Utente
Buongiorno Dottori,

dopo avervi letto parecchio, ora purtroppo è il mio turno.
Da circa tre settimane ho un problema con la laringe che non vuole proprio passare, nonostante ben tre visite da tre ORL diversi.

Elenco la mia storia:

Inizia tutto giovedì 4 aprile scorso, mal di gola zona tonsille, niente febbre, il normale mal di gola.
sabato 6 inizia a calare la voce
domenica 7 la voce è quasi andata via del tutto
da lunedì 8 riprendo un poco di voce ma compare la tosse secca

mercoledì 10 mi reco da un ORL diverso dal mio solito poiché il mio era assente, mi dice che ho una bella laringite, non trova niente di strano e mi dice di bere molto e fare qualche camomilla. Nulla più.

passa una settimana, nessun miglioramento. Tosse con molto essudato del tipo verde, poi anche giallo specie dal naso.

Essendo il mio ORL purtroppo ancora assente, mi reco dal mio medico di base, spiegandogli tutto mi dice che è sicuramente reflusso, nonostante l'infiammazione non mi prescrive nulla, solo dei farmaci per il controllo del reflusso. Di mio comunque non mangio già moltissimi cibi che possano procurare acidità, e NON FUMO e NON BEVO, sono quasi astemio, salvo qualche rara occasione in cui mi concedo mezzo bicchiere.

Passa ancora il tempo, durante il giorno la voce torna seppur sabbiosa, la sera irrimediabilmente crolla. La tosse però inizia a migliorare

Arriviamo a questa settimana, avendo avuto due diagnosi diverse, in attesa della visita con il mio ORL abituale che ho svolto due gg fa, mercoledì 24 mi reco presso un centro di medicina su consiglio di un amico per esami più accurati.

Endoscopia laringea:
iperemia ai pilastri tonsillari anteriori, tonsille intra-veliche, corde vocali normo mobili, profili regolari, ma ristagno mucoso diffuso con iperemia marcata al livello del terzo posteriore, seni piriformi pervi, fosse nasali pervie, collo libero. Mi dice che il reflusso è minimo e tarscurabile, e può accadere nei periodi di cambio stagione.

Mi prescrive aerosol per scigliere il catarro e antibiotico Cedofox 200mg, per 10gg 2 compresse al giorno. La sera stessa inizio la terapia.

Venerdì mi reco ugualmente dal mio ORL abituale per un consulto, il quale mi aggiunge Bentolan 1 mg due comp al giorno per 4gg poi una al giorno per due gg.che inizio la sera stessa.

Ad oggi, dopo due gg di bentolan e quattro di anibiotico, la voce ancora fa molta fatica. Vi chiedo se è normale che una banale laringite, senza febbre tra l'altro, recidivi in questo modo, e se posso subire danni alle corde vocali dato che sono infiammate da molti giorni. Non uso molto la voce ma vorrei capire in base alla vostra esperienza, in che tempi potrei guarire e cosa potrebbe essere, poiché nonostante la terapia al momento non vedo l'uscita dal tunnel.

Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono davvero molto perplesso su quanto riferito. trovo assurdo curare una laringite con il bere molto e con la camomilla: improponibile! Circa il reflusso, puo' essere una diagnosi plausibile, ma deve essere convalidata attraverso una fibroscopia laringea, come giustamente eseguita dall'altro Specialista consultato. La terapia prescritta da quest'ultimo puo' considerarsi idonea per la risoluzione della patologia i questione. Visto il colore giallo verdognolo del catarro, avrei fatto un esame di questo per la ricerca di germi patogeni, pensando ad una forma batterica.
Considerando, quindi, i giorni di cura sino ad ora eseguiti, la sintomatologia doveva essersi risolta. A questo punto, consiglio una visita da parte di un Foniatra.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dott.Brunori,
Grazie per il Suo contributo. Ho qualche novità in merito alla laringite, il mio ORL mi ha fatto sospendere la terapia con Cefodox ieri dopo 6gg, che considera più che sufficienti per eliminare i batteri dalla laringe, mentre terminero' domani il bentolan. Ho una visita di controllo fissata per lunedì. La voce sembra esserci da due gg, non è fortissima ma è quasi ok. Mi resta solo una strana sensazione in gola, nella parete posteriore della faringe, ho la continua sensazione come se la gola fosse raffreddata, come quando fa dei respiri profondi in inverno per farle capire. Secondo lei è una conseguenza del passaggio dell'infiammazione o la mucosa della gola è ancora debole e sensibile per le settimane di infezione? Grazie infinite per il.suo aiuto. La terrò informata in merito ad altri, spero positivi, sviluppi.

[#3] dopo  
Utente
Scusi mi devo correggere. La sensazione strana, quella che può provare in gola quando ad esempio mangia una caramella balsamica, è nella zona retrostante il pomo d'adamo per cui è ancora laringe. Mi scuso per il paragone utilizzato ma è per farle capire come meglio posso la sensazione in questione. La ringrazio.

[#4]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cio' che riferisce fà pensare ad una quasi risoluzione della patologia e cio' verrà confermato con la prossima visita di lunedì.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#5] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la Sua risposta. Buona serata a Lei!