Utente 930XXX
Buongiorno
Ho una bimba di 2 mesi intollerante alle proteine del latte vaccino e quindi con problemi di dermatite. Viene allattata esclusivamente con latte in polvere privo di dette proteine (Aptamil Pepti 1). Abbiamo ricevuto l'invito dell'asl di presentarci alla vaccinazione esavalente. Vorrei chiederLe se crede che questo vaccino possa essere sicuro per la bimba e se in linea di massima ci sono controindicazioni al vaccino in quanto su internet si trova di tutto di più, da chi e pro-vaccinazione a chi è contro, a chi addirittura sostiene che possano essere causa di sids.
La ringrazio
Saluti

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
la questione dei vaccini e la discussione in merito è ancora accesissima. Ci sono dei dati di fatto:

-Le campagne di vaccinazione di massa sono spesso e volentieri dettate da interessi di mercato.

-se si chiede alla ASl o addirittura la Ministero delle spiegazioni sui tipi di vaccini, le possibili complicanze, gli studi e le statistiche in merito, nonché la rassicurazione che siano innocui. non vi risponderà nessuno, eppure per legge, il paziente (ed il tutore legale dello stesso, come un gentore per il figlio minore) hanno diritto al cnsenso informato prima di accettare una terapia presunta, su cui si dice poco e nulla e su cui si tace troppo per le complicanze sempre in agguato.

-il rischio di patologie post-vacciniche c'è ma nella sua domanda specifica non ho conoscenza. Posso dirle che per lencefalite post-vaccinica morbillosa, il rischio è praticament epari a quello dato dall'infezione naturale..allora che serve vaccinare? Nulla.

-i vaccini, come tutte le armi della medicina sono utili o inutili a seconda dell'uso che se ne fa. Se i bambini sono defedati, hanno paticolari condizioni di rischio a contrarre una determnata malattia, allora è bene vaccinarli, altrimenti un bambino sano ha tutto il diritto di formare la sua competenza immunologica venendo naturalmente a contatto con i vari agenti patogeni.

Come avrà capito sono piuttosto contraria alle vaccinazioni ma il mio parere non fa testo nè pretende di farne. So di certo che se avessi un figlio non lo vaccinerei e che ciò altrettanto sicuramente mi attirerebbe gli insulti e gli improperi di molti colleghi.

Il problema è quindi delicatissimo, va discusso apertamente col proprio pediatra ed è certo che il vostro "consenso" alla vaccinazione dei vostri piccoli, debba essere per legge, "informato" e consapevole di tutto, non solo quindi dei vanaggi pubblicizzati strumentalmente, ma anche dei rischi connessi.

Un cordiale saluto
Dr.ssa Agnesina Pozzi