il cotton fioc a raggiunto una sola volta la parte dell'orecchio che se solo sfiorata fa male, di cerume neanche il segno.
ORA MI CHIEDO COME MAI, A DISTANZA DI MOLTE ORE, LE MACCHIOLINE DI SANGUE NON HANNO PERSO NE' COLORE E NEPPURE DENSITà DI QUELLE INIZIALI.
Col passare del tempo l'unico sintomo è stato solo, in quel punto, poco prurito e poco bruciore.
Anche se la risposta può sembrare ovvia vorrei comunque il vostro parere, Dimenticavo che ad aggiungere ovvietà alla risposta, sta il fatto che da un paio d'anni assuno un anticoagulante; ll Pradaxa 150 per extrasistole e aritmie varie.
Ringrazio e cordialmente saluto.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 35.3k 1.2k
Deve farsi visitare dal suo Medico curante per capire se le tracce di sangue siano esito di una lesione del timpano o, piu' probabilmente, del condotto uditivo esterno, oltre che per una cura disinfettante. Ovviamente, la prolungata durata del sintomo dipende dal farmaco che sta assumendo. Non stia piu' ad infilare il cotton fioc nell'orecchio. Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
Utente
Utente
La ringrazio per la sua gentilezza . In questo ultimo periodo ho notato un fatto insolito che dapprima avevo attribuito alla pressione sanguigna, valori min 58/60, massima tra 90 e 100 , parlo di capogiri. Da più 35 anni, ne ho 78, ho iniziato a curarmi di ipertensione. I miei farmaci quotidiani sono sempre stati .: norvasc da 10 , seles beta e carvenside. La pressione negli anni è sempre stata un pochino alta ma più o meno nella norma. Poi, alcuni mesi orsono mi sono accorto che nonostante i farmaci, avevo strani capogiri che conoscevo bene, la pressione si era alzata. No, era successo l'esatto opposto, ero andato ,come per incanto, in ipotensione . In tutti questi mesi la pressione è sempre stata bassa e il cardiologo , ha prima ridotto il dosaggio del norvasc da 10 a 0,5 e poi mi ha detto di non assumelo più per vedere se la pressione tende un pochino a salire....Son trascorsi tre giorni e i valori, per il momento sono un tantino saliti, fermo restando che continuo ad avere capogiri non forti ma fastidiosi. Negli ultimi 15 giorni, raffreddore molto forte con serie di starnuti e muco oramai diventato più denso e , tra l'altro, quando min soffio il naso sento nelle orecchie come un tappo che stura ed ottura???? Mi dica dottore , la sensazione di capogiri da cosa pensa possa dipendere? Grazie mille.
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 35.3k 1.2k
Credo, sula base di quanto riportato, che le vertigini dipendano proprio dai valori della pressione arteriosa

Dr. Raffaello Brunori

[#4]
Utente
Utente
Grazie dottore, le dico anche che ad oggi, togliendo il norvasc totalmente, i vori pressori sono max 141 min70. Sa, tre mesi fa una conoscente mi disse che ero un pochino dimagrito. La cosa mi resto impressa perchè effettivamente avevo perso dei chili senza diete. Da quel giorno in poi ho perso la ragione. Il termine di "calo ponderale" doveva avere una sua ragione. La paura vera mi venne dal fatto che per alcuni giorni non riuscivo ad evacuare, poi solo pezzettini e l'aiuto dell'erba chiamata temidro. Parlando di paure che la causa dipendesse da una neoplasia ,il mio medico mi disse di fare una colonscopia e gastroscopia con svariati esami del sangue. Era tutto normale e il medico, conoscendomi da 30 anni mi disse che ero al limite di un esaurimento nervoso e che avevo bisogno soprattutto di uno psicologo. Ci andrò tra qualche giorno, intanto il mio stato psichico è molto provato. Mi peso , maniacalmente di continuo ed ogni sintomo che riesco ad associare alla voce " calo ponderale" mi mette in ansia e paura. Come faccio io a rendermi conto che è tutto passato se attribuisco anche i capogiri , i mal di testa ecc sepre alla stessa causa. Mi dispiace, le ho scritto un romanzo senza fine.... Forse lei può darmi un consiglio dal suo punto di vista medico. La ringrazio di cuore.
[#5]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 35.3k 1.2k
Fortunatamente, le risposte degli esami cui si è sottoposto hanno dato una risposta negativa e, quindi, uno stato ansioso-depressivo puo' essere benissimo la causa del calo ponderale riscontrato. Condivido l'utilità di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta. Cordialmente

Dr. Raffaello Brunori