Utente
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, ho fumato per due anni (dai 20 ai 22) , poi ho smesso quasi subito aiutandomi con la sigaretta elettronica.
Sono 3 anni che utilizzo la e-cig diminuendo sempre più la nicotina, e fumando sempre meno.
Ma ultimamente ho alcuni disturbi che iniziano a turbarmi molto, ho dei dolori al petto molto forti (ho escluso già problematiche cardiache), soprattutto in posizione supina a letto, la notte mi sveglio più di 3 volte almeno a causa di un'apnea, mi sembra di soffocare e mi sveglio all'improvviso con una fame di ossigeno e una tachicardia molto accentuata.
Inoltre ultimamente mi viene quasi spontaneo evitare attività che richiedono sforzo, come se non me la sentissi di sostenerle. Non ho tosse né febbre, ma a volte sento di avere del muco che riesco ad espellere raramente, è trasparente e molto gelatinosa (ho come la sensazione di avere dell'acqua in gola)

Spero al più presto di trovare uno pneumologo nella Mia zona, ma al momento sembra non esserci. Vi chiedo solamente se posso stare tranquilla almeno in questi giorni finché non trovo un dottore specialista. I sintomi vi sembrano gravi?
Vi ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, Ho altre volte risposto a pazienti che si so no rivolti al Sito per problemi simili al suo. Per non ripetermi, la invito a leggere la risposta a questo quesito:
https://www.medicitalia.it/consulti/pneumologia/709177-apnee-appena-mi-addormento.html#3140412

Relativamente a dolori al petto molto forti (ho escluso già problematiche cardiache), va considerato che quando si instaura l'apnea, quando cioé il faringe si chiude del tutto, il paziente compie degli sforzi inspiratori nel tentativo di vincere l'ostruzione che sono molto intensi: ciò comporta una forte tensione sullo sterno all'inserzione delle costole , che può essere la causa dei suoi dolori al petto molto forti (nel bambino con scheletro ancora non ben conformato, il protrarsi di questa situazione per molto tempo tutte le notti costituisce una importante concausa nel determinarsi della deformazione anatomica denominata pectus excavatum ). In questi casi è tipico che si pensi ad un problema cardiaco, che invece si rivela inesistente (ho escluso già problematiche cardiache). Può trovare altre notizie su questa problematica visitando il mio sito internet alla pagina "Patologie trattate-Russare notturno e Apnee nel Sonno", e leggendo gli articoli che si aprono con il link qui sotto. Se si riconosce nelle problematiche trattate, eventualmente mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1310-ipertensione-arteriosa-attenti-russare-apnea-sonno.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La ringrazio della recensione. Tenga presente che 3 stelle risultano penalizzanti, ma se questo era effettivamente il suo giudizio, bene così.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#3] dopo  
Utente
Assolutamente no, volevo dare il massimo punteggio, ma in positivo, mi perdoni per l'errore.