Utente 197XXX
Vorrei provi un quesito: per il trattamento del disturbo bipolare è più indicato il solian o il seroquel? Grazie mille dell'interessamento, buon lavoro e buona giornata!!

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non esiste un farmaco migliore per tutti. Non è chiaro da quale punto di parte: prima terapia, disturbo con sintomi psicotici o senza, quale diagnosi precisa (I, II altro ?) e quale fase in corso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 197XXX

Parlo di un mio amico che ha già avuto un altro paio di volte nella sua vita problemi di depressione curati rispettivamente una volta con zoloft e quella successiva con cipralex; detto questo sarebbe la terza volta che ha questo tipo di problemi e gli è stato diagnosticato una sindrome da disturbo bipolare credo con sintomi psicotici e gli era stato prescritto un quartino di solian ogni mattino dallo stesso neurologo che l'aveva curata le prime 2 volte ma poi dopo alcuni mesi in cui non aveva ottenuto nessun miglioramento ha cambiato città e si è rivolta ad uno psichiatra nella nuova città in cui è andata ad abitare e quest'ultimo le ha prescritto zoloft la mattina e seroquel 300 la sera e l'ho sentita l'altro giorno e mi è parsa migliorata.
La mia curiosità era sapere se secondo Lei è migliorata perchè la nuova terapia a base di zoloft+seroquel è più specifica per quel titpo di disturbo oppure no? Ancora grazie di tutto!!

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Poniamo il caso che quindi si tratti di un disturbo bipolare di tipo I, con sintomi psicotici. Un quartino di solian ( mg ?) in fase acuta è decisamente inefficace, mentre seroquel 300 mg potrebbe funzionare, ovviamente dipende anche da che tipo di fase sia in corso.

Non è solo questione di specificità, anche di dosi,
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 197XXX

Grazie mille della tempestività e della precisione della risposta e, visto che lei mi chiede i mg, per concludere essendo più preciso ha preso un quartino di solian 200 quindi 50 mg per 5 mesi e poi metà solian 200 quindi 100 mg per 1 mese poi si è trasferito e come le dicevo ha cambiato cura. Le chiedo quindi un ultimissima cosa e poi non la disturbo più ovvero per un disturbo bipolare di tipo I con sintomi psicotici secondo lei la cura fatta con quella posologia di solian era un pò poco ed è quindi è per questo che ho avuto la sensazione di sentirlo meglio adesso che usa zoloft la mattina e seroquel 300 la sera? Ancora grazie di cuore di tutto, buona lavoro e buona giornata!!

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Questo andamento sembra quello di una cura con dose variata ma sostanzialmente bassa, per il seroquel 300 mg non è una dose alta, ma comincia ad essere di quelle utili.

La questione però è che a seconda del momento una cura può funzionare o meno. Se la fase psicotica è rientrata in teoria per periodo può non essere necessario un antipsicotico, o essere mantenuto a dosi minime. Il disturbo bipolare I è intermittente, per cui possono esservi fasi psicotiche che coprono alcuni mesi e poi non esservi più un'esigenza di contrastare sintomi di quel tipo, per cui la cura si concentra sulla prevenzione delle ricadute.
Di solito comunque, antipsicotico o non antipsicotico, una cura di fondo preventiva delle ricadute c'è, a volte lo stesso antipsicotico, a volte un altro tipo di medicinale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 197XXX

Mi scusi l'ignoranza ma mi dica se ho capito bene, sostanzialmente sia 50 mg che 100 mg di solian nella fase acuta del disturbo bipolare sono un pò bassini per dare dei risultati mentre zoloft + seroquel 300 mg pur non essendo una dose alta può iniziare ad essere efficace...infine veramente ma veramente un ultimissima cosa: è vero o non è vero quello che ho letto su una rivista che se uno ha già usato un antidepressivo per esempio lo zoloft in passato riutilizzarlo in futuro non ha senso perchè non dà più lo stesso risultato? Non le mando più mail perchè le ho rubato fin troppo tempo!!

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, nella fase acuta (se da soli e contro una fase psicotica).

"se uno ha già usato un antidepressivo per esempio lo zoloft in passato riutilizzarlo in futuro non ha senso perchè non dà più lo stesso risultato?"

