Utente
Buongiorno, sono una signora di Monza e sono disperata.
Da mesi soffro di un problema all'orecchio sx e ancora nessuno è riuscito a risolverlo. All'inizio era un bruciore localizzato in un punto preciso in fondo all'orecchio. Dopo varie terapie per bocca fatte "a caso" nel senso che nessuno vedeva nulla di anomalo nel mio orecchio, un otorino ci ha visto un piccolo puntino rosso. Mi ha così detto che poteva essere un eczema e mi ha prescritto il tobradex e l'altosone x 15gg. Con questa cura il dolore nel punto specifico è passato MA ho cominciato a provare un forte prurito e anche un pò di bruciore/tensione più esternamente. Ho preso lo zirtec per 15gg e, per altri 20gg, sono stata abbastanza bene anche se un pò di fastidio/prurito, a tratti, lo sentivo ancora... poi un giorno è ritornato un prurito insopportabile che addirìttura mi ha preso il collo e l'occhio. Ho ripreso lo zirtec ma non mi ha fatto nulla. Dopo 3 giorni di delirio ho provato a cambiare l'antistaminico prendendo l'ACTIFED che prende mio marito per le allergie e, dopo sole 3 pastiglie, è sparito tutto (anche il dolore al collo che pensavo fosse dovuto ad uno strappo!) Ho cambiato otorino. Questo mi ha detto che poteva essere un herpes zoster e mi ha mandata a Milano APPOSTA per fare accertamenti da un altro medico in possesso di microscopio e altri strumenti. Costui pero', guardando l'orecchio, si è rifiutato di farmi alcun test dicendo che non ne ho bisogno e che la mia è una chiara dermatite eczematosa. Non ci sono bolle, croste o altri segni di herpes ma solo una leggera infiammazione e scagliette di pelle morta che ricoprono il timpano. Secondo lui le varie gocce prese non hanno "risolto" il problema perchè la maggior parte degli otorini NON SA come si medicano le orecchie. Lui lo sa essendo anche audiometrista. Mi ha detto che le gocce non vanno tenute solo per una decina di minuti ma che l'orecchio deve essere a contatto della medicazione per tutte le 24h, fino alla medicazione successiva. Mi ha così detto di mettere un bel pò di gocce di LOCALYN e poi una garzina nell'orecchio e di tenerla per 24h. Questo x 10gg. Dopo 3 giorni di trattamento l'orecchio a volte mi fa davvero male! Sembra diventato super sensibile. La pelle brucia tantissimo e non so se sia il caso di continuare. (Questa cosa mi è successa con tutte le gocce prese: tobradex, altosone, halciderm...). La mia domanda è: sto facendo la cosa giusta? Non è davvero il caso di fare un esame più approfondito, se si, quale? Sicuramente l'eczema c'è... ma può essere solo di un tipo? E se oltre all'eczema ci fosse dell'altro? Grazie per il consiglio.
Cristina

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, comprenda bene che, a distanza, senza un esame clinico, non sono in grado di poterla aiutare. Forse, possiamo fare una cosa, visto che non lo ha fatto, ovvero un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti. Ovviamente, per 5-6 giorni prima del tampone, deve interrompere la terapia in gocce. Mi farà piacere ricevere l'esito del tampone. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno,
si certo capisco.
Il problema è che i medici che mi hanno visitata fino ad ora si sono rifiutati di farmi alcun test poichè sostengono che sia chiaro che il mio sia un problema di dermatite e che per tamponi o test vari non c'è essudato da prelevare (dicono che la mia pelle è solo arrossata e un po' desquamata).
Solo un otorino mi aveva detto che, se il problema fosse perdurato, mi avrebbe fatto una biopsia (non è un pò troppo?) ma il dermatologo che ho visto proprio ieri sera ha detto che non risulterebbe comunque nulla dalla biopsia perchè la mia è dermatite atopica.
Mi ha dato la lozione Locoidon da usare x 15gg. Le prime due applicazioni sono state dolorosissime! Un forte bruciore e dolore. Adesso (sono alla quarta applicazione) il bruciore è quasi sparito ma persiste fastidio e prurito. Anche con altre gocce in passato è stato così. Durante la cura sembra migliorare... ma verso la fine sembra invece che l'orecchio si sensibilizzi troppo e così il problema oltre a non scomparire, peggiora.
Secondo la sua opinione il tampone è da farsi anche senza la presenza di essudato? E la biopsia?
Grazie per la risposta!! Le farò sapere i risultati, se trovo qualcuno che mi faccia gli esami! Sono anche pronta a venire da lei a Roma a sto punto. Grazie infinite.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non è assolutamente necessario venire a Roma. Il tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti puo' farlo in un qualsiasi laboratorio di analisi cliniche. A questo punto, pero' portiamo a termine la terapia el dermatologo. Nel caso la sintomatologia dovesse ancora persistere, allora dopo una decina di giorni dalla fine della cura esegua il tampone. Per la biopsia attenderei l'esito del tampone. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno di nuovo,

