Utente
Gent.Li dottori a mio padre di 59 anni è stata diagnosticata mediante visita otorinica una leucoplachia alla corda vocale destra che si evidenzia con due macchioline bianche.
Premetto che lui era fumatore ed ha smesso due anni fa, e da allora non ha mai avuto sintomi che inducessero a fare una visita"è stato un caso che ce ne siamo accorti".
L'otorino gli ha prescritto una cura a base di aereosol con cortisone ed antibiotico nonchè un antinfiammatorio per bocca per 20 giorni di cura, rimandandolo ad una nuova visita tra due mesi ed una eventuale operazione se non dovesse scomparire.
La mia domanda è non si poteva subito fare una biopsia per vedere l'entità del problema?
La leucoplachia è sempre benigna o potrebbe già nascondere un tumore, nonostante l'assenza di sintomi come mal di gola, voce bassa ecc... Potete darmi un suggerimento su come procedere? Operare subito, o aspettare di terminare la cura e vedere cosa accade?
Grazie anticipatamente per la V/s cordiale rispota
Marisa

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolò Frau

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROVERETO (TN)
VILLA LAGARINA (TN)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Cara Sig.ra Marisa, la leucoplachia è una lesione precancerosa per cui è sempre consigliabile asportarla. In rari casi può infatti presentare già un carcinoma in situ cioè un tumore in fase iniziale che se asportato porta a guarigione completa. Come si procede: Si esegue una laringostroboscoia per valutare la motilità dei piani superficiali della corda vocale e sulla base di questa si decide il tipo di intervento (cordectomia) delle quali esistono 5 tipi principali e vari sottotipi. In genere nei casi di leucoplachia si esegue una cordectomia di primo tipo cioè la più conservativa per la funzione vocale.
Disitnti saluti

[#2]  
Dr. Morando Morandi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Gent.le Signora,
pur concordando nella sostanza con il dott.Frau che Le ha consigliato l'asportazione della leucoplachia, ritengo giusto fornirLe altre informazioni. Inanzitutto,per rispondere alla Sua prima domanda, è inutile procedere a biopsia in quanto questo esame di fatto coincide con l'intervento stesso.Secondariamente l'atteggiamento di attesa proposto dall'otorino che ha visitato Suo padre è corretto in quanto può accadere che,grazie alla terapia e, soprattutto,grazie all'astensione dal fumo e dagli abusi vocali tale tipo di patologia possa regredire. In ogni caso la visita di controllo che sicuramente è stata raccomandata va integrata con una videoregistrazione in modo da documentare in modo corretto l'indispensabile follow up.
Solo in caso di persistenza o aumento delle leucoplachie si renderà necessaria la loro asportazione chirurgica.
Cari saluti
dott. M. Morandi

[#3] dopo  
Utente
Gent.li Dottori, a distanza di qualche mese ormai dal Vostro prezioso consulto, mio padre si è rivolto ad un altro specialista per farsi visitare ed avere un'ulteriore conferma di necessità di operazione. Quest'ultumo specialista è un oncologo il quale dopo averlo vistato ed effettuato in ospedale una laringoscpia con un apparecchio che vede tridimensionalmente la golo, non ha parlato di Leucoplachia ,ma di noduletti con presenza di cordite dovuta ad eccessivo sforzo delle corde vocali. Dunque gli ha prescritto un serie di sedute di logopedia da effettuarsi stesso in ospedale al termine delle quali si rivedrà come si è evoluta la situazione.
Ora siamo più confusi di prima; la mia domanda che Vi rivolgo è la Leucoplachia si presenta con macchioline bianche allo stesso modo dei noduletti di cui Lui ha parlato? E poi se fosse davvero Leucoplachia e non noduletti come ci accorgeremmo del mutamento da forma pre cancerosa a ipotetico cancro?
Se potete darmi un suggerimeto, le due macchioline ci sono,io le ho viste alla prima visita otorinolaringoiatra grazie al monitor che il dottore aveva nel suo studio.
Cosa ci consigliate?
Grazie ancora una volta per la V/s cortese risposta,

Cordiali saluti,
Marisa

[#4]  
Dr. Giuseppe Nicolò Frau

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROVERETO (TN)
VILLA LAGARINA (TN)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Non dovrebbero esserci dubbi nel differenziare una leucoplachia da dei noduli cordali salvo nel caso in cui sono associati. Chieda spiegazioni a chi ha visitato suo padre.
Distinti saluti

[#5]  
Dr. Morando Morandi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Segua serenamente il programma che le è stato consigliato: logopedia e controlli video periodici (preferibilmente integrati da foto)
dott. M. Morandi

[#6] dopo  
Utente
GentLi Dottori,

ringrazio tutti ancora una volta per la Vostra disponibilità e soprattutto per i Vostri preziosi suggerimenti.

Cordiali saluti,
Marisa