No, ma può citare la fonte, perché probabilmente il discorso è un altro.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 197XXX

Mi dispiace ma purtroppo la fonte proprio non me la ricordo e probabilmente è come dice lei e ho mal interpretato ma glielo chiedevo perchè siccome il mio amico aveva preso zoloft in passato ed ora glielo hanno prescritto nuovamente associato al seroquel volevo sapere se aveva senso ciò che avevo letto ma che ripeto probabilmente avevo mal interpretato; ma quindi per concludere lei se dovesse trattare una persona affetta da disturbo bipolare sarebbe più per prescriverle zoloft+seroquel 300 invece di solian a 50 mg o 100 mg e ritiene che quest'ultimo sia insufficiente? (Non è per fare polemica col neurologo che gliel'aveva prescritto ma solo per la curiosità di capire se era logico fare come il suo nuovo psichiatra che gli ha fatto interrompere il solian e gli ha cambiato terapia)

[#9] dopo  
Utente 197XXX

Mi dispiace ma purtroppo la fonte proprio non me la ricordo e probabilmente è come dice lei e ho mal interpretato ma glielo chiedevo perchè siccome il mio amico aveva preso zoloft in passato ed ora glielo hanno prescritto nuovamente associato al seroquel volevo sapere se aveva senso ciò che avevo letto ma che ripeto probabilmente avevo mal interpretato; ma quindi per concludere lei se dovesse trattare una persona affetta da disturbo bipolare sarebbe più per prescriverle zoloft+seroquel 300 invece di solian a 50 mg o 100 mg e ritiene che quest'ultimo sia insufficiente? (Non è per fare polemica col neurologo che gliel'aveva prescritto ma solo per la curiosità di capire se era logico fare come il suo nuovo psichiatra che gli ha fatto interrompere il solian e gli ha cambiato terapia)

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Questa ultima domanda non ha senso. La mia scelta non è per forza limitata a quelle due opzioni né posso fare confronti su informazioni magari incomplete.

Perché visto che non si tratta di Lei è così importante avere questi giudizi così netti, la cosa tanto si svolge tra il paziente e il medico, per cui cosa cambia anche sapendo se sia meglio una cura o l'altra ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Questa ultima domanda non ha senso. La mia scelta non è per forza limitata a quelle due opzioni né posso fare confronti su informazioni magari incomplete.

Perché visto che non si tratta di Lei è così importante avere questi giudizi così netti, la cosa tanto si svolge tra il paziente e il medico, per cui cosa cambia anche sapendo se sia meglio una cura o l'altra ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 197XXX

Ha ragione a dirmi che se non si tratta di me non ha senso rispondermi ma in realtà mi vergogno maledettamente a dire che si tratta di me ed è per questo che le chiedo la gentilezza di rispondermi al quesito che le avevo posto ovvero se lei dovesse trattare una persona affetta da disturbo bipolare sarebbe più per prescriverle zoloft+seroquel 300 invece di solian a 50 mg o 100 mg e ritiene che quest'ultimo sia insufficiente? Le garantisco che non è assolutamente per fare polemica col neurologo che me l'aveva prescritto ma solo per capire. Nuovamente grazie della grande disponibilità, buon lavoro e buona giornata!!

[#13] dopo  
Utente 197XXX

Ha ragione a dirmi che se non si tratta di me non ha senso rispondermi ma in realtà mi vergogno maledettamente a dire che si tratta di me ed è per questo che le chiedo la gentilezza di rispondermi al quesito che le avevo posto ovvero se lei dovesse trattare una persona affetta da disturbo bipolare sarebbe più per prescriverle zoloft+seroquel 300 invece di solian a 50 mg o 100 mg e ritiene che quest'ultimo sia insufficiente? Le garantisco che non è assolutamente per fare polemica col neurologo che me l'aveva prescritto ma solo per capire. Nuovamente grazie della grande disponibilità, buon lavoro e buona giornata!!

[#14]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

tenga presente che on line non è possibile dare prescrizioni farmacologiche.

Inoltre, senza sostituirmi al collega, credo sia davvero impossibile avere la possibiltà di indicare una scelta senza una visita diretta che tenga conto di tutti i fattori personali presenti.

In tal senso non esiste di per sè solamente l'ipotesi duplice da lei indicata: esistono protocolli di trattamento che tuttavia vanno sempre adattati al contesto clinico (variabile da caso a caso).
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#15]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

rimane una domanda non costruttiva. Quando decido le terapie da dare a una persona non faccio scelte obbligate tra queste due alternative. Potrebbe anche essere che queste due non rientrano neanche tra quelle a cui penserei in prima linea.

Non vedo poi il costrutto anche perché se ha un medico che le indica una cura sceglie o meno di seguirla, che senso ha rimuginare a vuoto se sia meglio o peggio di un'altra ?

Se si tratta di Lei, non vedo cosa ci sia da vergognarsi in questa sede.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it