intanto che aspettavo di fare il tampone sono finita in PS per via del forte bruciore e prurito sempre all'orecchio sx. Qui, pur non avendo notato nulla di particolare a parte delle scagliete bianche sul timpano, mi hanno dato il Ganazolo x 15gg. Per alcuni giorni mi è sembrato di avere un miglioramento, soprattutto per il prurito (anche se sto assumendo l'antistaminico Polaramin e quindi non so se è anche grazie a questo che il prurito va meglio) ma la situazione è precipitata 3gg fa.
Non ho prurito ma un fortissimo bruciore.
Al PS (SOLO su mia insistenza per fare esami più approfonditi) mi han detto che l'orecchio appare sano e che è quindi inutile fare un tampone dato che non c'è essudato o altro.
Mi hanno così prescritto una RM all'encefalo.
Mi scusi ma cosa c'entra la RM all'encefalo con l'orecchio???
Sono sempre più disperata e preoccupata.
Grazie per la risposta.
Cristina

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Onestamente, non sapendo cosa i Colleghi del Pronto Soccorso abbiano dedotto dalla visita, non posso dare una risposta al suo quesito. Le consiglio, pero', di rivolgersi presso l'ambulatorio otorinolaringoiatrico del Policlinico universitario di Milano, in via Sforza. Attendo notizie
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Eccomi dottore,
ho fatto un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti risultato negativo.

Ho fatto anche la RM all’encefalo prescrittami dai medici del PS ma solo su mia richiesta poichè volevo fare esami più approfonditi. Il risultato è il seguente:

Sistema ventricolare in asse, normoconformato e normodimensionato.
Spazi liquorali periferici modicamente accentuati attorno alle regioni frontali ed al vertice tenuto conto l’età della paziente.
Non si osservano aree di alterato segnale nel parenchima cerebrale, nè in fossa posteriore.
Normotrasparenza delle cavità paranasali comprese nell’indagine.
Collateralmente si segnalano piccole cisti ritentive su base flogistica in origine dal pavimento dei seni mascellari.
Le cavità paranasali sono da considerare normo-areate nel loro complesso.

Sono preoccupata per queste cisti.
Perchè si formano e dove sono i seni mascellari?
Possono essere la causa del mio dolore/bruciore e prurito all’orecchio sinistro? (foruncolosi?)
Posso fare una cura per eliminarle o sono da rimuovere chirurgicamente?

La ringrazio nuovamente per il suo parere.
Saluti.

Cristina

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Da entrambi gli esami non è emerso nulla, se non una lieve sinusite mascellare. Cio' che è stato definito come cisti, sicuramente è una raccolta di catarro. Tale patologia non comporta la sintomatologia sofferta all'orecchio e non necessita di una terapia. A questo punto, non so come aiutarla e me ne dispiace. Per caso, si tinge i capelli e se si, di che colore?
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Si, ho i capelli al 50% grigi e li tingo da parecchi anni di biondo scuro. La mia parrucchiera sostiene di non aver cambiato prodotto. Quello che posso dirle è che tutto il problema è iniziato dopo ca 15gg dall'aver fatto una tinta casalinga castana. Sono sicura che è finita nelle orecchie perchè il colore ha continuato a scaricare per diverse tempo ogni volta che facevo la doccia. Inizialmente infatti avevo pensato che questa poteva essere stata la causa scatenante magari di un'eczema. Però ora sono 8 mesi che provo gocce varie e mi pare strano che la cosa non si sia ancora risolta. La ringrazio comunque per il suo interesse ed i consigli.
Lei pensa che potrebbe essere un fattore neurologico o magari anche solo stress?? Non so più cosa pensare. Grazie.

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ma continua ad utilizzare lo stesso prodotto per la tintura dei capelli? Io credo proprio che la causa della patologia sia proprio la tintura!
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Il mio problema è iniziato 8 mesi fa, circa 15gg dopo aver fatto una tinta casalinga castano/rosso piuttosto scura.
La tinta che faccio di solito da anni ormai è invece biondo scura e la faccio dalla mia parrucchiera che mi ha detto di non aver cambiato prodotti.

La tinta casalinga l'ho fatta solo una volta 8 mesi fa. Poi sono tornata a fare quella della parrucchiera.

Mi pare assurdo che sto problema ce l'abbia solo all'orecchio sx e che non passi.
Qualcuno mi ha detto che potrebbe essere stress o un problema neurologico.
Ma stress e problemi neurologici causano pruriti che trovano sollievo con antistaminici??
Mi sembra strano...

Cristina

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Comprenda che non conosco personalmente il suo caso specifico e, quindi, il mio parere si basa unicamente su quanto descrive. Rimango sempre dell'opinione che la sintomatologia sofferta dipenda da una allergia alla tintura. Cio' viene confermato anche dall'effetto positivo dell'antistaminico. Cordialità
Dr. Raffaello Brunori