Utente
Da più di un mese mi è iniziato un dolore alla gola nella parte bassa sinistra.
Dificoltà a deglutire, come se avessi qualcosa in gola, e dolore alla palpazione con ghiandole ingrossate.

Con una bustina di oki stavo meglio ma in particolare la sera a letto ricominciava il dolore. Dopo tre settimane a seguito febbre e dolore ho preso una tachipirina 1000 e la mattina o avuto la sensazione di essere guarito non sentipo più fastidio e dolore a deglutire.
Ma questo è durato poco perchè la sera il dolore l'avevo dall'altra parte, a sinistra.
Quindi da una settimana ad oggi che ho febbre a 37,5 particolarmente la sera e dolore che però scompare per tuttu il giorno con una bostina di ok.
Alla fine il mio medico si è deciso a farmi fare un eko al collo.

Riporto la risposta per intero: Tiroide con aumento dimensionale del dx(20x27)che presenta ecostruttura sovvertita e incremeto della vascolarizzazione ECD.nel cui contesto al III inferiore si documenta nodularità ipo-isoecogena,alonata delle dim 15x10 mm. Al III medio sup a sx si documenta area ipoecogena pseudonodulare, a margini irregolari e con vascolarizzazione ECD intralesionale delle dim 10x10 . Utile correlazione con esami clinico-laboristici e valutazione endocrinologica con eventuale agoaspirato in part. a sn. A livello delle stazioni linfonodali del collo si segnalano alcuni minuti linfonodi a sede laterocervicale sinistra, a morfologia rotondeggiante e con scarzo ilo centrale, il maggir di 8x7mm. Ghiandole salivari maggiori della norma.

Ad oggi continua la febbre e dolore, in particolare la sera non inghiottisco, che passa con un oki e in modo veloce.
Ho chiesto appuntamento in endocrinologia ma occorro alcune settimane.
Cosa mi consigliate ? Può darsi che il dolore sia un altro problema diverso dalla tiroide. Sinceramente non so cosa fare il mio medico mi dice aspettare e prendere oki.
Vi ringrazio della vostra disponibilità poichè non sempre è facile trovare la strada giusta. Saluti




[#1]  
Dr. Carlo Govoni

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Come sempre nella vita non è mai facile trovare la strada giusta. La sua tiroide evidenzia alcune anomalie ed è giusto approfondire (agoaspirato - dosaggi ormonali e visita endocrinologica). Però se lei ha mal di gola una visita otorinolaringoiatrica la farei.
Colgo l'occasione perchè molti snobbano tecniche di esplorazione della gola che oggi sembrano superate: luce frontale, abbassalingua e specchietti laringei. Questi strumenti si usavano alla fine del XIX secolo e si usano tuttora. Quello che hanno descritto i medici del passato con questi soli strumenti è praticamente tutta la patologia otorinolaringoiatrica del cavo orale e della laringe. Io credo che come primo approccio sia utile una visita otorinolaringoiatrica, senza necessariamente che questa debba avvenire con strumentario a fibre ottiche ed eventuali registrazioni delle immagini. L'importante è che un medico specialista, con strumenti che permettono di andare oltre la visione del medico di base (solo abbassalingua), faccia una esplorazione e formuli una diagnosi. La diagnosi potrebbe anche essere: tutto normale. E' evidente che in questo caso si dovranno concentrare gli accertamenti alla tiroide.
L'otorinolaringoiatria è una specialità endoscopica, se lo specialista vedrà una causa del suo mal di gola, allora sarà evidente che dovrà curarsi per quella causa.
cordiali saluti
Dr. Carlo Govoni
specialista in otorinolaringoiatria - Milano
cell. 3358040811
www.carlogovoni.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per i preziosi e immediati consigli.
A breve farò come consigliato la visita endocrinologica e relativi esami.
Appena ho i risultati gli faccio sapere.

ps pienamente daccordo sugli strumenti semplici, ricordo la frase da piccolo "signora ha un cucchiaio?" e la torcia rossa della Superpila .

Grazie di nuovo e cordialisaluti

[#3] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott. Govoni la informo dello sviluppo degli analisi poichè mi sembra che la cosa si complichi.

Ho eseguito una visita in endocrinologia con i seguenti esami e risultati :

Ecografia al collo -
Volume tirodeo stimato 19 - lobo dx : AP 27 - LL 14 - long 52. lobo sx AP 23 - LL17 . long 45.
Tiroide di dimensioni superiori alla norma ed ecostruttura marcatamente disomogenea e ipoecogena. Lobo 3° inferiore nodulo solido ipoecogeno con orletto periferico sottile microlacune di 13x13x13 mm (ECD lieve vascolarizzazione peri ed intranodulare) contigua e superiore nodulo iperecogeno di 8x9x10 mm.
lobo sx 3° medio nodulo lievemente e ipoecogeno disomogeneo parzialmente alonato di 10x10x10 . Istmo regolare.
In regiore l-c bilateralmente non immagini riferibili a linfonodi patologici.

Scintigrafia tiroidea con TC:
Dose somm. 74 MBq
Referto: L'esame evidenzia una debolissima e diomogenea captazione del tracciante a carico della ghiandola tiroidea.

Esami sangue : in attesa di risposta
Agoaspirato in attesa di risposta.

Ho invece la risposta di alcuni esami del sangue fatti il giorno prima di questa visita.
Elenco solo i valori fuari norma che sono: EBNA Epstein Barr Virus anticorpi igc = POSITIVO . EBNA Epstein Barr Virus anticorpi igc = negativo INFEZIONE PREGRESSA.
Proceina C reattiva = 5,96 mgr/dl esame ripetuto.

L'endocrinologo mi ha consigliato di proseguire con oki in attesa dei risultati del sangue e agoaspirato. Questi esami non gli ha visti perchè non gli vevo ancora ritirati.

Gradirei un aSua opinione sul quadro Clinico visto che sto un po meglio come dolore e deglutizioni ma continua ad avere febbricciole.

La ringrazio anticipatamente dellu sua disponibilità e cortesia.
Saluti

[#4]  
Dr. Carlo Govoni

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
La tiroide è un poco ingrossata. Ovviamente occorre aspettare gli esami del sangue. I dosaggi ormonali tiroidei sono fondamentali. Il fatto che stia un po' meglio è confortante perchè potrebbe trattarsi di tiroidite. Per quanto riguarda gli esami che ha mostrato evidenziano una monucleosi pregressa. Cioè lei in passato ha contratto questa malattia ed ora ha gli anticorpi nel suo sangue. Il risultato non deve assolutamente preoccupare.
Resto in attesa degli altri esami
cordialità
Dr. Carlo Govoni
specialista in otorinolaringoiatria - Milano
cell. 3358040811
www.carlogovoni.it