Utente
Gentilissimo dott., circa 10 giorni fa ho avuto un otite catarrale dx trattata con antibiotico, cortisone e lavaggio. Al pronto soccorso l'otorino ha effettuato un lavaggio, l'acqua dall'orecchio è passata nella bocca e ho sentito una sensazione di sbandamento. Poco dopo ho cominciato a sentire un debole sibilo che diventato sempre più forte e che al momento sento anche nell'orecchio sx. Ho finito la cura cortisonica da martedì della scorsa settimana. Sono seriamente preoccupata, devo fare delle indagini mirate? Quali? Secondo il parere del mio medico curante potrebbero essere i cristalli, anche se al momento non ho vertigini.

Sentitamente ringrazio
Liliana

[#1]  
Dr. Giuseppe Barba

24% attività
0% attualità
0% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Se all'atto dell'irrigazione del condotto uditivo ha percepito la presenza di acqua in bocca, lei ha una perforazione della membrana timpanica. Parte della sintomatologia lamentata, potrebbe derivare dalla stimolazione impropria ed eccessiva dell'orecchio.
Necessità di una visita specialistica.
La saluto
Dr. Giuseppe Barba

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore, da visita di controllo effettuata nei giorni scorsi, la perforazione risulta guarita. In quell'occasione mi è stato fatto anche un esame audiometrico, con esito seguente: componente percettiva bilaterale per le alte frequenze. Ma alla stimolazione impropria ed eccessiva dell'orecchio è possibile trovare rimedio?

Saluti
Liliana

[#3]  
Dr. Giuseppe Barba

24% attività
0% attualità
0% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Purtroppo la componente percettiva bilaterale non promette bene e dubito che possa trovare un risoluzione completa e definitiva.
La stimolazione impropria ed eccessiva, quale quella derivante da un lavaggio, nella maggioranza dei casi comporta vertigini transitorie (come quelle da lei descritte), per quanto riguarda la sua ipoacusia neurosensoriale credo che abbia altre origini.
La saluto
Dr. Giuseppe Barba