Utente 105XXX
salve!nn sono nuovo in questo sito!avevo già chiesto un parere su i miei problemi di depersonalizzazione!e volevo esporre un mio nuovo problema..sono 4 mesi che sto con una ragazza fantastica che mi vuole un casino di bene...ultimamente io mi sn trasferito in una città per motivi di studio e lei è rimasta nel mio paese natale!!!in passato mi è capitato di stare cn altre ragazze e dopo un pò di tempo provavo indifferenza per loro!!!forse perchè mi rendevo conto che nn erano bellissime o per le continue influenze dei miei amici!!!oggi ho pensato che mi potesse capitare anche con la mia ragazza e pensandola h provato indifferenza rispetto alle altre volte che quando la pensavo provavo piacere!!questo mi provoca tantissima ansia perchè nn vorrei mai che succedesse qualcosa che rovinasse il nostro rapporto!!dalla disperazione ho pianto!!ed ora sono giù di morale e molto ansioso ed appena penso a questo fatto mi viene da piangere!!!tra una settimana salirà ed ho tanta paura di provare indifferenza appena la vedrò!!!questo pensiero mi assilla!!!ed ho paura che la depersonalizzazione mi porti questo mal funzionamento dei miei sentimenti!!cosa devo fare??

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

chi ha fatto diagnosi di depersonalizzazione, spero non lei da solo. Questi che riferisce sembrano pensieri ossessivi, i quali non devono ricevere rassicurazione ma essere depotenziati se occorre mediante una cura, se sono transitori non devono essere "riflettuti" altrimenti si alimentano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 105XXX

si la diagnosi l'ho fatta più o meno io!!anche se sono stato 3 anni fa da uno psicologo sempre per questo problema perchè avevo paura di impazzire ansia e senso di irrealtà panico e tutto questo mi è successo dopo uno spinello!!!però poi ho perso i contatti con il mio psicologo o psichiatra non mi ricordo..con il tempo le cose sono migliorate ma secondo me il problema andrebbe tolto dalla radice perchè sicuramente non mi sentò più quello di un tempo...poi la cosa strana è che quando immagino il suo viso provoquesto pensiero di indifferenza ma allo stesso tempo non la vorrei perdere per nulla al mondo perchè soffrirei tantissimo..è un pò strana come cosa..mi è già successo con questa ragazza ma poi con il tempo mi è passato...io sono un tipo che si fissa poi aggiungendo qualche fattore inconscio come la distanza dalla famiglia la città nuova ecc si è ingigantita...

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Allora non c'è nessuna diagnosi. I fenomeni che insorgono a seguito dell'uso di cannabis hanno di solito queste caratteristiche, e possono ripetersi anche senza che si ripeta l'uso, probabilmente perché c'è una predisposizione. I sintomi di depersonalizzazione non sono esclusivi del disturbo da depersonalizzazione, quindi se ne vuole sapere di più deve far inquadrare il problema da un tecnico del settore, ovvero uno psichiatria.
La distanza della famiglia è un fattore di solito rilevante per il disturbo di panico, ma è conscio, soltanto che non viaggia per significati ragionati magari, cioè è una risposta biologica automatica alla lontanaza, che per generare ansia deve incontrare un cervello costituito in un certo modo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 105XXX

