Utente
Buongiorno da circa un anno ho una lieve asma causata da allergia agli acari,esattamente il pneumologo ha detto che ho una lieve asma ma persistente.

Uso antistamici (Zoltamin) a cicli e Foster 6/100 uso orale un puff alla mattina e uno la sera,questo uso prolungato mi ha creato una micosi sul cavo orale/lingua che sto curandoda 10 giorni con Diflucan 50mg e con la sospensione del Foster per un 15/20 giorni lo devo usare al bisogno e poi finito tale periodo riprendere l'uso con un solo puff al mattino e uno al bisogno.

Ultimamente nei mesi più freddi e umidi ho cominciato ad avere problemi di rinite allergica e quindi da circa un mese ho la narice Dx chiusa( la mattina di meno poi verso sera di più)e mi è stato consigliato di usare Aircort 50 ,due puff per narice mattino e sera,io lo sto usando da circa 10 g ma solo la sera cioè quando è strettamente necessario perchè mi hanno detto che a lungo andare questi spray fanno male al naso.
Il problema che mi da è il fastidio di avere una narice chiusa ed ogni tanto un senso di infiammazione al'interno del naso, ma la notte dormo abbastanza bene e a detta di chi mi vede dormo con la bocca chiusa.
Dietro consiglio del pneumologo ho fatto visita ad un otorino dove mi ha riscontrato un piccolo Polipo Antro core nella narice DX e che richiede TAC bene le restanti sedi ORL
Ora a breve devo eseguire la tac ma non ho nessunissima voglia di rifare intervento chirurgico in quanto l'ho fatto una decina di anni fa per deviazione del setto e turbinati e questo mi ha traumatizzato perchè non riuscivo a stare calmo e nelle prime 4 ore dove non si può bere ero molto agitato per via dei tamponi e del fastidio della bocca secca...Comunque poi il naso non mi ha più dato problemi.
In attesa della Tac e della risposta del chirurgo-otorino cosa mi consigliate di fare:
Di curare il polipo(se possibile)?
Di rimuoverlo chirurgicamente?
Di curare meglio la mia allergia andando da un allergologo invece che solo dal pneumologo?

Molti mi hanno detto che il polipo è facile che dopo averlo tolto si riformi e quindi e meglio curarlo ...
Poi una notizia che ho letto qui sul sito che mi ha dato molto conforto è quella che si può fare l'operazione abulatoriale con chirurgia-Laser e anestesia locale.
Io sono di Bergamo dove posso trovare una clinica o ospedale dove viene effettuata la chirurgia-laser ambulatoriale sui polipi?
Ho cercato su internet ma non ho trovato nulla ne a BG ne a Milano

In attesa delle vostre risposte vi ringrazio anticipatamente
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Confermo le indicazioni del Collega, ovvero circa l'utilità, nel suo caso, di una tac dei seni paranasali senza mezzo di contrasto. Le formazioni di aspetto polipoide non si curano ma si devono asportarle ed analizzarle. La tecnica piu' valida e sicura è quella endoscopica, endonasale, con l'utilizzo di uno strmento chiamato debrider. La chirugia laser e l'anestesia locale non sono valide, ovvero non assicurano un buon risultato finale. AAtendiamo, quindi, l'esito della tac prima di pensare alla terapia piu' idonea. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
L'esito della T.A.C e stato ritirato oggi e riposta questo esito:

Cisti da ritenzione mucosa di medie dimensioni a livello del recesso alveolare del seno mascellare di SX in associazionead alterazioni flogistiche croniche con impegno dell'infundibolo etmoidale.
Il seno mascellare di DX risulta pressochè completamente opacato da verosimile sovrapposizione di cisti di ritenzione mucosa ed alterazioni flogistiche croniche.
Anche da questo lato si osserva un impegno dell' infundibolo etmoidale.
Disomogeneo ristagno mucoso nel labirinto etmoidale e del tutto minima ipertrofia mucosa "a cornice"nel contesto della metà SX dello sfenoide.
Ipertrofia del turbinato inferiore di DX con aspetto polipoide della sua cosa che aggetta nella corrispondente metà del rinofaringe.
Scoliosi DX convessa del setto nasale con cresta settale che aggetta nella coana di DX.
Discreta ipertrofia del turbinato inferiore di SX.
Non rilievi di significato patologico a carico delle strutture dell'orecchio medio bilateralmente e dell'epifaringe.

