Utente
Alla c.a. del dr. Andrea Muzza
Seguo spesso la Vostra rubrica di consultazioni, nello scorso febbraio ho trovato alcune indicazioni dettate da Lei sulla "Ipertrofia dei turbinati"; in esse indicava l'utilizzo per un periodo di tre mesi di Budesonide 100 mcg.
Ho 54 anni e sono affetto da tale patologia anche se lieve, ho una leggera deviazione del setto per un trauma subito 30 anni fa ed ho vissuto un periodo di allergia ad alcuni pollini (per fortuna oggi non più e, senza alcuna terapia) che mi procurava riniti, credo, tutte buone cause per una patologia come la mia.
Ho tentato di acquistare in farmacia il prodotto da Lei indicato, purtroppo non ho trovato il 100 mcg ma il 200mcg inoltre era in " polvere da inalare ".
Con la presente sono a chiedere se tale prodotto è idoneo al mio caso, se la posologia è la stessa già indicata e qualora ci fosse una alternativa, quale sarebbe la più idonea nella speranza di evitare o quantomeno ritardare l'intervento chirurgico.
Ringraziandola fin d'ora per la cortesia e per il prezioso servizio che insieme ai suoi colleghi ci fornite, porgo distinti saluti.
Claudio Tedesco

[#1]  
Dr. Gianluca Capra

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
gentile utente, visto che iol Dr Muzza collega e amico non le ha ancora risposto, le rispondo io, puo assumere qualsiasi cortisonico topico nasale in spray anche budesonide 100 2 puff la sera per fossa nasale, consideri che se ha anche una deviazione settale importante potrebbe non dare alcun beneficio.
cordiali saluti
Gianluca Capra

[#2]  
Dr. Gianluca Capra

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Poiche il Dr Muzza collega e amico non le ha ancora risposto, mi peretto di rispondere io, le consiglio di utilizzare un cortisonico topico nasale spray es budesonide 100 2 puff per fossa nasale la sera, consideri che se la deviazione settale è importante puo non ottenere alcun beneficio
cordiali saluti
Gianluca Capra

[#3] dopo  
Utente
Egregio dr. Capra, sono a ringraziarLa per la sua cortesia nel rispondermi.
Per la deviazione settale mi è gia stato diagnosticato non importante, come per l'ingrossamento dei turbinati. Sostanzialmente non ho fastidi tranne quando sono molto raffredato, che per un miglior riposo ed evitare anche occasionalmente (e solo in quel caso) di russare, uso dei cerottini nasali.
Per ciò che riguarda il Budesonide, la confezione da 100mcg non si trova ed in farmacia non si sono presi la responsabilità di consigliarmi altro. Inoltre molti dei prodotti che avevano non erano spray ma bensì " polvere da inalare "; ecco perchè sono a chiederVi un prodotto in alternativa e quindi la nuova posologia. Tutto ciò nell'intento di evitare o forse solo ritardare un intervento chirurgico.
Ringraziando ancora porgo a Lei ed ai suoi colleghi un cordiale saluto.
Claudio Tedesco

[#4]  
Dr. Gianluca Capra

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
gentile utente,
come lei sa bene non posso fare nomi di farmaci, ma le assicuro che il budesonide in formula spray nasale esiste nel dosaggio indicato in precedenza da 100 mcg, provi in altra farmacia
cordiali saluti
Gianluca Capra

[#5] dopo  
Utente
Grazie ancora dr. Capra, seguirò il suo consiglio.
Cordiali saluti.
Claudio Tedesco

[#6]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro paziente,
ancorchè la terapia topica endonasale corticosteroidea sia efficace, si tratta pur sempre di una decongestione chimica dei turbinati inferiori. Le consiglierei di prender in considerazione l'ipotesi di una decongestione fisica, con tecnologia a radiofrequenze.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#7]  
Dr. Morando Morandi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Caro signore,
concordo con il collega Valieri nel suggerirLe la decongestione chirurgica dei turbinati inferiori in quanto, soprattutto con le metodiche attuali (radiofrequenze o laser a diodi) assicura risultati ottimali e definitivi.
dott. M. Morandi

[#8] dopo  
Utente
Ringrazio sia il dr. Valieri che il dr. Morandi per la loro attenzione.
In un primo momento, pur essendo avverso ad ogni tipo di intervento, forse per timore, avevo considerato la possibilità di un intervento ma, leggendo un consulto del dr. Muzza del febbraio u.s., che prevedeva una terapia cortisonica per un certo periodo nei casi più lievi, ne ho preso immediatamente spunto pensando che ciò potesse risolvere anche il mio problema. Certo che qualora non vi fossero risultati apprezzabili, sarò costretto a riconsiderare l'intervento anche se un po' restio.
Pare che non si senta nulla ma, forse per fifa, in una visita con endoscopio di qualche tempo fa, ho avuto problemi con l'inserimento della sonda, figuriamoci come potrei rimanere tranquillo pensando a tutto quello che dovrebbe succedere nel mio naso in un intervento e poi, il postoperatorio.
Comunque grazie, spero tanto che il mio caso sia il più lieve possibile da poter ottenere risultati anche con la terapia medica e, nel caso vi fosse bisogno, di poter incontrare un bravo professionista soprattutto comprensivo con un fifone come me.
Cordiali saluti.
Claudio Tedesco

[#9]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro paziente,
quando si tratta di noi stessi siamo tutti in fondo in fondo "fifoni" e cuor di leone con i problemi..altrui. La decongestione ambulatoriale dei turbinati prevede una anestesia per infiltrazione e una per contatto con tamponcini, per evitare anche il fastidio della puntura anestetica. L'intervento è poi indolore ed esangue.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it