Utente
Gentili dottori,vi scrivo per chiedere un consulto relativo ad un problema che riguarda mia madre,non so se è giusta la sezione o se dovrei rivolgermi all'allergologo,in questo caso vi chiederei cortesemente di girare il messaggio al medico che ritenete più opportuno.
Mia madre ha 48 anni,assume 1 compressa al giorno di Estromineral Serena (integratore per la menopausa) non fuma,non beve alcolici ed ha un peso di 65 Kg per m 1,60 di altezza.
Da cinque anni lavora nell'ambito delle pulizie domestiche,quindi usa abitualmente detersivi.Da circa un anno avverte fastidi che ultimamente sono diventati insopportabili e che compaiono con l'inalazione anche solo di poche gocce di qualsiasi detersivo.
I sintomi sono: bruciore agli occhi,al naso e alla gola,senso di nausea e di svenimento e mal di testa improvviso.
In più, spesso ha i sintomi di un intenso raffreddore con starnuti e lacrimazione dalla durata di un solo giorno. Nel sonno inoltre,non riesce ad inspirare bene dal naso e ad un certo punto è costretta ad espirare dalla bocca.

-Ha fatto le prove allergiche(generiche),il risultato è stato negativo e le hanno diagnosticato un’ipertrofia dei turbinati.

-Si è sottoposta ad una visita oculistica perchè da quando avverte i sintomi descritti sono comparsi nella sclera degli occhi "cumuli" di capillari di colore giallastro un pò in rilievo e le hanno prescritto il collirio Brunicrom 2% per gli occhi irritati.

-Qualche giorno fa inoltre, è stata dall'otorinolaringoiatra in quanto,l'infiammazione intensa alla gola è diventata ormai ben visibile,ma la diagnosi,dopo aver effettuato la fibroscopia è stata inaspettatamente: iperemia della regione aritenoidea bilaterale e simmetrica compatibile con un fenomeno da reflusso gastro-esofageo. Le è stato prescritto lo spray nasale Nasonex ed una cura di 2 mesi di Lansox 15 mg per il reflusso.

Purtroppo lei ha il timore che questa diagnosi non sia del tutto corretta in quanto non ha alcun disturbo provocato dal cibo,ha sempre mangiato di tutto senza avere alcun problema e,io stessa di sintomi da reflusso gastro-esofageo ne so qualcosa visto che ne soffro…e posso dire che mia madre non ne ha alcuno…
Il medico sembra aver tralasciato il fatto che mia madre abbia ben precisato più volte che i sintomi compaiono solo ed esclusivamente con l’inalazione dei detersivi…

Vi chiedo di aiutarmi a capire di che patologia si tratta e come può risolvere una situazione che è diventata davvero difficile,perchè purtroppo non può lasciare il lavoro e continua a stare male e a non avere una risposta esaustiva da nessuno.Purtroppo sembra che tutti vedano il problema come una banale irritazione,le è stato detto semplicemente che ha il naso sensibile...
In più vi chiedo se l’irritazione che provoca l'uso di detersivi a lungo andare potrebbe avere effetti cancerogeni.
Mi scuso se mi sono dilungata troppo e vi ringrazio anticipatamente per i consigli che vorrete darmi e per il prezioso servizio che garantite. Saluti

[#1]  
Dr. Ivano Bruno Bertetto

28% attività
8% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)
TEMPIO PAUSANIA (SS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
La valutazione del collega otorinolaringoiatra ha messo in luce un problema ben chiaro e frequente: il reflusso gastro-esofageo può dare una infiammazione della regione laringea descritta, senza che il paziente lamenti disturbi digestivi o gastrici. E' una condizione molto frequente.
Se dalla visita non sono emersi altri gravi fattori come credo di capire, i sintomi descritti mi sembrano provocati dall'effetto irritante dei prodotti utilizzati dalla signora, e tale effetto raramente è legato ad una condizione di allergia.
Le consiglierei quindi di seguire scrupolosamente la terapia prescritta, e una nuova visita ORL dopo il ciclo terapeutico per rivalutare la situazione.
Dr. Ivano BRUNO BERTETTO

[#2] dopo  
Utente
Intanto grazie per la risposta,
sicuramente mia madre seguirà la terapia prescritta per il reflusso gastro-esofageo, ma ciò che vorrei sapere però è se tale terapia può avere effetti benefici anche sui sintomi causati dall'effetto irritante dei detersivi ed in caso contrario, cosa deve fare visto che non potendo lasciare il lavoro dovrà continuare ad usarli?

Grazie ancora

[#3]  
Dr. Ivano Bruno Bertetto

28% attività
8% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)
TEMPIO PAUSANIA (SS)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
La terapia potrà avere un effetto solo parziale sui sintomi, risolvendo l'infiammazione dovuta al reflusso. Purtroppo l'irritazione delle mucose dovuta a tali sostanze necessiterebbe provare ad di evitare il contatto con le sostanze stesse, almeno temporaneamente.
Dr. Ivano BRUNO BERTETTO