Utente 923XXX
Faccio uso regolare di xanax in dosi che variano da 1,5 a 2 mg. die a seconda della gravità dei sintomi (attacchi di panico, ansia anticipatori e agorafobia). Ora mi ritrovo come tutti gli anni ad affrontare l'allergia stagionale e visto che il cortisone (bentelan) mi da un effetto decisamente breve sono costretto ad usare antistaminici. Ho comprato il reactine in quanto mi è sembrato più leggero di altri prodotti (5 mg. di cetirizina contro i 10 mg. Di altri prodotti analoghi, ad ex. lo zirtec). Volevo sapere se ci sono controindicazioni o pericoli nell'assunzione di questo tipo di antistaminico unitamente allo Xanax, del quale non posso fare a meno visti i gravi disturbi di panico dei quali soffro.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Massimo Lai

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
FRANCIA (FR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

un effetto frequente degli antistaminici è la sedazione, anche se la cetirizina non dovrebbe provocarne tranne che in persone predisposte. Nel suo caso tale effetto può sommarsi a quello della benzodiazepina che assume. Quindi occorre fare attenzione alle attività che richiedono vigilanza.

Consideri che la terapia degli attacchi di panico non è l'alprazolam, le consiglio quindi di consultare un medico per una terapia adeguata.

Cordiali saluti
Massimo Lai, MD

[#2] dopo  
Utente 923XXX

Ringraziandola per la risposta le comunico che di medici ne ho consultati a valanghe (psichiatri e psicologi). Ognuno ha le sue teorie che all'atto pratico su di me non sortiscono gli effetti terapeutici desiderati. Ho provato con gli ssri (citalopram) il quale mi ha fatto più male che bene, con la psicoterapia e terapia cognitivo comportamentale, con altri tipi di benzodiazepine (diazepam, lorazepam, prazepam, ecc.) ma senza risultati apprezzabili. I miei attacchi di panico si risolvono al mattino dopo poche ore dal risveglio e la sera all'imbrunire; quindi ho aggiustato la dose con 0,75 al mattino appena sveglio e 0,75 alle 19,30, occasionalmente prendo ulteriori 0,25 al pomeriggio al bisogno. Le dosi descritte vengono assunte con 0,50 in pillola e 0,25 in gocce. Prese nei momenti indicati sortiscono l'effetto di tenere sotto controllo la sintomatologia e riesco a vivere (diciamo) normalmente. I miei attacchi di panico derivano da situazioni di stress post traumatico e dal tenore di vita che tutt'ora conduco, estremamente stressante e sottoposto a continui traumi, ad oggi lo xanax è stato l'unico farmaco che è riuscito a darmi un valido aiuto, pur riconoscendo di averne ormai una certa dipendenza/assuefazione. Se lei ha qualche valida alternativa (farmacologica) sono ben accetti consigli, escludendo a priori ssri o psicoterapie varie.

[#3] dopo  
Dr. Massimo Lai

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
FRANCIA (FR)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
"Escludendo a priori ssri o psicoterapie varie": forse finora non ha trovato la terapia adatta a lei (un solo SSRI?) ma le consiglio di insistere considerando che esistono anche altri farmaci. A lungo andare il tampone che utilizza potrebbe non essere più sufficiente.
Auguri
Massimo Lai, MD

[#4] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
più che degli antistaminici mi preoccuperei dell'uso prolungato di benzodiazepine. Condivido con il dott. Lai l'opinione che un solo ssri non giustifica la convinzionedi non riuscire a trovare una terapia adatta.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it