Utente 867XXX
Salve,

iero ho effettuato il test alla metacolina con pd20= 435.

La mia spirometria era normale e dopo abbiamo fatto il test alla metacolina perchè erano incerti.


Sotto sforzo non ho sintomi ma solo costrizione a riposo e pensavano all'ansia dato che sono un soggetto molto ansioso.

Mi hanno detto che la mia asma è comunque lieve e dovrebbe essere allergica e mi hanno prescritto aliflus e singulair 10 mg per un mese.

Ma come è possibile che io abbia una spirometria normalissima e con metacolina mi dicono che sono lievemente asmatico? pd20= 435 è lieve?

grazie

saluti

[#1] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Il test con metacolina rileva una caratteristica dei bronchi dell'asmatico che è l'iperreattività. Significa che i suoi bronchi reagiscono (si costringono) a stimoli aspecifici che in persone "normali" non causano niente. La spirometria invece valuta semplicemente se nel momento in cui viene fatta i bronchi sono costretti o meno (valuta anche altro in realtà). Il valore del PD20FEV-1 non è fortemente correlato con la "gravità" dell'asma, ma dipende da vari fattori anche solo temporanei; non è possibile quindi esprimere un giudizio su questo parametro, non considerando tutto il contesto.

La presenza di un test con Metacolina positivo e di una clinica (cioè la presenza di sintomi, magari solo in alcuni periodi dell'anno) coerente può bastare per porre diagnosi di asma. Per scoprire se vi è una causa allergica sottostante può essere opportuno farsi valutare da un Allergologo; se vi fosse sensibilizzazione a specifici allergeni sarà possibile modulare la terapia nel corso dell'anno.

Saluti
Dr. Riccardo Boeri

[#2] dopo  
Utente 867XXX

Grazie dottore, io sono allergico a cane e gatto ed ho un cane che sta perennemente fuori casa, ho provato con l'antistaminico una settimana e aliflus ma non mi fanno niente e sento un continuo tutto il giorno di difficoltà in ispirazione, ma non ho sibili e non ho fischi.
Tra l'altro quando avevo un attacco allergico avevo gli occhi lacrimanti ed e starnuttivo mentre ora solo questo senso di difficolta inspiratoria.....

[#3] dopo  
Utente 867XXX

?????

aggiungo che questo senso di dispnea e agitazione è presente tutto il giorno, l'asma non va a tratti?

grazie

[#4] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
L'oculorinite (cioè l'irritazione agli occhi e al naso) è una manifestazione allergica, che può associarsi all'asma. L'asma è una malattia cronica, sempre presente, che può andare incontro a periodi di riacutizzazione anche in base ad eventuali esposizioni ad allergeni. Confermo il consiglio di rivolgersi ad un Allergologo per valutare eventuali altre sensibilizzazioni e pianificare la terapia (l'asma va trattata con una terapia specifica, non bastano certo gli antistaminici).
Saluti
Dr. Riccardo Boeri

[#5] dopo  
Utente 867XXX

ma ho provato aliflus per due settimane e antistaminico ma niente, e poi quando mi avvicino all'allergene cane o gatto lacrimo e starnuttisco, invece tutto il giorno ho questo senso che quando inspiro faccio piu' fatica a dilatare i polmoni e il diaframma...

per quello pensavo all'ansia

pero' è strano che mi prenda solo questa sensazione e non gli occhi ed il naso non crede?

stogià facendo l'immunoterapia specifica

[#6] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Non è affatto strano, come le ho detto l'asma è una malattia cronica, un'infiammazione dei bronchi sempre presente. Lei pensa all'ansia, ma il Pneumologo le ha detto che ha l'asma. Sicuramente intraprendere un percorso psicoterapeutico non le farà male (come le è già stato consigliato in altri consulti), ma anche seguire la terapia che le è stata data per i bronchi ed effettuare i controlli previsti è sicuramente importante.
Saluti
Dr. Riccardo Boeri

[#7] dopo  
Utente 867XXX

Ma la terapia che mi ha dato non serve a niente e a me sembra di respirare bene non ho senso di costrizione solo come se facessi fatica ad inspirare, sotto sforzo non ho niente e il ventolin non fa niente....

[#8] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
La terapia datale serve a ridurre l'infiammazione, per vedere i miglioramenti può volerci un po' di tempo. Inoltre serve a ridurre il rischio di avere attacchi asmatici gravi. Se è convinto che non serva a niente deve parlarne con chi l'ha prescritta.
Il ventolin è solo un broncodilatatore che serve se vi è broncocostrizione in atto.
Saluti
Dr. Riccardo Boeri

[#9] dopo  
Utente 867XXX

ok ma se io sento broncocostrizione ed il ventolin non server vuol dire che è ansia ed è una sensazione giusto?

[#10] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Tutto può essere, ma in un asmatico ritengo necessario anche trattare l'asma. Come le ho detto (e come le hanno detto altri colleghi in altri consulti) sicuramente le gioverebbe una presa in carico da parte di uno psichiatra.
Dr. Riccardo Boeri

[#11] dopo  
Utente 867XXX

ok in ultimo volevo chiederle ma in un asma lieve come informatomi puo' sparire dato che è lieve?

[#12] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
Si possono avere periodi anche prolungati di benessere. Il "lieve" è una caratteristica che si attribuisce su base clinica al momento, ma non ha molta rilevanza sull'evoluzione. Più importante sull'evoluzione è il corretto trattamento.
Saluti
Dr. Riccardo Boeri

[#13] dopo  
Utente 867XXX

ma per capire se è una sensazione oppure asma non posso comprare quei spiromteri portatili e verificare quanho mi sembra di respirare meno se effettivamente è cosi' oppure è solo ansia?

[#14] dopo  
238312

Cancellato nel 2013
La diagnosi di asma è già stata posta ha detto. Quindi perchè continuare a girarci attorno??
I misuratori portatili misurano un parametro che è il picco di flusso espiratorio (a meno che non intenda un pneumotacografo portatile che ha però un costo abbastanza elevato) che varia in corso di broncocostrizione, e che può aiutare l'inquadramento diagnostico, ma non certo guidare la terapia (come mi sembra voglia fare lei).
Dr. Riccardo Boeri