Utente 263XXX
Buongiorno gent.mi Dottori,
mi rivolgo a voi per avere un gentile ed ulteriore consulto.
Praticamente da che ero bambina, vivo con il fazzoletto al naso, frequenti raffreddori e comunque sempre la necessità di soffiare il naso. Finalmente lo scorso anno faccio dei test allergici da cui però non risulta nulla. Allora, una visita dall'otorino: tramite endoscopia e dopo cura antibiotica, senza buon esito, mi dice che soffro si sinusite mascellare cronica, particolarmente a sinistra. Infatti, per qualche mese il muco è stato giallo, denso (alcune volte verdastro), maleodorante e specialmente dalla narice sinistra con anche dolori ai seni paranasali, credo, o comunque tra naso e zigomo.
Alla diagnosi, l'otorino mi prescive TAC massillo facciale preceduta da cura antibiotica e cortisonica per accertare o escludere possibile intervento!
Sinceramente temporeggio, non ne ho molta voglia...sono passati 4 mesi. Intanto qualcosa cambia.
La situazione attuale: fastidioso catarro in gola da espettorare che dura da alcune settimane, dal naso meno catarro e non c'è più il dolore. Ora ho raffreddore da ormai una settimana: la narice sinistra è quasi sempre chiusa, soprattutto in ambienti secchi, e non riesco a liberarmi del catarro, quello che espettoro è a volte solo muco, a volte giallo o giallo rossastro.
Non sto prendendo farmaci, faccio lavaggi nasali con le soluzioni già pronte e uso rimedi naturali: ribes nigrum, kuzu (anche se non regolarmente), olio di lavanda ed eucalipto o tea tree.
La mia domanda è: devo proprio sottopormi a una tac e un probabile intervento o c'è una cura da poter fare per vedere dei risultati e tornare, non solo a respirare, ma anche abbandonare il fazzoletto?
Grazie per la Vs cortese attenzione e la risposta che vorrete fornirmi.
Cordiali saluti, Laura

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Senza una cura, sicuramente sta aprendo la strada verso l'intervento. Deve sottoporsi necessariamente alla tac e, in base a quello che si vedrà, verrà presa una decisione in merito.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 263XXX

Ok grazie,
Ma di fatto di cure non me ne sono state date!
Solo antibiotico e cortisone da assumere nei dieci giorni prima di fare la tac per vedere meglio i risiltati, così ho capito; e il mio medico curante mi ha detto di fare i lavaggi.
Quindi, l'alternativa è solo la tac e l'intervento? Non si può provare a curare la sinusite prima?
Eventualmente, mi può spiegare in cosa consiste l'intervento? Grazie, saluti.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Con la tac si puo' fare uno studio dell'infiammazione dei seni paranasali e, in base a cio' che si rileverà, si potrà decidere il da farsi. Fino a che non si avrà la risposta dell'esame, non si puo' fare alcuna previsione di cura od esito.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente 263XXX

Buongiorno, ho l'esito della tac. Potrebbe darmi il suo consulto? Grazie.
TAC MASSICCIO FACCIALE SENZA CONTRASTO.
Acquisizione volumetrica assiale, ricostruzioni multiplanari. Modica deviazione destro convessa del setto nasale.
Lieve ipertrofia dei turbinati.
Il seno mascellare sinistro è estesamente occupato da tessuto di natura infiammatoria cronica con ispessimento reattivo delle pareti ossee sinusali. Normoareate le restanti cavità paranasali.

Cos'ho in pratico? Cosa devo fare? Cura o intervento?
Cordiali saluti e grazie.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In pratica , ha una sinusite mascellare sn. Onestamente, senza una lettura delle immagini della tac, non sono in grado di dirle se la cura possa essere farmacologica o chirurgica. Ovviamente, bisogna sempre tentare una terapia farmacologica mucolitica ed antinfiammatoria, prima di passare alla chirurgia.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente 263XXX

Grazie Dottore.
Ora andrò dal mio medico e sto cercando, tra le lunghe attese nei vsri ospedali, di prendere appuntamento con l'otorino.

[#7] dopo  
Utente 263XXX

Buongiorno, ho degli aggiornamenti sulla mia sinusite mascellare sinistra.
Dopo visita otorino e cura con eltair e lavaggi con luxifluires, ho eseguito anche una RMN
Ecco in sintesi l'esito: rispetto la precedente Tac l'indagine presenta un'importante evoluzione. Si osserva la presenza di totale ostruzione del seno mascellare sinistro con ipertrofia della mucosa di rivestimento ed un contenuto di iposegnale fluido colliquato.
Il reperto è in relazione a totale ostruzione del comparto ostio-meatale che appare oltremodo decalcificato, eroso ed allargato, quasi irriconoscibile con il materiale infiammatorio che si continua dall'antro di Highmoreverso l'etmoide. Esiste un ristagno etmoido frontale soprastante l'ostruzione.
Alla somministrazione di mezzo di contrasto si documenta l'impregnazione contrastografica della parte mucosa solido proliferativa con piccolo gettone solido filiforme di 4 mm di spessore che si continua cranialmente verso l'etmoide ed un poco posteriormente verso la coana. Pertanto l'ipotesi di ostruzione mucosa polipoide appare possibile. Relativamente libere le cavità di destra.

La prossima visita è fissata x ottobre e non c'è modo di anticipare ( se non privatamente). Per favore potreste spiegarmi cosa significa questo esito, quanto è grave e urgente? Grazie!

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Nulla di grave, stia tranquilla, solo che l'infiammazione a carico dei seni paranasali è peggiorata e, credo, necessiti di una terapia chirurgica.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente 263XXX

Grazie, molto gentile e rassicurante.
Ma posso aspettare fino ad ottobre per la visita di controllo? In cosa consisterebbe una terapia chirurgica? Grazie ancora dottor Brunori

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Penso che possa attendere sino ad ottobre, anche se sarebbe almeno utile agire con una cura farmacologica. L'intervento, che prende il nome di "Fess", consiste nell'apertura e svuotamento dei seni paranasali interessati dal processo infiammatorio cronico, per via endonasale, in endoscopia. L'intervento viene condotto in anestesia generale e prevede un tamponamento nasale post-operatorio.
Dr. Raffaello Brunori