Utente
Buongiorno dottori, mi chiamo Giacomo.
Prima di arrivare alla domanda, sul perché persista questa febbriciattola (37, 37.2 max 37.3), faccio un breve resoconto di quanto mi sta accadendo.
Ho sempre sofferto di algia facciale, appena sopra l’occhio destro esattamente tra la fine del sopracciglio e l’inizio del setto nasale, che non mi ha mai dato grandi problemi. Se prendo il raffreddore mi si chiude il naso, tempo 2-3 giorni che il raffreddore mi passa, al quinto giorno mal di testa fortissimo in quel punto: Oki, aeresol, la narice fischia come se si liberasse, e il dolore passa. Questa cosa mi accadeva solo una volta all’anno ovviamente quando prendevo il raffreddore, altrimenti non mi veniva nulla.
A gennaio di quest’anno ho avuto tre episodi consecutivi di queste algie senza però prendere il raffreddore, naso estremamente tappato ma senza muco (quel poco che scendeva era bianco), e comparsa di una fastidiosa febbriciattola: 37, 37.2 massimo 37.3 mattino e pomeriggio per poi sparire alla sera.
Il medico di base mi ha fatto insistere con 2 aeresol al giorno di clenil e 2 buste al giorno di fluimucil. Risultati quasi nulli, mal di testa non sono più comparsi ma la febbre persisteva. Allora mi ha prescritto claritromicina per 7 giorni, 2 pastiglie al giorno, esami del sangue completi ed esami urine. E intanto sono andato anche dall’Otorino. Ha detto: algie mattutine dovute a rinite acuta e ipertermia non risolta da cura antibiotica. Esame ORL: deviazione sinistro convessa setto nasale, ipertrofia compensatoria del turbinato inferiore destro, stenosi del meato medio omolaterale. Terapia: Nasonex spray 2 spruzzi per narice due volte al dì per 15 giorni e poi due spruzzi una volta al dì per 30 giorni.
Intanto sono andato a febbraio a fare gli esami del sangue completi. Il Medico di base li ha definiti “perfetti” compresi gli esami della urine, non è stato evidenziato nulla. Citomegalovirus, Toxoplasmosi e Mononucleosi già passate.
Tra febbraio e inizio marzo ho completato la cura dell’Otorino. A metà marzo altri due episodi consecutivi di algie facciali e febbraciattola non risolta. Torno dall’Otorino che esamina gli esami del sangue e mi visita ancora con la sonda nel naso. Turbinati ancora estremamente gonfi. Allora mi dà: 3 pastiglie al giorno di Augmentin per 10 giorni e ancora Nasonex per 1 mese. Intanto prenotiamo la Tac per 12 giugno, lo stesso otorino mi ha detto che quella data va bene.
A oggi, in attesa della Tac, ho ancora la febbriciattola 37.1, 37.2. Muco non ne scende.
Ora la mia domanda è: siccome i sintomi, ipertrofia ai turbinati e frebbriciattola, sono comparsi contemporaneamente io li ho associati e su questa linea ho condotto anche il medico. Ma è possibile che i tubinati diano la febbricciatola? Soprattutto: non è che a questo punto devo ricercare i problemi della febbriciattola da altre parti e non nei turbinati? La cosa della febbriciattola inizia a preoccuparmi seriamente.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente, l'ipertrofia dei turbinati non puo' essere responsabile del rialzo termico. Vista la negatività delle risposte per il citomegalovirus e mononucleosi, penso che la causa vada ricercata in un processo infiammatorio dei seni paranasali e, per questo, si rende utile una tac dei seni paranasali senza mezzo di contrasto. Se è presente del muco nasale, puo' fare un esame del secreto nasale per la ricerca di germi patogeni.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta.
In attesa della Tac e di una nuova visita dallo specialista volevo chiederle una cosa:
è possibile che 2 cicli di antibiotici, uno di 7 giorni tra gennaio e febbraio con Claritromicina e uno di 10 giorni tra marzo e aprile con Augmentin non abbiamo perlomeno risolto il problema della lieve febbre (a oggi compare ancora, tra i 37.1 e 37.3 max).

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
No, non puo' considerarsi normale la persistenza di questa febbricola dopo due cicli antibiotici
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno dottore. Ho il risultato della Tac. Volevo chiedere la sua opinione

"Presenza di materiale con la stessa densità dei tessuti molli a carico di alcune cellette etmoidali bilateralmente, su verosimile base sinuosopatica. Normo areate e normo sviluppate le rimanenti cavità paranasali bilateralmente. Deviazione sn convessa del setto nasale. Discreta ipertrofia dei turbinati inferiori".

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La tac evidenzia la deviazione del setto nasale ed una infiammazione cronica dei seni etmoidali
Dr. Raffaello Brunori