le volevo dire che sono stato da uno psichiatra a mi ha detto che non ho nulla dal punto di vista psichiatrico!!però i miei dubbi su quello che provo per la mia ragazza ci sono!appena mi allontano o si allontana lei vado ancora più in crisi perchè non stando con lei non riesco ad analizzare quello che provo nelle varie situazioni,anche se sono consapevole che non mi aiuta questa continua analisi dei miei sentimenti!!il problema è che non la voglio perdere ed ogni volta che mi faccio una immagine di lei in testa mi viene da piangere!!!ultimamente sono nel mio paese perchè non me la sento di andare all'uni fuori da casa in questa situazione!!il brutto è che mi abbandono a questi pensieri negativi che crescono crescono fino a provocarmi stati d'ansia e lascio andare lo studio ecc ecc!!!datemi un consiglio!!l'unica cosa chemi fa stare meglio è che i miei genitori mi hanno detto che in una coppia ci sono degli alti e dei bassi e che mi passerà con il tempo e secondo perchè se ci sto male vuol dire che provo ancora qualcosa!!secondo voi?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io chiederei un secondo parere psichiatrico. Da come riferisce questa situazione e dal fatto che ormai e' passato un mese dal consulto, mi sembra strano liquidare con un "non ha niente". Sembra un meccanismo ossessivo.
Comunque analizzarsi fa ovviamente peggio, e soprattutto capire i sentimenti e' un approdo senza senso, non c'e' niente da capire. Non si devono trovare risposte sensate alle paure di questo tipo, sono paure che dovrebbero essere cancellate in partenza automaticamente, se il cervello non lo fa e cerca di uscirne facendosi domande si incarta da solo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 105XXX

si ha ragione mi sto incartando di brutto troppe domande che generano troppi dubbi!durante questo mese io ho fatto finta di niente e con la speranza che con il tempo passasse tutto e di fatto mi sentivo più tranquillo e sereno!!ora invece che è partita mi sono chiuso nei dubbi!il problema è che forse io vorrei provare sempre il 100%come è nei primi mesi che si conosce una persona!voi cosa mi consigliate di fare?io martedì devo prendere un appuntamento dal mio psicologo per affrontare questa crisi!!

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Appunto, non si incarti e legga le risposte già date (risposta precedente sul da farsi).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 105XXX

le volevo chiedere se si può trattare di doc da relazione?

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non esiste questa categoria. Doc è doc. Il doc applica sé alle situazioni esterne, non il contrario.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 105XXX

perchè in questi giorni sto leggendo che molte persone provano le mie stesse sensazioni e lo chiamano doc da relazione..

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Come dire doc in situazioni comuni della vita, non "da" situazioni comuni della vita. Le persone possono chiaccherano come credono meglio dei loro problemi, neanche ha senso usare termini diagnostici se non corrispondono a diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 105XXX

le chiedo questo perchè oltre a questa ossessione ne ho avute altre ad esempio la paura di impazzire dopo lo spinello..che mi è durata tanto tempo e cercavo materiale su inernet che mi potesse rassicurare..poi quella di non provare più emozioni per i miei genitori o familiari!in poche parole da quando sono stato male per quello spinello mi sento diverso

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Proprio quello che dicevo. Quindi che c'entra la relazione ? Ma ha avuto una diagnosi o no ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 105XXX

ancora no!!non ho ben capito perchè sto andando al centro salute mentale..all'inizio con un dottore ed ora lui mi ha passato ad un altro che mi ha fatto molte domande(anamnesi familiare,psicologica ecc.)e mi hanno inserito in un gruppo in cui ci sono degli esercizi di respirazione infatti dovrò andare in tuta e con un tappetino!mentre mercoledì dovrò andare ad una seconda seduta!mi hanno detto che sono un tipo ansioso ma più di questo niente

[#15]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

sono allibito. La base per operare è una diagnosi, anche di minima. Non mi risulta che esistano disturbi d'ansia definiti che si curano in tuta e tapis-roulant.
Psicoterapia e farmacoterapia sono i presidi standard, poi se non si fa diagnosi ovviamente siamo alla cieca.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 105XXX

dicevo il tappeto quello per gli esercizi da rilassamento non quello per correre..cmq credo che l'inserimento in questo gruppo sia una cosa in più per allentare la mia ansia..ma già alla prime due sedute si può dare una diagnosi?mercoledì chiederò che cosa ho realmente perchè ancora non l'ho capito!!

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono egualmente allibito.

La diagnosi si può e si deve fare prima di incanalare una persona verso trattamenti X o Y. Visto che si parla di ansia le tecniche di rilassamento per cosa sarebbero indicate, e su quale base scientifica ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it