Ora che ho l'esito qual'è la terapia più idonea?
Distinti saluti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Credo che sia quella chirurgica: dico credo, in quanto non ho la possibilità di visionare le immagini della tac.Faccia leggere la tac al suo Specialista di fiducia. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Se non è quella chirurgica qual'è quella alternativa e cosa comporta?

E riguardo alla chirurgia-laser che avevo accennato nel primo post non c'è la possibilità di farla con anestesia locale e in day ospital,lo richiedo perchè sono contrario alle operazioni chirurgiche invasive e all'anestesia generale(tranne ovviamente in caso di necessità dove non si può fare a meno) quindi cerco una soluzione alternativa anche se questa non da il risultato al 100% come la chirurgica ma basterebbe ovviare al problema anche al 60/70%.
In modo da respirare decentemente.
Ringrazio per la celere risposta
Distinti saluti .

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Senza un esame clinco e la visione diretta delle immagini della tac cui si è sottoposto, ripeto, non sono in grado di dirle quale terapia sia piu' idonea nel suo caso. In base all gravità della patologia, si puo' intervenire farmacologicamente o chirurgicamente. Non si fissi con la laserchirurgia che, in questo caso, non serva a niente. Eventualmente, per l'apertura e lo svuotamento dei seni paranasali si interviene per via endonasale, in endoscopia. Tale intervento comporta necessariamente l'anestesia generale. Contestualmente, si corregge la deviazione del setto nasale e l'ipertrofia dei turbinati. Purtroppo, non ci sono altre tecniche sostitutive.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
L'esito del mio otorino è stato:
Necessità di intervento di endoscopia:
Mascellare bilaterale
Nasale bilarerale
Turbinati inferiori e medi.

Il risultato è dato da una sinusite cronica,poi non ha trovato niente di grave.

Lui mi ha detto che se non avessi avuto il polipo mi avrebbe solo curato invece cosi visto che preferisce togliermi il polipo mi pulisce anche i seni mascellari e ie il naso bilateralmete più le turbine.
Infine ha detto che non effettua chirurgia settale perchè non è un problema e che poi è gia stata operata.

Fino che a parlato tranquillamente sono stato lucido poi quando mi ha detto "necessita di un intervento di endoscopia"sono andato in tilt mentalmente e ora ho dei dubbi che vorrei chiarire:
1)L'operazione in endoscopia è dolorosa?
2)Mi ha proposto dei tamponi con gel con delle cannucce interne per far passare aria anche durante i 2 giorni di tamponamento,funzionano?
3)Il polipo che mi ha trovato è delle dimensioni di una Nocciola -nespola ,cosi mi ha detto mia moglie che era presente alla visita(Io in quel momento ascoltavo l'otorino ma non ero presente mentalmente)questo fa male a toglierlo?
e come è la tecnica per toglierlo si aspira come il muco che ho nei seni mascellari oppure si taglia ?

4)Non ho capito questa frase: " ipertrofia del turbinato inferiore di DX con aspetto polipoide della sua coda che aggetta nella corrispondente metà della rinofaringe"?
Io ho capito che il turbinato è gonfio e che ciò è dovuto al polipo ma non capisco il significato "della sua coda che aggetta nella corrispondente metà della rinofaringe"??
Cioè va in gola?

ma questa operazione è di routine?
Mi scuso delle varie domande ma voglio togliermi i dubbi e sentire più di un parere.
Distinti saluti

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Come vede, il Collega che ha avuto la possibilità di vederla, le ha confermato la necessità dell'intervento chirurgico. Tale intervento, come già le ho detto, viene condotto in anestesia generale e, per cui, non si vede niente, non si ha dololre durante l'intervento e nemmeno nel post-operatorio. L'unico fastidio sarà quello di dover respiarare con la bocca aperta per via dei tamponi nasali: la sensazione sarà quella di un raffreddore, ovvero ovattamento dell'orecchio, lacrimazione, starnuti, catarro in gola. L'intervento si svolge per via endonasale, senza tagli esterni, con l'aiuto di fibre ottiche: in pratica si vanno ad aprire i seni paranasali interessati dal processo infiammatorio cronico aspirande il contenuto ed asportanto il materiale polipoide. Anche il turbinato, ovvero quella mucosa nasale che ha il compito di filtrare, umidificare e riscaldare l'aria respirata viene decongestionato chirurgicamente: nel suo caso c'è il sospetto che questo si sia trasformato anche in polipo e che abbia occupato lo spazio tra il naso e la gola, in parole povere. Tutto il materiale prelevato verrà inviato di routine ad esame istologico. Importante, è rivolgersi ad un Chirurgo che abbia una buona casistica operatoria per questo tipo di intervento. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori