x

x

Non mi ricordo le cose.

Buongiorno a tutti,
sono una ragazza di 23 anni, ho u problema che mi sta davvero mettendo in situazioni difficili: no riesco a ricordarmi le cose. Mi spiego: posso cercarmi di ricordare le cose avvenute in passato (infanzia o adolescenza) ma non ho nessun tipo di ricordo, tranne quelli legati a brutti o gravi episodi. Non solo, non riesco a ricordarmi nemmeno ciò che faccio durante la giornata. Questo avviene un po da sempre.
Sono sotto trattamento, quindi prendo degli antidepressivi (Citalopram, 3 capsule al dì), ma ho anche precedenti in famiglia di Parkinson e Alzheimer (entrambi i miei nonni paterni e materni sono morti per queste malattie). Non so davvero cosa pensare, non so se sia causa di questa depressione che mi porto dietro da anni o se sia qualcosa di ben diverso.
[#1]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7.2k 160 116
Gentile utente,
ha riferito questo problema allo specialista curante? Per quale diagnosi assume il citalopram?

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2010 al 2011
Ex utente
Buongiorno Dottore,
Ho riferito il problema alla psichiatra che mi segue, ma non l'ha preso in considerazione più di tanto, nel senso che mi ha detto di rivolgermi al mio medico di base.
Sono sotto trattamento per depressione cronica.
[#3]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7.2k 160 116
Gentile utente,
le difficoltà nella memoria potrebbero essere riconducibili alla sintomatologia depressiva, oppure ancora a cause organiche che andrebbero indagate. In ultima analisi potrebbe giocare un ruolo anche la terapia farmacologica. Per indagare tutti questi aspetti è necessario che lo specialista e il medico di base agiscano di concerto. Può iniziare chiedendo al medico di base di valutare l'opportunità di effettuare delle analisi di routine.
Cordiali saluti
[#4]
dopo
Attivo dal 2010 al 2011
Ex utente
Dottore,
ho i miei dubbi che sia dovuto al trattamento perché, come le dicevo nel mio primo post, è una cosa che avviene da sempre. Ma seguirò il suo consiglio e chiederò al mio medico di base di fare degli esami.

La ringrazio per il suo tempo e buon 25 aprile.
[#5]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 40.4k 930 271
Gentile utente,

Alcuni disturbi comportanno la preoccupazione di testare continuamente la propria memoria, o di preoccuparsi per il fatto di non ricordare elementi del passato come fosse una cosa anomala, naturalmente una parte dei ricordi in teoria recuperabili non lo sono più perché nello sforzo di ricordare l'angoscia impedisce la rievocazione automatica e casuale e la sostituisce con un'attenzione innaturale.

Quel che fa durante la giornata in effetti non è oggetto di rievocazione. La mancata acquisizione dei contenuti renderebbe una persona praticamente invalida al 100%. Lei lavora, studia, viaggia da sola, riconosce le persone, fa conversazioni telefoniche, ha impegni quotidiani, è al corrente di quel che accade nel mondo (notizie, cose che la riguardano) ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref

L'Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce il cervello in modo progressivo e irreversibile. Scopri sintomi, cause, fattori di rischio e prevenzione.

Leggi tutto