Utente 471XXX
Buonasera,
circa 10 gionri fa a mia figlia di 3 anni e mezzo è stata dignosticata una bronchite; il pediatra ha consigliato una radiografia che ha prodotto il seguente referto:
Accentuazione della trama vascolare in sede basale a destra. Seni pleurici liberi, cuore nella norma.
La terapia suggerita ha previsto:
- Rocefin 1Gr per 8 giorni
- Aerosol con Pulmaxan in abbinamento a Breva (6 gocce) alternato a Broncovaleas
- Bentalan (2 capsule per 4gg)
- Dicoflor
- Protovit (30 gocce)

Dopo 8 giorni non si sono visti segni di miglioramento e il pediatra ha sostituito il Rocefin con il VECLAM. Dopo 3 giorni di cura a base di tale farmaco la tosse sembra un po' diminuita ma persiste molto catarro (ad esempio quando la bambina ride).
Siamo un po' preoccupati per la permanenza del catarro (la tosse è iniziata più di un mese fa) anche perché l'infermiera che ha fatto le iniezioni di Rocefin alla bambina ci ha anche parlato della possibilità che la bronchite sia collegata a Mycoplasma o Clamidia. Aggiungo che ieri sera abbiamo notato la comparsa di una patina bianca dietro il labbro superiore ed un notevole arrossamento della zona vaginale con alcuni puntini bianchi; potrebbe essere Candida dovuta agli antibiotici? Potreste, gentilmente fornirci un vostro parere in merito alla bronchite ed a questo ulteriore elemento (patina e arrossamento zona genitale)?


Grazie per la cortesia.

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
In caso di Mycoplasma per avere la certezza, si ricercano molto semplicemente le agglutinine a freddo (un test che anche il pediatra, con del ghiaccio e un pò di sangue può fare, volendo in ambulatorio).
In caso di Mycoplasma si ha una sintomatologia eclatante mentre radiologicamente si trova poco e niente..
l'antibiotico più indicato è un macrolide.

Ma perchè il Rocefin in muscolo quando si poteva ricorrere a terapie orali? Probabilmente c'era una semplice virosi respiratoria, non saprei che dirle non avendola visitata ma sono sicura che certe volte cn le terapie si vada con la mano troppo pesante.

Attenzione all'aria condizionata. Per il catarro, latte, miele e propoli. Controllare febbre e situazione respiratoria e avere pazienza; aver bloccato un normale processo febbrile farà permanere il catarro ancora a lungo..

Un applauso all'infermiera senz'altro!
cordialità

[#2] dopo  
Utente 471XXX

Grazie per la gentile risposta.