Utente 162XXX
Buongiorno, la mia bambina di 5 anni e mezzo da 2 mesi ha un linfonodo mobile ingrossato sul lato dx del collo.
Due mesi fa dopo un forte raffreddore, un giorno di febbre max 38,2, ed un'eruzione cutanea pruriginosa, il pediatra ha fatto fare il tampone per lo streptocco ed è risultato positivo , quindi 10 giorni di antibiotico Neoduplamox, successivamente abbiamo fatto le analisi del sangue le quali hanno evidenziato un AST 25 u/l, ALT 198 u/l, TAS 544 ul/ml, monunucleosi Negativo, l'emocromo nella norma fatta eccezione di una leggera anemia HGB 11,8 g/dl, VES 11. Il pediatra ha ritenuto opportuno non farmi fare l'ecografia.
In questo periodo la bambina sta bene, ha solo le adenoidi un po' ingrossate, si sente tanto muco retronasale e di notte spesso dorme a bocca aperta.
Voglio chiedere se è il caso, visto che sono trascorsi due mesi, e che le dimensioni a mio parere non sono variate, di fare altri esami più approfonditi come l'ecografia e quant'altro sia necessario per capire da che cosa dipende questo linfonodo.
Grazie
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
probabilmente il linfonodo sarà di natura reattiva, in considerazione della mobilità e dei pregressi processi flogistici. Comunque, se le dimensioni dovessero essere superiori ai 2 cm e di consistenza dura, sarà opportuno un'esame ecografico per valutare le caratteristiche del linfonodo, altrimenti bisogna aspettare che si riduca spontaneamente od eseguire degli esami sierologici per identificare l'eventuale agente virale patogeno.
Cordiali saluti.
Dr. Claudio Olivieri

https://www.facebook.com/Claudio.Olivieri.Chirurgo.Pediatrico/

[#2] dopo  
Utente 162XXX

Buonasera,
ieri pomeriggio abbiamo fattto l'ecografia il referto dice:" La tumefazione obiettivabile in sede nucale a dx è sostenuta da linfonodo aumentato di volume di circa 2 cm di diametro. Anche in sede inguinale dx area linfonodale di circa 25mm di diametro. Nulla a carico delle restanti stazioni esaminate e della milza"
Chiedo un suo parere circa il referto dell'ecografia.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Claudio Olivieri

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Certamente, è utile valutare anche le caratteristiche strutturali del linfonodo evidenziate all'esame ecografico per avere la conferma che si tratti di linfonodi di tipo reattivo.
Ovviamente, è importante far valutare i linfonodi al vostro pediatra curante per valutare se vi sono state delle variazioni o meno, e se necessario eseguire ulteriori approfondimenti.
Cordiali saluti
Dr. Claudio Olivieri

https://www.facebook.com/Claudio.Olivieri.Chirurgo.Pediatrico/

[#4] dopo  
Utente 162XXX

Salve,
in questi mesi abbiamo fatto 2 day hosptital in un centro di oncoematologia pediatrica per il linfonodo di cui parlavo in precedenza.
Sintetizzo gli esami del sangue, emocromo tutto nella norma, mononucleosi, toxoplasma, cmv, anti bartonella tutti negativi,, ldh 554, fosfatasi alcalina 178, creatinina 0,34, tas 637 a dicembre, ripetuta a gennaio 670, pcr 3,3, ves 20.
L'esame ecografico ha evidenziato le dimensioni del linfonodo 20 mm x 7 mm ad ecostuttura ipoecogena a all'ecodopller vascolarizzazione aumentata come da flogosi reattiva, ilo decentrato. Abbiamo ripetuto l ecografia dopo uin mese e non ci sono variazioni nelle dimensioni ma l'ilo è più centrato.
L'ematologo quindi ha rilevato che il quadro linfoghiandolare depone per un processo di tipo flogistico
Ha prescritto una cura con l'azitrocin per due mesi, il primo ciclo 9 giorni (non è eccessivo) 7 no e poi 3 gg si e 7 no, se non ci sono variazioni di valutare di fare la biopsia.
Nel frattempo abbiamo fatto una visita all'otorino che ha riscontrato delle tonsille ipertrofiche e il linfonodo mobile di natura reattiva
L'otorino mi diceva che i linfonodi posso rimanere così anche per due anni e regredire con la crescita.
La bambina nel frattempo sta bene, frequenta regolarmente la scuola e la palestra.
Tutti mi dicono di stare tranquilla, ma sinceramente è un po' difficile....
Chiedo un suo parere.
Grazie
Saluti

[#5] dopo  
Dr. Claudio Olivieri

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Trattandosi di un linfonodo reattivo, non procederei a biopsia. Sono linfonodi che possono risentire di uno stato influenzale o di qualsiasi altro processo infiammatorio (otiti, faringiti).
Ovviamente, è utile eseguire dei controlli ma vedrà che non subirà nessuna alterazione se non quello di diminuire nel tempo.
Cordiali saluti.
Dr. Claudio Olivieri

https://www.facebook.com/Claudio.Olivieri.Chirurgo.Pediatrico/